Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Cohosh nero

Di

Laura Shane-McWhorter

, PharmD, University of Utah College of Pharmacy

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Il cohosh nero (actaea racemosa o cimicifuga racemosa) è una pianta dal cui fusto sotterraneo si ricavano formulazioni in polvere, compresse o liquide. L’actaea racemosa deve essere elaborata in modo da contenere dei principi attivi specifici detti triterpeni. L’actaea racemosa contiene alcuni ingredienti, come ad esempio una forma di aspirina, che possiedono effetti antinfiammatori. Sebbene venga utilizzata per produrre effetti simili agli estrogeni, non contiene alcun estrogeno vegetale.

Presunti effetti medicinali

Si ritiene che l’actaea racemosa contrasti i sintomi della menopausa (come vampate di calore, sudorazione notturna, sbalzi d’umore, frequenza cardiaca accelerata e secchezza vaginale). In altri casi la si assume per trattare l’artrite o trattare i sintomi mestruali.

Ad oggi le prove scientifiche riguardo ai benefici nell’alleviamento dei sintomi della menopausa sono contrastanti. Per esempio, il cohosh nero può aiutare ad alleviare i sintomi della menopausa, ma non con la stessa efficacia dei trattamenti ormonali. L’efficacia dell’actaea racemosa per altri disturbi e sintomi è supportata da pochi dati affidabili.

Possibili effetti collaterali

Gli effetti collaterali non sono comuni. Tra i più probabili si annoverano cefalea e mal di stomaco.

L’actaea racemosa può anche causare vertigini, sudorazione eccessiva, problemi del sistema nervoso e pressione arteriosa bassa (se assunta a dosi elevate).

È preferibile che i soggetti sensibili all’aspirina o affetti da disturbi epilettici, epatopatia, tumori ormono-sensibili (per esempio, alcuni tipi di tumore mammario), ictus o ipertensione arteriosa si astengano dall’assumere actaea racemosa. Secondo le raccomandazioni della Farmacopea statunitense (U.S. Pharmacopeia, USP) i prodotti a base di actaea racemosa devono riportare in etichetta un’avvertenza sulla possibile tossicità epatica.

Possibili interazioni farmacologiche

L’actaea racemosa può ridurre l’efficacia dei farmaci chemioterapici tamoxifene e irinotecan.

Ulteriori informazioni

Di seguito si riporta una risorsa in lingua inglese che può essere utile. Si tenga presente che IL MANUALE non è responsabile dei contenuti di tale risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Panoramica sugli esami di diagnostica per immagini
Quale dei seguenti esami di diagnostica per immagini NON utilizza radiazioni?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE