Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Ipertensione portale

Di

The Manual's Editorial Staff

Revisione completa giu 2021
CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
Ottenere tutti i dettagli
Risorse sull’argomento

Che cos’è l’ipertensione portale?

La vena porta è il grosso vaso sanguigno che porta il sangue dall’intestino al fegato.

Ipertensione è un termine medico che indica una pressione sanguigna elevata.

L’ipertensione portale, quindi, è una pressione sanguigna elevata all’interno della vena porta.

Vascolarizzazione del fegato

Vascolarizzazione del fegato

Quali sono le cause dell’ipertensione portale?

Quali sono le complicanze dell’ipertensione portale?

La complicanza principale è:

  • Sanguinamento

L’elevata pressione sanguigna nella vena porta obbliga il sangue a defluire in altri vasi sanguigni localizzati anche attorno allo stomaco e all’esofago (il condotto cavo che porta il cibo allo stomaco). Questi vasi sanguigni si gonfiano di sangue e possono sanguinare facilmente. L’emorragia da questi vasi sanguigni può essere grave e addirittura letale.

Quali sono i sintomi dell’ipertensione portale?

L’ipertensione portale di per sé non causa sintomi, ma i suoi effetti possono causarne:

Se l’ipertensione portale causa sanguinamento nello stomaco e nell’esofago, il paziente può:

  • vomitare sangue o un materiale nero simile a fondi di caffè

  • avere feci scure simili a catrame

  • avere perdite ematiche dall’ano (l’apertura da cui fuoriescono le feci)

Come si giunge alla diagnosi di ipertensione portale?

Il medico sospetta l’ipertensione portale se il paziente presenta:

Non esistono esami specifici per l’ipertensione portale, ma il medico può eseguire dei controlli del fegato, tra cui:

In caso di sanguinamento, il medico inserisce una sonda flessibile (endoscopio) nella gola per identificare il punto esatto dell’esofago e dello stomaco che sanguina. Il medico può trattare l’emorragia.

Come viene trattata l’ipertensione portale?

Un’emorragia dalle vene dello stomaco e dell’esofago rappresenta un’emergenza medica. Il medico tratta l’emorragia:

  • somministrando farmaci per rallentarla

  • sottoponendo il paziente a trasfusioni di sangue

  • chiudendo le vene che sanguinano con appositi elastici o clip (mediante un endoscopio)

Per prevenire emorragie dalle vene dello stomaco e dell’esofago, il medico ricorre a:

  • farmaci per abbassare la pressione arteriosa

  • intervento chirurgico per abbassare la pressione nella vena porta e deviare il sangue in modo che non scorra attraverso il fegato (shunt porto-sistemico)

  • trapianto di fegato (intervento chirurgico per rimuovere un fegato ammalato e sostituirlo con uno sano) come ultima risorsa

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
PARTE SUPERIORE