Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Panoramica sulle anomalie cranio-facciali congenite

Di

Simeon A. Boyadjiev Boyd

, MD, University of California, Davis

Ultima modifica dei contenuti mag 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Le anomalie congenite craniofacciali sono un gruppo di difetti causati da anomalie della crescita e/o sviluppo dei tessuti molli e/o scheletrici della testa e della faccia.

Varie anomalie cranio-facciali derivano da un alterato sviluppo del 1o e 2o arco branchiale che, durante il 2o mese di gestazione, danno origine alle ossa facciali e alle orecchie. Le cause comprendono diverse migliaia di sindromi genetiche, come pure fattori prenatali ambientali (p. es., uso di vitamina A, acido valproico).

Ognuna delle specifiche anomalie congenite discusse in questa sezione può tipicamente essere associata a molte differenti sindromi genetiche, alcune delle quali sono state denominate (p. es., la sindrome di Treacher Collins). A causa del gran numero di sindromi, la discussione si concentra sulle diverse manifestazioni strutturali. Informazioni dettagliate su molte delle sindromi specifiche sono disponibili nel Catalogo delle malattie genetiche Online Mendelian Inheritance in Man® (OMIM®).

Alcune delle anomalie discusse qui comprendono

In generale, i bambini con anomalie cranio-facciali devono essere valutati per ricercare altre anomalie fisiche associate e ritardo di sviluppo che possono richiedere trattamento e/o aiutare a identificare sindromi e cause specifiche. L'identificazione della sindrome sottostante è importante per la prognosi e la consulenza familiare; un genetista clinico, quando disponibile, può aiutare a guidare la valutazione.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Panoramica sulle malformazioni congenite cardiovascolari
Quale delle anomalie genetiche familiari di seguito è responsabile del massimo rischio di ricorrenza di cardiopatia congenita (CHD) in una famiglia?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE