Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Lacerazione esofagea (sindrome di Mallory-Weiss)

Di

Kristle Lee Lynch

, MD, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania

Ultima revisione/verifica completa ott 2020| Ultima modifica dei contenuti ott 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Una lacerazione esofagea (sindrome di Mallory-Weiss) è una ferita che non penetra nella parete dell’esofago.

  • La lacerazione può essere causata da vomito incoercibile.

  • I sintomi includono sangue nel vomito.

  • La diagnosi si basa sugli esiti dell’endoscopia superiore.

  • Se necessario, il trattamento include misure per fermare l’emorragia.

L’esofago è un tubo cavo che unisce la gola (faringe) allo stomaco. (Vedere anche Panoramica sull’esofago e Panoramica sulle lesioni dell’esofago.)

La lacerazione del tratto inferiore dell’esofago e della porzione superiore dello stomaco, durante un episodio di vomito violento, conati di vomito o singhiozzo, viene definita lacerazione di Mallory-Weiss. La lacerazione può dare luogo alla rottura di vasi sanguigni e una successiva emorragia degli stessi. La sindrome di Mallory-Weiss fu inizialmente descritta in soggetti affetti da disturbi dovuti all’uso di alcol, ma può manifestarsi in chiunque mostri episodi di vomito violento.

La sindrome di Mallory-Weiss è la causa del 5% circa degli episodi emorragici del tratto digerente superiore (vedere anche Emorragie gastrointestinali).

Sapevate che…

  • Il vomito violento può dare luogo a una lacerazione dell’esofago.

Sintomi

Il primo sintomo della sindrome di Mallory-Weiss è solitamente la presenza di sangue rosso brillante nel vomito. Il vomito contenente sangue è detto ematemesi. Alcune persone lamentano un dolore intenso nella parte bassa del torace quando l’esofago si lacera durante il vomito.

Diagnosi

  • Endoscopia superiore

Nei soggetti che presentano sangue nel vomito dopo uno o più episodi, si sospetta una sindrome di Mallory-Weiss. Se l’emorragia è lieve, il medico può attendere prima di eseguire esami, perché può risolversi da sola.

Se l’emorragia è grave o non si risolve da sola, il medico esegue un’endoscopia superiore. Durante questo esame si osserva l’esofago utilizzando una sonda flessibile chiamata endoscopio. Questo esame consente al medico di visualizzare l’origine del sanguinamento e, spesso, anche di trattarlo.

Se il sanguinamento è rapido o grave, a volte si può scegliere l’angiografia. Durante l’angiografia, viene impiegato un catetere per iniettare in un’arteria un liquido (agente di contrasto) visibile ai raggi X.

Trattamento

  • Misure per trattare l’emorragia

La maggior parte degli episodi emorragici si risolve da sola, ma talvolta il medico deve eseguire un’endoscopia e adottare provvedimenti per interrompere l’emorragia. Tali misure includono uso di calore per cauterizzare il vaso sanguinante, l’uso di clip per chiuderlo o l’iniezione di farmaci nel vaso.

In alternativa, è possibile iniettare vasopressina o epinefrina in corso di angiografia per fermare l’emorragia nel vaso sanguigno interessato.

I soggetti che perdono grandi quantità di sangue necessitano di trasfusione.

Raramente, è necessario un intervento chirurgico per riparare la lacerazione.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Ascessi addominali
I sintomi specifici degli ascessi addominali dipendono dalla sede dell’ascesso. Tuttavia, la maggior parte delle persone presenta quale dei seguenti sintomi?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE