Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Punture di razza

Di

Robert A. Barish

, MD, MBA, University of Illinois at Chicago;


Thomas Arnold

, MD, Department of Emergency Medicine, LSU Health Sciences Center Shreveport

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Le razze in passato causavano circa 750 punture/anno lungo le coste nord-americane; l'incidenza attuale è sconosciuta e la maggior parte dei casi non è riportata. Il veleno è contenuto in una o più spine presenti sulla superficie dorsale della coda dell'animale. Le punture si verificano quando un nuotatore inesperto nuota tra i frangenti oceanici, nelle baie o slitta con i piedi su una razza affondata nella sabbia e la stimola a dirigere la sua coda in alto e in avanti, portando la spina dorsale (o le spine) a contatto con il piede o la gamba del paziente. Il rivestimento tegumentario che circonda la spina si rompe e il veleno fuoriesce all'interno dei tessuti del paziente.

Sintomatologia

Il sintomo principale di una puntura di razza è un dolore acuto immediato. Anche se è spesso limitato alla zona colpita, il dolore si può diffondere rapidamente, raggiungendo la sua massima intensità in < 90 min; nella maggior parte dei casi, il dolore diminuisce gradualmente nell'arco di 6-48 h, ma a volte dura giorni o settimane. Sono frequenti la sincope, l'astenia, la nausea e l'ansia dovute, in parte, a vasodilatazione periferica. Sono stati riportati casi di linfangite, vomito, diarrea, sudorazione, crampi generalizzati, dolore ascellare o inguinale, distress respiratorio, e morte.

La ferita ha generalmente contorni irregolari, sanguina spontaneamente ed è spesso contaminata da frammenti del rivestimento tegumentario. I margini della ferita appaiono quasi sempre di colorito anomalo e si può verificare una certa distruzione tissutale localizzata. In genere, è presente gonfiore. Le ferite aperte sono soggette a infezioni.

Trattamento

  • Irrigazione e sbrigliamento

Le punture di razza a un arto devono essere trattate delicatamente irrigando con acqua salata, nel tentativo di rimuovere frammenti di spine, tessuto ghiandolare e tegumento. La spina deve essere rimossa sul luogo solo se è inserita superficialmente e non penetra il collo, il torace o l'addome, o crei un passante che possa ledere un arto. Il sanguinamento significativo deve essere tamponato esercitando una pressione locale. L'immersione in acqua calda, sebbene consigliata da alcuni esperti, non è stata verificata come un efficace trattamento precoce per le lesioni da razza.

Nel dipartimento d'emergenza la ferita deve essere riesaminata, per verificare l'eventuale presenza di residui del rivestimento, e poi ripulita; se necessario si può fare uso di un anestetico locale. Le spine incorporate vengono trattate in modo analogo ad altri corpi estranei. Le punture sul tronco devono essere attentamente valutate per evidenziare l'interessamento dei visceri. Il trattamento delle manifestazioni sistemiche è di supporto. Deve essere somministrata la profilassi contro il tetano (vedi tabella Profilassi del tetano nel trattamento di routine delle ferite), e l'estremità colpita deve essere mantenuta sollevata per alcuni giorni. Possono essere necessari gli antibiotici e la sutura della ferita.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire una toracostomia con ago
Video
Come eseguire una toracostomia con ago
Modelli 3D
Vedi Tutto
Torace
Modello 3D
Torace

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE