Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Incontinenza fecale nei bambini

(Encopresi)

Di

Teodoro Ernesto Figueroa

, MD, Nemours/A.I. duPont Nemours Hospital for Children

Ultima modifica dei contenuti ott 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'incontinenza fecale è il passaggio volontario o involontario di feci in luoghi inappropriati, nei bambini > 4 anni (o equivalente di sviluppo) che non hanno un difetto organico o una malattia eccetto la stipsi.

L'encopresi è un problema frequente dell'infanzia; si verifica in circa il 3-4% dei bambini di 4 anni e diminuisce in frequenza con l'età.

Eziologia

L'encopresi è più comunemente causata da stipsi nei bambini con fattori predisponenti comportamentali e fisici. Essa si verifica raramente senza ritenzione o stipsi, ma quando lo fa, devono essere considerati altri processi organici (p. es., malattia di Hirschsprung, malattia celiaca) o problemi psicologici.

Fisiopatologia

La ritenzione di feci e la stipsi provocano la dilatazione del retto e del sigma, che porta a cambiamenti nella reattività dei muscoli e nervi della parete intestinale. Questi cambiamenti riducono l'efficacia della funzione intestinale escretoria e portano a ulteriore ritenzione. Dato che le feci rimangono nell'intestino, l'acqua viene assorbita, motivo per cui le feci si induriscono, rendendo il passaggio più difficile e doloroso. Feci più morbide e sciolte possono quindi fuoriuscire intorno al bolo di feci indurite, con conseguente overflow. Tanto le perdite quanto il controllo inefficace dell'intestino portano a encopresi.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

Qualsiasi processo organico che si traduce in stipsi (1, 2) può provocare encopresi e quindi deve essere considerato. Di routine, per la maggior parte dei casi di encopresi, un'anamnesi accurata e un esame obiettivo possono aiutare a identificare qualunque causa fisica. Tuttavia, se insorgono ulteriori sospetti, possono essere considerati test diagnostici addizionali (p. es., RX addominale diretta, raramente biopsia della parete rettale e ancora più raramente lo studio della motilità intestinale).

Riferimenti per la diagnosi

  • 1. Koyle MA, Lorenzo AJ: Management of defecation disorders. In Campbell-Walsh Urology, ed. 11, edited by Wein A, Kavoussi L, Partin A, Peters C. Philadelphia, Elsevier, 2016, pp. 3317-3329.

  • 2. Benninga M: Evaluation of constipation and fecal incontinence. In Pediatric Incontinence, Evaluation and Clinical Management, edited by Franco I, Austin P, Bauer S, von Gontard A, Homsy I. Chichester, John Wiley & Sons Ltd., 2015, pp. 121–130.

Trattamento

  • Istruzione e demistificazione (per i genitori e per il bambino)

  • Rilievo da fecaloma

  • Mantenimento (p. es., interventi comportamentali e alimentari, terapia lassativa)

  • Lenta eliminazione dei lassativi con intervento continuato comportamentale e dietetico

Eventuali patologie sottostanti sono trattate. Se non vi è alcuna specifica patologia sottostante, vengono valutati i sintomi (1). Il trattamento iniziale implica l'educazione dei genitori e del bambino sulla fisiologia dell'encopresi, evitando di rimproverare il bambino, e contenendo le reazioni emotive di coloro che sono coinvolti. L'obiettivo successivo è quello di eliminare qualsiasi fecaloma.

Il fecaloma può essere alleviato da una varietà di regimi e farmaci ({blank} Trattamento della stipsi nei bambini); la scelta dipende dall'età del bambino e altri fattori. Sono spesso utilizzati una combinazione di glicole polietilenico con elettroliti più un lassativo stimolante (p. es., bisacodil o senna), o una sequenza di clisteri di fosfato di sodio più 2 settimane di dieta o di farmaci per via orale (p. es., bisacodile compresse) e supposte.

Dopo l'evacuazione, deve essere effettuata una visita di controllo per valutare se l'evacuazione ha avuto successo, assicurarsi che l'occlusione si sia risolta e stabilire un piano di mantenimento. Questo piano comprende il favorire il mantenimento di una regolare motilità intestinale (solitamente attraverso la gestione del lassativo in corso) e gli interventi comportamentali per favorire l'evacuazione delle feci. Ci sono molte opzioni per la terapia di mantenimento col lassativo ({blank} Trattamento della stipsi nei bambini), ma il più delle volte è utilizzato il PEG senza elettroliti, in genere 1-2 dosi di 17 g/die titolato per effetto. A volte un lassativo stimolante può essere continuato anche durante il fine settimana per favorire l'evacuazione delle feci in più.

Tabella
icon

Trattamento della stipsi nei bambini

Tipo di terapia

Sostanza

Dose

Effetti avversi selezionati

Disimpatto

Orale

Olio minerale ad alta dose per via orale (non deve essere utilizzato in lattanti < 1 anno o in bambini neurologicamente compromessi per evitare l'aspirazione)

15-20 mL/anno di età (massimo 240 mL/die) per 3 giorni o fino alla comparsa delle feci

L'incontinenza fecale, il malassorbimento di vitamine liposolubili (se i trattamenti sono ripetuti)

Soluzione orale di polietine glicol-elettrolito

25 mL/kg/h (massimo 1000 mL/h) da sondino nasogastrico fino alla comparsa delle feci o 20 mL/kg/h per 4 h/die

Nausea, vomito, crampi, flatulenza

Polietilene glicole orale senza elettroliti

1-1,5 g/kg disciolto in 10 mL/kg di acqua 1 volta/die per 3 giorni

Incontinenza fecale

Rettale

Supposte di glicerina

Lattanti e bambini più grandi: 1/2-1 supposta 1 volta/die per 3 giorni o fino alla comparsa delle feci

Assente

Clisma con olio di vaselina

2-11 anni: 66,5 mL 1 volta/die per 3 giorni o fino alla comparsa delle feci

≥ 12 anni: 133 mL 1 volta/die per 3 giorni o fino alla comparsa delle feci

Incontinenza fecale, trauma meccanico

Clisma rettale con fosfato di Na

2-4 anni: 33,4 mL 1 volta/die per 3 giorni o fino alla comparsa delle feci

5-11 anni: 66,5 mL 1 volta/die per 3 giorni o fino alla comparsa delle feci

≥ 12 anni: 133 mL 1 volta/die per 3 giorni o fino alla comparsa delle feci

Trauma meccanico, iperfosfatemia

Sostanze di mantenimento

Lassativi osmotici e stimolanti orali

Lattulosio (soluzione al 70%)

1 mL/kg 1 o 2 volte/die (massimo 60 mL/die)

Crampi addominali, flatulenza

Idrossido di magnesio (soluzione da 400 mg/5 mL)

1-2 mL/kg 1 volta/die

Se overdose, rischio di ipermagnesiemia, ipofosfatemia o ipocalcemia secondaria

Olio minerale

1-3 mL/kg 1 volta/die

Incontinenza fecale

Polietilene glicole 3350 in polvere disciolto in acqua

1-18 mesi: 1 cucchiaino di polvere in 60 mL d'acqua 1 volta/die

> 18 mesi-3 anni: 1/2 bustina (8,5 g) in 120 mL di acqua 1 volta/die

≥ 3 anni: 1 bustina (17 g) in 240 mL di acqua 1 volta/die

Incontinenza fecale

Lassativi per via orale (devono essere utilizzati per un periodo limitato di tempo)

Bisacodile (compresse da 5 mg)

2-11 anni: 1-2 compresse 1 volta/die

≥ 12 anni: 1-3 compresse 1 volta/die

Incontinenza fecale, ipokaliemia, crampi addominali

Sciroppo di Senna: 8,8 mg di sennosidi/5 mL

Compresse di senna: 8,6 mg sennosidi/compressa

> 1 anno: 1,25 mL 1 volta/die fino a 2,25 mL 2 volte/die

2-5 anni: 2,5 mL 1 volta/die fino a 3,75 mL 2 volte/die

6-11 anni: 5 mL 1 volta/die fino a 7,5 mL 2 volte/die

≥ 12 anni: 1 compressa 1 volta/die fino a 2 compresse 2 volte/die

Crampi addominali, melanosi colica

Integratori per dieta di mantenimento

Integratori di fibre alimentari

Metilcellulosa*

< 6=""> 0,5-1 g per 1 volta/die

6-11 anni: 1 g 1-3 volte/die

≥ 12 anni: 2 g 1-3 volte/die

Minore gonfiore con altri supplementi di fibre

Psyllium*

6-11 anni: 1,25-15 g 1-3 volte/die

≥ 12 anni: 2,5-30 g 1-3 volte/die

Gonfiore, flatulenza

Succhi di frutta contenenti sorbitolo (p. es., prugna, pera, mela)

Lattanti e bambini più grandi: 30-120 mL/die

Flatulenza

Destrina del grano*

2-20 anni: 5 g più 1 g per ogni anno di età, 1 volta/die

Gonfiore, flatulenza

*Numerosi prodotti e preparazioni commerciali sono disponibili in concentrazioni diverse, così le dosi sono somministrate in termini di grammi di fibra.

Strategie comportamentali comprendono regolare il tempo da passare seduti sul WC (p. es., i bambini devono restare seduti sul water da 5 a 10 minuti dopo ogni pasto per sfruttare il riflesso gastrocolico). Se i bambini hanno encopresi in alcune ore della giornata, devono sedersi al gabinetto immediatamente prima di quel tempo. Piccoli premi sono spesso utili come stimoli. Per esempio, dare ai bambini adesivi da attaccare in un grafico ogni volta che si siedono sul gabinetto (anche se non vi è produzione di feci) può aumentare l'adesione a un programma terapico. Spesso viene utilizzato un programma graduale in cui i bambini ricevono dei piccoli premi (p. es., adesivi) per ogni seduta sul gabinetto e grandi ricompense per la costanza dimostrata. Può essere necessario cambiare i premi nel corso del tempo per mantenere l'interesse dei bambini nel piano.

Nella fase di mantenimento, regolari sessioni di sedute sul wc sono necessarie per favorire l'evacuazione delle feci prima che lo stimolo all'evacuazione insorga. Questa strategia riduce la probabilità di ritenzione delle feci e permette al retto di ritornare alle dimensioni normali. Durante la fase di mantenimento, l'educazione di genitori e figli in merito alla seduta sul WC è fondamentale per il successo del regime.

Regolari visite di follow up sono necessarie per una guida continua e il supporto. La rieducazione intestinale è un processo lungo che può richiedere mesi o anni e comprende la lenta sospensione dei lassativi una volta che i sintomi si risolvono e continuare ad incoraggiare l'abitudine, e la regolarità, anche in funzione del tempo, a sedersi sul WC. Le recidive spesso si verificano durante l'arresto del regime di mantenimento, dopo la sospensione dei farmaci, quindi è importante fornire un sostegno continuo e una guida durante questa fase.

L'encopresi può riverificarsi nei momenti di stress o di transizione, per cui i membri della famiglia devono essere preparati a questa possibilità. Le percentuali di successo sono influenzate dai fattori fisici e psicosociali, ma ad 1 anno i tassi di guarigione sono circa del 30-50% e dopo 5 anni sono circa il 48-75%. I cardini del trattamento sono l'educazione familiare, il cleanout intestinale, il mantenimento e il supporto continuo.

Riferimento relativo al trattamento

  • 1. Loening-Baucke V, Swidsinski A: Treatment of functional constipation and fecal incontinence. In Pediatric Incontinence, Evaluation and Clinical Management, edited by Franco I, Austin P, Bauer S, von Gontard A, Homsy I. Chichester, John Wiley & Sons Ltd., 2015, pp. 163–170.

Punti chiave

  • L'encopresi è più comunemente causata da stipsi nei bambini con fattori predisponenti comportamentali e fisici.

  • Di routine, per la maggior parte dei casi di encopresi, un'anamnesi accurata e un esame obiettivo possono aiutare a identificare qualunque causa fisica.

  • Qualsiasi processo organico che si traduce in stipsi può provocare encopresi e quindi deve essere considerato.

  • Il trattamento viene effettuato tramite educazione, rilievo da fecaloma, mantenimento corretto delle feci, e lenta eliminazione dei lassativi con intervento continuato comportamentale e dietetico.

  • I fecalomi possono essere alleviati da una varietà di regimi e farmaci.

  • Le strategie comportamentali comprendono tempi strutturati di sedute sul WC.

  • L'encopresi può riverificarsi nei momenti di stress o di transizione, per cui i membri della famiglia devono essere preparati a questa possibilità.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE