Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Granuloma inguinale

(donovanosi)

Di

Sheldon R. Morris

, MD, MPH, University of California San Diego

Ultima revisione/verifica completa mar 2018| Ultima modifica dei contenuti mar 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il granuloma inguinale è una rara malattia a trasmissione sessuale causata dal batterio Klebsiella granulomatis. L’infezione conduce a infiammazione cronica e cicatrici dei genitali.

  • Generalmente, il granuloma inguinale determina un nodulo indolore arrossato localizzato sopra o vicino ai genitali, che si accresce lentamente e quindi si apre formando un’ulcera.

  • I medici sospettano l’infezione se la persona presenta i sintomi tipici e risiede in un’area in cui l’infezione è diffusa, e confermano la diagnosi esaminando un campione di essudato prelevato dall’ulcera.

  • Il trattamento con antibiotici è solitamente efficace.

Il granuloma inguinale è estremamente raro nei Paesi sviluppati, ma è tuttora presente in Papua Nuova Guinea, in Australia, nell’Africa meridionale, nei Caraibi e in alcune parti del Brasile e dell’India.

Sintomi

I sintomi del granuloma inguinale solitamente compaiono 1-12 settimane dopo l’infezione. Il primo sintomo è un nodulo di colore rosso e non dolente, che lentamente si ingrossa fino a diventare una protuberanza tondeggiante maleodorante. Il nodulo quindi si apre ed evolve in ulcera in prossimità della sede di contagio:

  • Pene, scroto, inguine e cosce negli uomini

  • Vulva, vagina e pelle adiacente nelle donne

  • Viso in entrambi i sessi

  • Ano e natiche nei soggetti che praticano rapporti anali

L’ulcera si accresce lentamente e si diffonde nel tessuto adiacente, causando ulteriori danni. Le ulcere possono diffondersi anche quando entrano in contatto con altre zone del corpo. In assenza di trattamento, la loro diffusione è continua.

Le ulcere guariscono lentamente e possono determinare cicatrici permanenti.

Occasionalmente, l’infezione si diffonde ai linfonodi inguinali, causandone il gonfiore, oppure raggiunge le ossa, le articolazioni o il fegato attraverso il sangue.

Diagnosi

  • Esame del liquido essudato dall’ulcera

La diagnosi di granuloma inguinale si sospetta nelle persone residenti in aree in cui l’infezione è diffusa e che presentano ulcere tipiche della patologia.

Per confermarla, i medici prelevano un campione di liquido raschiando l’ulcera e lo esaminano al microscopio.

Se la diagnosi è incerta, i medici prelevano un campione di tessuto e lo esaminano al microscopio (biopsia).

Prevenzione

Le seguenti misure generali possono aiutare a prevenire il granuloma inguinale (e altre malattie a trasmissione sessuale):

  • Uso regolare e corretto di profilattici ( Come utilizzare il profilattico)

  • Evitare pratiche sessuali non sicure, come il cambiamento frequente di partner sessuale o rapporti sessuali con prostitute o con partner che a loro volta hanno rapporti sessuali con altri partner

  • Diagnosi e trattamento precoci dell’infezione (per prevenire la trasmissione ad altre persone)

  • Identificazione, seguita da consulenza o trattamento, di coloro che hanno avuto contatti sessuali con i soggetti infetti

Il modo più affidabile per prevenire le malattie a trasmissione sessuale è l’astinenza completa dall’attività sessuale (anale, vaginale od orale); tuttavia, questo è frequentemente irrealizzabile.

Trattamento

  • Un antibiotico, quale il trimetoprim-sulfametoxazolo o la doxiciclina

  • Esami di controllo e trattamento dei partner sessuali

Il trimetoprim-sulfametoxazolo, la doxiciclina, l’eritromicina, la ciprofloxacina o l’azitromicina assunti per via orale per almeno tre settimane sono efficaci. A volte gli antibiotici vengono somministrati mediante iniezione intramuscolare o endovenosa.

Quando trattate, le persone di solito iniziano a migliorare entro 7 giorni. Tuttavia, se l’infezione si è diffusa ai linfonodi inguinali adiacenti, la guarigione può essere lenta e i noduli possono ripresentarsi. Pertanto, è necessario un periodo di trattamento più lungo. Dopo l’apparente buon esito del trattamento, si dovrebbero eseguire controlli periodici per 6 mesi.

L’attuale partner sessuale dovrebbe essere sottoposto a esami di controllo e, se infetto, trattato.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Antrace
Video
Antrace
In condizioni difficili i batteri grandi, a forma di bastoncello che causano l’antrace, si...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Virus COVID-19
Modello 3D
Virus COVID-19

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE