Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Infezioni da Escherichia coli

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Cos’è l’Escherichia coli?

Escherichia coli, spesso semplicemente E. coli, è il nome di un gruppo di batteri. Esistono diversi tipi di E. coli. Alcuni tipi vivono normalmente nell’intestino. Se questi tipi di E. coli entrano in altre parti del corpo, ci si può ammalare. Ci si può ammalare anche quando altri tipi di E. coli entrano nell’intestino.

  • Le infezioni all’intestino possono causare diarrea (evacuazioni frequenti, feci molli o liquide) e dolore nell’area addominale

  • E. coli è la causa più comune di infezioni della vescica nelle donne

  • La maggior parte delle infezioni da E. coli può essere curata con gli antibiotici

Consultare immediatamente un medico in caso di diarrea con sangue o con febbre.

Quali sono le cause delle infezioni da E. coli?

È possibile contrarre un’infezione da E. coli all’intestino se:

  • Si mangiano alimenti che contengono batteri di E. coli

  • Si toccano animali infetti da E. coli

  • Si beve acqua che contiene E. coli, soprattutto in laghi, stagni, ruscelli o piscine

E. coli può essere presente anche nel cibo cotto, se questo non è stato cotto correttamente. Gli alimenti freschi, come le insalate, possono contenere E. coli se sono stati lavati con acqua sporca.

Toccare gli animali allo zoo talvolta può diffondere l’E. coli.

Ci sono vari tipi di E. coli nei vari Paesi. Viaggiando all’estero, ci si può ammalare a causa di un tipo di E. coli comune in quel Paese (vedere Diarrea del viaggiatore).

E. coli O157:H7

E. coli O157:H7 è un tipo di E. coli comune in America del Nord che può infettare il colon (l’intestino crasso) e causare colite. La colite è un’irritazione con emorragia del colon.

L’infezione da E. coli O157:H7 si contrae esattamente come le altre infezioni da E. coli.

Quali sono i sintomi delle infezioni da E. coli?

I sintomi dipendono dalla parte dell’organismo infetta e dal tipo di E. coli che si contrae.

Le infezioni dell’intestino possono causare:

  • Breve diarrea acquosa

  • Crampi addominali

  • Nausea e vomito

Inoltre, le infezioni da E. coli O157:H7 all’intestino possono causare sangue nelle feci.

Le infezioni delle vie urinarie e della vescica possono causare:

  • Bisogno di urinare spesso

  • Dolore e bruciore durante la minzione

In che modo il medico può stabilire se una persona ha un’infezione da E. coli?

Il medico richiede degli esami per rilevare l’E. coli su campioni di sangue, urine, feci o altro materiale infetto. Il medico invierà i campioni a un laboratorio. Il laboratorio analizzerà i campioni per stabilire quale tipo di E. coli si è contratto e quali antibiotici possono eliminarlo.

Come si curano le infezioni da E. coli?

In caso di diarrea del viaggiatore dovuta a un’infezione da E. coli all’intestino, il medico può indicare di:

  • Bere molti liquidi

  • Assumere un farmaco che riduce la frequenza della diarrea

  • Assumere antibiotici, in caso di molta diarrea

Il medico non prescriverà antibiotici in caso di diarrea sanguinolenta.

In caso di infezione da E. coli della vescica, delle vie urinarie o in un’altra zona del corpo, il medico indicherà di:

  • Assumere antibiotici

Come si possono prevenire le infezioni da E. coli?

  • Lavarsi le mani dopo essere andati in bagno o aver cambiato un pannolino

  • Lavare sempre le mani, il tavolo, le superfici di taglio e gli utensili dopo aver toccato carne cruda

  • Cuocere la carne bovina a una temperatura pari almeno a 71 °C prima di consumarla: all’interno deve essere scura o marrone, non rosa né rossa

  • Evitare latte crudo, altri prodotti caseari e succhi che non siano pastorizzati (un trattamento termico che uccide i batteri)

  • Evitare di ingerire acqua in laghi, stagni, ruscelli o piscine

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE