Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Cheratosi pilare

Di

Mercedes E. Gonzalez

, MD, University of Miami Miller School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa mar 2018| Ultima modifica dei contenuti mar 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La cheratosi pilare è un disturbo comune in cui cellule morte esfoliate dagli strati cutanei superficiali ostruiscono le aperture dei follicoli piliferi.

La causa esatta è sconosciuta, ma spesso è ereditaria. Inoltre, le persone affette da dermatite atopica hanno maggiori probabilità di presentare una cheratosi pilare. Tuttavia, non sembra che la cheratosi pilare sia una reazione di ipersensibilità o un disturbo del sistema immunitario.

Sintomi

I bozzi che caratterizzano la cheratosi pilare sono piccoli, di colore cutaneo oppure rossi e secchi. Compaiono in corrispondenza dei follicoli piliferi e rendono la cute ruvida. A volte, presentano dei tappi al centro che somigliano a piccoli brufoli. Generalmente, questi bozzi non sono pruriginosi né dolenti e causano solo problemi a livello estetico, ma a volte possono provocare prurito. Le zone colpite sono in genere le braccia, le cosce e le natiche. Anche il viso può essere interessato, soprattutto nei bambini. I bozzi si formano più facilmente nel periodo invernale e scompaiono in estate. La pelle può apparire arrossata.

Diagnosi

  • Visita medica della cute

In genere, la diagnosi di cheratosi pilare viene posta in base all’aspetto e alla ruvidezza cutanea nelle aree tipicamente colpite.

Trattamento

  • Idratanti cutanei speciali, contenenti urea o α-idrossiacidi

  • Talvolta trattamenti laser

Per la cheratosi pilare non è necessario alcun trattamento, a meno che la persona non sia fortemente a disagio per le caratteristiche del disturbo. Gli idratanti cutanei contenenti urea o α-idrossiacidi, quali l’acido glicolico o l’acido lattico, costituiscono il trattamento principale. Si possono utilizzare anche unguenti a base di petrolato, creme a base di acido salicilico, acido lattico o urea, oppure trattamenti esfolianti su prescrizione, quali l’adapalene o la tretinoina.

Qualora sia presente arrossamento facciale e ciò rappresenti un problema per il soggetto, i medici potrebbero utilizzare un laser a luce pulsata ( Utilizzo del laser nel trattamento dei problemi cutanei) per trattarlo.

Solitamente, la cheratosi pilare recidiva in seguito alla sospensione del trattamento.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Cancro della cute
Video
Cancro della cute
La cute è l’organo più esteso del corpo. Svolge numerose funzioni importanti, tra cui proteggere...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE