Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Colite indotta da Clostridium difficile (C. diff)

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa mar 2018| Ultima modifica dei contenuti mar 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Che cos’è la colite indotta da Clostridium difficile?

Il colon è l’intestino crasso. La colite è un’infiammazione del colon. Il Clostridium difficile è un batterio che causa la colite con conseguente diarrea e altri sintomi. Il Clostridium difficile e la malattia che ne deriva spesso sono chiamati C. difficile o C. diff.

  • I sintomi variano da lieve diarrea a diarrea sanguinolenta frequente, accompagnata da dolore addominale e febbre

  • Per diagnosticare la presenza di C. diff. si eseguono esami delle feci e talvolta dell’intestino crasso con una sonda di esplorazione

  • È più probabile contrarre la C. diff. in caso di assunzione di antibiotici per un’altra malattia

  • La forma lieve di C. diff. talvolta migliora interrompendo l’assunzione degli antibiotici all’origine del problema

  • Se la diarrea non scompare o peggiora, è necessario assumere un altro antibiotico per eliminare i batteri C. diff.

Quali sono le cause di C. diff.?

Nell’intestino crasso vivono normalmente molti tipi di germi (microrganismi). Il C. diff. è uno di essi. Di solito questi germi sono innocui, ma può capitare che uno si moltiplichi in modo incontrollato causando la malattia. Quando si moltiplica in modo incontrollato, il C. diff. produce una sostanza (tossina) che danneggia la mucosa intestinale e provoca diarrea.

La causa più comune della crescita e della conseguente infezione del C. diff. è l’assunzione di antibiotici per un’altra infezione. Gli antibiotici disturbano l’equilibrio dei diversi batteri presenti nell’intestino e consentono al C. diff. di svilupparsi.

Il rischio di C. diff. aumenta con l’avanzare dell’età, ma è alto anche nei neonati e nei bambini molto piccoli. Altri fattori di rischio sono:

  • Una grave patologia di base

  • Un ricovero prolungato in ospedale

  • Ricovero in una struttura assistenziale

  • Trattamento chirurgico di stomaco o intestino

Talvolta, la causa non è nota.

Quali sono i sintomi di C. diff.?

I sintomi spesso insorgono 5-10 giorni dopo l’avvio di una terapia antibiotica per un’altra infezione. Tuttavia possono essere assenti fino anche a 2 mesi dopo l’interruzione degli antibiotici.

I sintomi variano da diarrea leggera a:

  • Diarrea emorragica

  • Mal di pancia

  • Febbre

  • Raramente, sensazione di nausea o di vomito

I casi più gravi possono causare gravi complicanze, come:

  • Disidratazione (troppa poca acqua nell’organismo)

  • Ipotensione

  • Intestino crasso pericolosamente ingrossato

  • Foro nell’intestino crasso

Come viene diagnosticata la C. diff.?

Si sospetta la C. diff. in presenza di diarrea entro:

  • 2 mesi dall’uso di antibiotici

  • 72 ore dal ricovero in ospedale

Si ricerca quindi:

  • Il C. diff. e la sua tossina in un campione di feci

  • L’infiammazione (colite) e altre modificazioni dell’intestino crasso esaminandolo con una sonda di esplorazione

Come si tratta la C. diff.?

Il trattamento per la C. diff. prevede:

  • Interruzione dell’antibiotico che ha provocato il problema

  • Somministrazione di un antibiotico per via orale contro il C. diff.

Evitare farmaci che rallentano o bloccano la diarrea, perché in questo modo le tossine di C. diff. rimarrebbero nell’intestino e potrebbero peggiorare le condizioni del paziente.

Una persona su 5 ha sintomi che si ripresentano di continuo. Per cercare di prevenire la ricomparsa dei sintomi, possono essere prescritti:

  • Antibiotici per un periodo prolungato

  • Probiotici (pillole che possono aiutare a ripristinare l’equilibrio di batteri nell’intestino)

  • Un trapianto fecale (le feci sane di qualcuno vengono impiantate nell’intestino del paziente per equilibrare i batteri)

Se i sintomi sono molto gravi, può dover essere necessario rimanere in ospedale, dove vengono somministrati:

  • Antibiotici

  • Liquidi per via endovenosa

  • Elettroliti

  • Trasfusioni di sangue

Raramente si procede all’asportazione chirurgica dell’intestino danneggiato molto gravemente.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Malattia da reflusso gastroesofageo
Video
Malattia da reflusso gastroesofageo
Il tratto gastrointestinale, o GI, è composto da cavità orale, faringe, esofago, stomaco e...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE