Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Biopsia epatica

Di

Christina C. Lindenmeyer

, MD, Cleveland Clinic

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Un campione di tessuto epatico può essere ottenuto durante un intervento chirurgico esplorativo, ma il prelievo viene più spesso effettuato inserendo un ago cavo attraverso la cute fino al fegato. Questa procedura viene definita biopsia epatica percutanea. Un altro tipo di procedura prende il nome di biopsia epatica transvenosa.

La biopsia epatica può rivelare informazioni sul fegato che potrebbero non risultare da altri esami. Viene comunemente usata per rilevare il grasso in eccesso presente nel fegato (steatosi epatica), le infiammazioni epatiche croniche (epatite cronica), le epatopatie di natura metabolica come la malattia di Wilson (eccesso di rame) e l’emocromatosi (sovraccarico di ferro), le complicanze dovute a un trapianto di fegato e un tumore epatico metastatico (tumore che si è diffuso al fegato).

Visione d’insieme del fegato e della cistifellea

Visione d’insieme del fegato e della cistifellea

Biopsia epatica percutanea

La biopsia epatica percutanea può essere praticata ambulatorialmente. In genere si ricorre all’ecografia per individuare il fegato e guidare l’ago al fine di ottenere un campione bioptico di una zona anomala. Una volta identificato il sito bioptico desiderato, il medico anestetizza la cute del soggetto e inserisce l’ago nel fegato. L’ago cavo fuoriesce con un piccolo frammento di tessuto epatico al suo interno.

Una volta prelevato il campione, il soggetto deve restare in ambulatorio per 3-4 ore perché sussiste un piccolo rischio di complicanze, come il sanguinamento del fegato. Dato che il sanguinamento può protrarsi per 15 giorni dopo la biopsia, si raccomanda al paziente di restare al massimo a un’ora di distanza dall’ospedale durante tale periodo. Le complicanze correlate a una biopsia epatica, anche se non frequenti, possono causare gravi problemi; in seguito a tale procedura si verifica il decesso di 1 soggetto su 10.000. Dopo la biopsia epatica si manifesta spesso un lieve dolore al quadrante addominale superiore destro, talvolta irradiato alla spalla destra, che viene solitamente alleviato dagli analgesici.

Biopsia epatica transvenosa

Nella biopsia epatica transvenosa si introduce un catetere in una vena del collo, lo si spinge attraverso il cuore e lo si posiziona in una delle vene epatiche che drenano il fegato. Un ago sulla punta del catetere viene quindi inserito all’interno del fegato attraverso la parete della vena. Tale procedura comporta minori probabilità di lesioni epatiche, rispetto a quanto avviene nella biopsia percutanea. È particolarmente utile nei soggetti che non presentano un’adeguata coagulazione del sangue, una delle complicanze di una malattia epatica grave.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sull’epatite autoimmune
Video
Panoramica sull’epatite autoimmune
Modelli 3D
Vedi Tutto
All’interno del fegato
Modello 3D
All’interno del fegato

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE