Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Coenzima Q10

Di

Laura Shane-McWhorter

, PharmD, University of Utah College of Pharmacy

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Il coenzima Q10 (ubichinone) è un enzima prodotto naturalmente nell’organismo. Partecipa ai processi di gestione delle riserve di energia delle cellule e ha un effetto antiossidante. Gli antiossidanti proteggono le cellule contro i danni prodotti dai radicali liberi, che sono sottoprodotti chimicamente attivi della normale attività cellulare. I livelli di coenzima Q10 sembrano essere inferiori negli anziani e nei soggetti affetti da malattie croniche, come disturbi cardiaci, cancro, morbo di Parkinson, diabete, virus dell’immunodeficienza umana (human immunodeficiency virus, HIV), AIDS e distrofie muscolari. Tuttavia, non è noto se questi bassi livelli contribuiscano allo sviluppo di tali disturbi.

Fonti alimentari ricche di coenzima Q10 sono la carne, il pesce e gli oli vegetali.

Presunti effetti medicinali

Il coenzima Q10 è oggetto di studio per l’uso in soggetti affetti da insufficienza cardiaca, diabete e disturbi neurologici degenerativi, come il morbo di Parkinson. Il coenzima Q10 potrebbe inoltre favorire la protezione del cuore dagli effetti tossici di alcuni farmaci chemioterapici antitumorali (come doxorubicina e daunorubicina). Nonostante alcuni studi preliminari abbiano indicato che il coenzima Q10 potrebbe avere proprietà protettive, sono necessarie ulteriori analisi. Il coenzima Q10 è stato studiato anche come farmaco per alleviare dolore muscolare, debolezza, crampi e indolenzimento, ma la sua efficacia non è chiara.

Possibili effetti collaterali

Gli effetti collaterali sono rari, tuttavia alcuni soggetti hanno manifestato sintomi gastrointestinali, come dolori addominali, nausea, bruciore di stomaco, diarrea e vomito, e sintomi del sistema nervoso centrale, come vertigini, fotosensibilità, irritabilità e cefalea. Altri effetti collaterali includono prurito cutaneo, inappetenza, astenia e sintomi simil-influenzali.

Possibili interazioni farmacologiche

Il coenzima Q10 può ridurre la risposta al warfarin, un anticoagulante preposto alla prevenzione delle trombosi.

Ulteriori informazioni

Di seguito si riporta una risorsa in lingua inglese che può essere utile. Si tenga presente che IL MANUALE non è responsabile dei contenuti di tale risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Coenzima Q10
L’assunzione dell’integratore coenzima Q10 (ubichinone) può aiutare a proteggere il cuore dagli effetti tossici di quale dei seguenti farmaci?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE