Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Disturbo evitante della personalità

Di

Andrew Skodol

, MD, University of Arizona College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

Il disturbo evitante della personalità è caratterizzato dall’evitare situazioni sociali o interazioni che coinvolgano il rischio di rifiuto, critiche, o umiliazioni.

  • I soggetti con disturbo evitante della personalità hanno paura di essere rifiutati, criticati o imbarazzati e quindi evitano le situazioni in cui potrebbero sperimentare tali reazioni.

  • La diagnosi di personalità evitante viene formulata in base a sintomi specifici, come l’evitare situazioni che coinvolgono un contatto interpersonale per paura di rifiuto e disapprovazione oppure la sensazione di socialmente incompetenti, sgradevoli, o inferiori agli altri.

  • I soggetti con questo disturbo possono trarre giovamento dalla terapia cognitivo-comportamentale, altre psicoterapie e farmaci ansiolitici e antidepressivi.

I disturbi della personalità sono caratterizzati da persistenti schemi di pensiero, percezione, reazione e da modi di relazionarsi che provocano nel soggetto notevole sofferenza e/o compromettono le sue capacità funzionali.

I soggetti con disturbo evitante della personalità si sentono inadeguati. Gestiscono queste sensazioni evitando qualsiasi situazione in cui possano essere valutati negativamente.

Negli Stati Uniti, il disturbo evitante della personalità interessa oltre il 2% della popolazione generale. Interessa uomini e donne in egual misura.

Spesso sono presenti anche altri disturbi. Includono uno o più dei seguenti problemi:

I soggetti con fobia sociale e disturbo evitante della personalità presentano sintomi più gravi e disabilità maggiori rispetto a chi presenta solo uno dei disturbi.

Cause

Geni e fattori ambientali possono contribuire allo sviluppo del disturbo evitante della personalità. Ad esempio, i soggetti possono presentare un’ansia innata nelle situazioni sociali e/o aver vissuto rifiuto ed emarginazione durante l’infanzia. L’evitamento delle situazioni sociali è stato osservato in bambini anche di appena 2 anni d’età.

Sintomi

Paura del rifiuto

I soggetti con disturbo evitante della personalità evitano l’interazione sociale, anche sul lavoro, perché temono di essere criticati o rifiutati o che gli altri li disapprovino. Ad esempio, possono fare quanto segue:

  • Rifiutare una promozione perché temono che i colleghi li criticheranno.

  • Evitare le riunioni.

  • Evitare di farsi nuovi amici a meno che non siano certi di essere apprezzati.

I soggetti con questo disturbo presumono che gli altri li critichino e li disapprovino fino prove chiare e inconfutabili del contrario. Quindi, prima di unirsi a un gruppo e stabilire un rapporto stretto, i soggetti con questo disturbo avranno bisogno di ripetute garanzie di sostegno e accettazione acritica.

I soggetti con disturbo evitante della personalità sono riluttanti a parlare di sé per paura di essere presi in giro o umiliati.

I soggetti con questo disturbo sono molto riluttanti ad assumersi dei rischi o a partecipare a nuove attività per motivi simili. In questi casi, tendono a esagerare i pericoli e ad usare sintomi o altri problemi minimi per spiegare perché non stanno partecipando. Possono preferire uno stile di vita limitato a causa del loro bisogno di sicurezze e certezze.

Estrema sensibilità alle critiche

I soggetti con disturbo evitante della personalità sono molto sensibili a critiche, disapprovazione, o alle prese in giro, perché pensano costantemente di essere criticati o rifiutati dagli altri. Sono attenti a qualsiasi segno di risposta negativa nei loro confronti. Il loro aspetto teso e ansioso può suscitare prese in giro, che possono confermare i dubbi che hanno su di sé.

Altri sintomi

La bassa autostima e il senso di inadeguatezza inibiscono queste persone nelle interazioni sociali, in particolare le nuove. Si tengono alla larga dalle interazioni con persone nuove perché credono di essere socialmente inadeguate, sgradevoli e inferiori agli altri. Tendono a essere timidi e tranquilli perché pensano che se diranno qualcosa, gli altri diranno che sono in errore.

I soggetti con disturbo evitante della personalità desiderano l’interazione sociale ma temono di mettere il proprio benessere nelle mani degli altri. Dal momento che limitano le loro interazioni con gli altri, le persone con personalità evitante tendono ad essere relativamente isolate e a non avere una rete sociale che possa aiutarle quando necessario.

Diagnosi

  • Valutazione di un medico basata su determinati criteri

Di solito, la diagnosi dei disturbi della personalità si formula sulla base dei criteri del Manuale di diagnostica e statistica dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5), pubblicata dall’American Psychiatric Association.

Per formulare la diagnosi di disturbo evitante della personalità, i soggetti devono persistentemente evitare il contatto sociale, sentirsi inadeguati ed essere ipersensibili alle critiche e al rifiuto, come dimostrato da almeno quattro dei problemi seguenti:

  • Evitano attività lavorative che coinvolgano il contatto interpersonale perché temono di essere criticati o rifiutati o che le persone li disapprovino.

  • Non sono disposti a relazionarsi con gli altri, a meno che non siano sicuri di essere apprezzati.

  • Sono riservati nei rapporti stretti perché temono di essere ridicolizzati o umiliati.

  • Temono di essere criticati o rifiutati nelle situazioni sociali.

  • Sono inibiti nelle nuove situazioni sociali perché si sentono inadeguati.

  • Si vedono come socialmente incompetenti, sgradevoli, o inferiori agli altri.

  • Sono riluttanti ad assumersi dei rischi o a prendere parte a nuove attività perché potrebbero sentirsi imbarazzati.

Inoltre, i sintomi devono aver avuto inizio entro la prima età adulta.

Trattamento

  • Terapia cognitivo-comportamentale che si concentra sulle capacità sociali

  • Altri tipi di psicoterapia

  • Farmaci ansiolitici e antidepressivi

Il trattamento generale del disturbo evitante della personalità è simile a quello di tutti gli altri disturbi della personalità.

I soggetti con disturbo evitante della personalità potrebbero evitare il trattamento.

Se i soggetti soffrono di fobia sociale e disturbo evitante della personalità, i trattamenti seguenti possono essere efficaci:

  • Terapia cognitivo-comportamentale che si concentra sull’acquisizione di capacità sociali, svolta in gruppo

  • Altre terapie di gruppo se il gruppo è composto da altre persone con le stesse difficoltà

I soggetti con disturbo evitante della personalità possono trarre giovamento da

  • Terapie individuali che siano di supporto e tengano conto dell’ipersensibilità del soggetto al rifiuto e alle critiche

La psicoterapia psicodinamica può essere utile. Questo tipo di psicoterapia si concentra sui conflitti di fondo.

Gli antidepressivi, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e i farmaci ansiolitici possono aiutare a ridurre sufficientemente l’ansia per consentire loro di gestire nuove situazioni sociali.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Disturbo da stress acuto (DSA)
Il disturbo acuto da stress viene diagnosticato quando il soggetto è stato esposto direttamente o indirettamente a un evento traumatico e quando i sintomi tipici durano per quanto tempo?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE