Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Sindrome da riferimento olfattivo

(Jikoshu-kyofu)

Di

Katharine A. Phillips

, MD, Weill Cornell Medical College;


Dan J. Stein

, MD, PhD, University of Cape Town

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti

Nella sindrome da riferimento olfattivo, il soggetto è convinto e preoccupato di emanare un odore corporeo sgradevole, maleodorante o disgustoso, mentre in realtà non lo fa.

Il soggetto che soffre di sindrome da riferimento olfattivo crede di avere un odore corporeo disgustoso anche se non è così. Questo convincimento provoca notevole angoscia e di solito compromette le sue attività quotidiane, ad esempio, lo spinge a non mostrarsi in pubblico. La sindrome da riferimento olfattivo è simile ai disturbi ossessivo-compulsivi.

Di solito, come risposta a questa preoccupazione, il soggetto affetto da sindrome da riferimento olfattivo compie ripetutamente alcune azioni, ovvero si fa docce o si lava i denti con eccessiva frequenza oppure si annusa continuamente. Questi soggetti utilizzano spesso profumi o deodoranti per cercare di coprire l’odore che ritengono di emanare. Inoltre possono pensare che gli altri stiano seduti lontano, si coprano il naso o li osservino in modo particolare a causa del presunto odore.

Un trattamento con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o con clomipramina (tipi di farmaci antidepressivi) può essere efficace. Un antidepressivo può essere usato in monoterapia o in associazione con uno di questi farmaci.

Una terapia cognitivo-comportamentale simile a quella utilizzata per il disturbo da dismorfismo corporeo può essere utile.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Disturbo dissociativo dell’identità
Nel disturbo dissociativo dell’identità (in passato definito disturbo della personalità multipla), due o più identità si alternano nel controllo della stessa persona. Quale tra queste è la forma di disturbo dissociativo dell’identità che coinvolge diverse identità evidenti alle altre persone?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE