Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link
Interazioni farmacologiche con l’iperico

Interazioni farmacologiche con l’iperico

Farmaci interessati

Interazione

Benzodiazepine

L’iperico può ridurre l’efficacia di questi farmaci nella riduzione dell’ansia e può aumentare il rischio di effetti collaterali, come la sonnolenza.

Ciclosporina

L’iperico può ridurre i livelli ematici di ciclosporina, diminuendone l’efficacia, con risultati potenzialmente pericolosi (come il rigetto di un organo trapiantato).

Digossina

L’iperico può ridurre i livelli ematici di digossina, diminuendone l’efficacia, con risultati potenzialmente pericolosi.

Ferro

L’iperico può ridurre l’assorbimento di ferro.

Inibitori della monoaminossidasi (IMAO)

L’iperico può potenziare gli effetti degli IMAO, con possibili livelli molto elevati di ipertensione arteriosa che richiedono un trattamento di emergenza.

Inibitori della trascrittasi inversa non nucleosidici

L’iperico aumenta il metabolismo di questi farmaci, riducendone l’efficacia.

Contraccettivi orali

L’iperico aumenta il metabolismo di questi farmaci, riducendone l’efficacia.

Omeprazolo

L’iperico diminuisce le concentrazioni sieriche di omeprazolo, riducendone l’efficacia.

Farmaci fotosensibilizzanti (come amiodarone, naprossene, sulfoniluree [come glipizide] e antibiotici sulfamidici)

Se associato a questi farmaci, l’iperico può aumentare il rischio di fotosensibilità.

Inibitori della proteasi (come indinavir o saquinavir), che vengono utilizzati per il trattamento dell’infezione da virus dell’immunodeficienza umana [HIV]

L’iperico può ridurre i livelli ematici degli inibitori della proteasi, rendendoli meno efficaci.

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI, come fluoxetina, paroxetina e sertralina)

L’iperico può potenziare gli effetti di questi farmaci.

Antidepressivi triciclici

L’iperico può diminuire gli effetti di questi farmaci.

Warfarin

L’iperico può ridurre i livelli ematici di warfarin, diminuendone l’efficacia e favorendo la trombosi.