Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Disturbi temporomandibolari

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
Risorse sull’argomento

Cosa sono i disturbi temporomandibolari?

I disturbi temporomandibolari sono problemi a carico delle articolazioni, dei legamenti, dei tendini o dei muscoli che collegano parte del cranio (l’osso temporale) all’osso inferiore della mascella (la mandibola). Erano chiamati disturbi dell’articolazione temporomandibolare,

che collega il cranio alla mascella inferiore. Questa articolazione si muove in molti modi: si apre e si chiude e scivola avanti, indietro e lateralmente. La masticazione crea una grossa pressione su questa articolazione. Un pezzo di cartilagine, chiamato disco, impedisce al cranio e alla mascella inferiore di sfregare l’uno contro l’altro.

  • In presenza di un disturbo temporomandibolare si possono lamentare cefalee, sensibilità durante la masticazione o avvertire uno scatto mentre si muove la mascella

  • Medico e dentista di solito identificano un disturbo temporomandibolare mediante un esame obiettivo

  • Le donne appena al di sopra dei 20 anni e quelle tra 40 e 50 anni sono colpite più spesso

  • Il trattamento di solito comporta l’uso di un paradenti e di farmaci per alleviare il dolore

L’articolazione temporomandibolare

L’articolazione temporomandibolare

Quali sono le cause dei disturbi temporomandibolari?

I disturbi temporomandibolari sono causati da:

  • Tensione muscolare

  • Problemi fisici dell’articolazione

Stress o ansia talvolta peggiorano il problema.

La tensione muscolare nella mascella può essere causata da:

  • Serrare e digrignare i denti (bruxismo)

  • Stress emotivo o disturbi del sonno

  • Denti mancanti o denti non allineati in modo regolare (malocclusione)

I problemi articolari della mascella possono essere causati da:

Quali sono i sintomi dei disturbi temporomandibolari?

I sintomi dei disturbi temporomandibolari includono:

  • Cefalee

  • Sensibilità dei muscoli della mascella durante la masticazione

  • La mascella scrocchia o si blocca

  • Dolore accanto all’articolazione

  • Dolore o rigidità del collo che si irradia alle braccia

  • Vertigini

  • Mal d’orecchio o ostruzione delle orecchie

  • Problemi di sonno

  • Difficoltà ad aprire completamente la bocca

Come viene diagnosticato un disturbo temporomandibolare?

Il medico o il dentista di solito identifica un disturbo temporomandibolare chiedendo informazioni sull’anamnesi e conducendo un esame obiettivo. Talvolta in medico:

  • Prescrive esami di diagnostica per immagini come RMI, radiografie o TC

  • Preleva del liquido dall’articolazione per condurre esami per individuare eventuali infezioni articolari

  • Esegue un esame del sonno (polisonnografia).

Come si trattano i disturbi temporomandibolari?

Il medico farà usare:

  • Un paradenti

  • Analgesici come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)

Il medico tratta la causa del disturbo temporomandibolare. Il trattamento può includere:

  • Fisioterapia ed esercizi per la mascella

  • Farmaci miorilassanti

  • Un dispositivo per aiutare a riposizionare la mascella

  • Intervento chirurgico

  • Farmaci per l’artrite

  • Compresse calde

La maggior parte dei pazienti migliora entro circa 3 mesi. La maggior parte dei soggetti guarisce senza trattamento entro 2-3 anni.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE