Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Allergie ai farmaci

Di

Daphne E. Smith Marsh

, PharmD, BC-ADM, CDE , College of Pharmacy, University of Illinois at Chicago

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

I pazienti talvolta scambiano molte reazioni avverse ai farmaci per allergie. Per esempio, se sviluppano un disturbo gastrico dopo aver assunto aspirina (comune reazione avversa) spesso sostengono di essere “allergici” al farmaco. In realtà, non si tratta di una reazione allergica vera e propria. Le vere reazioni allergiche coinvolgono l’attivazione del sistema immunitario ad opera del farmaco (vedere anche Panoramica sulle reazioni allergiche). L’uso di aspirina può provocare disturbi gastrici perché la sua azione interferisce con le difese di barriera naturali dello stomaco contro gli acidi gastrici.

Le reazioni allergiche (ipersensibilità) a un farmaco sono relativamente rare. Contrariamente a quanto avviene in altri tipi di reazioni avverse ai farmaci, il numero e la gravità delle reazioni allergiche non sono in genere correlati alla quantità di farmaco assunto. Nei soggetti allergici, perfino una piccola quantità di farmaco può innescare una reazione allergica ( Panoramica sulle reazioni allergiche). Tali reazioni variano da quelle di minore intensità, e semplicemente fastidiose, a quelle gravi e potenzialmente letali. Alcuni esempi sono:

  • Eruzioni cutanee e prurito

  • Febbre

  • Costrizione delle vie aeree e sibilo

  • Edema dei tessuti (come la laringe e l’apertura tra le corde vocali che si chiude per interrompere il flusso di aria ai polmoni [glottide]), con compromissione della respirazione

  • Calo della pressione arteriosa, che talvolta può raggiungere livelli pericolosamente bassi.

Non è possibile prevenire le allergie ai farmaci in quanto le reazioni insorgono dopo che il soggetto è stato precedentemente esposto al farmaco (applicato sulla cute, assunto per via orale o iniettato) una o più volte senza che si sia verificata alcuna reazione allergica. Una reazione di lieve entità può essere trattata con un antistaminico. Una reazione anafilattica grave e potenzialmente letale può richiedere un’iniezione di epinefrina (detta anche adrenalina) o di uno steroide, come l’idrocortisone.

Prima di prescrivere un nuovo farmaco, i medici chiedono, generalmente, informazioni relative a eventuali allergie da farmaco. I soggetti con gravi reazioni allergiche pregresse devono indossare una collana o un braccialetto di allerta su cui siano riportate le allergie ai farmaci. Tali informazioni (per esempio, allergia alla penicillina) possono essere utili al personale medico e paramedico in caso di emergenza.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica su assorbimento, metabolismo ed escrezione...
Video
Panoramica su assorbimento, metabolismo ed escrezione...
Inalatori
Video
Inalatori
Alcune persone hanno difficoltà di respirazione dovute a malattie che interessano le vie aeree...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE