Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Trapianto di intestino tenue

Di

Martin Hertl

, MD, PhD, Rush University Medical Center

Ultima modifica dei contenuti ago 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Il trapianto dell'intestino tenue avviene raramente (p. es., circa 141 trapianti negli Stati Uniti nel 2015). È stato fatto con minore frequenza perché ci sono nuovi trattamenti per la malattia epatica colestatica secondaria (p. es., omegaven®, un integratore alimentare ricco di acidi grassi omega) e più sicure tecniche di posizionamento della linea di nutrizione parenterale totale.

Il trapianto di intestino tenue è indicato per i pazienti che

  • Sono a rischio di morte per insufficienza intestinale secondaria a disturbi intestinali (p. es., gastroschisi, malattia di Hirschsprung, enterite autoimmune, enteropatie congenite come la malattia da inclusione dei microvilli) o resezione intestinale (p. es., per tromboembolismo mesenterico o estesa malattia di Crohn)

  • Sviluppano complicazioni da nutrizione parenterale totale usata per trattare l'insufficienza intestinale (p. es., insufficienza epatica secondaria a malattia colestatica del fegato, sepsi ricorrenti, perdita totale di accesso venoso)

  • Hanno tumori localmente invasivi, causa di ostruzione, ascessi, fistole, ischemia o emorragia (di solito tumori desmoidi associati a poliposi familiari)

(Vedi anche Panoramica sui trapianti.)

Procedura

Il prelievo da donatore in stato di morte cerebrale, a cuore battente, è complesso, in parte perché l'intestino tenue può essere trapiantato da solo, insieme al fegato o insieme a stomaco, fegato, duodeno e pancreas. Deve essere ancora definito il ruolo della donazione da vivente consanguineo negli allotrapianti di intestino tenue.

Le procedure variano da un centro medico all'altro; anche i regimi immunosoppressivi sono variabili, tuttavia, il trattamento abituale prevede induzione con globulina antilinfocitaria, seguita da mantenimento con dosi elevate di tacrolimus e micofenolato mofetile.

Complicanze

Rigetto

L'endoscopia settimanale è indicata per verificare la presenza di rigetto. Circa il 30-50% dei riceventi ha uno o più eventi di rigetto entro il primo anno dopo il trapianto.

La sintomatologia del rigetto comprende diarrea, febbre e crampi addominali. I reperti endoscopici comprendono eritema, friabilità, ulcerazione ed esfoliazione della mucosa; le alterazioni sono distribuite in modo casuale, possono essere rilevate con difficoltà e distinte dall'enterite da cytomegalovirus per via dei corpi virali inclusi. I reperti bioptici comprendono la presenza di villi arrotondati e di infiltrati infiammatori nella lamina propria (vedi tabella Manifestazioni di rigetto del trapianto di intestino tenue per categoria).

Il trattamento del rigetto acuto si basa su corticosteroidi ad alte dosi, globulina antitimocitaria o entrambi.

Tabella
icon

Manifestazioni di rigetto del trapianto di intestino tenue per categoria

Categoria rigetto

Manifestazioni

Iperacuto

Febbre, acido lattico molto elevato

Accelerato

Febbre, diarrea, acido lattico elevato

Acuto

Febbre, diarrea, malassorbimento, acido lattico moderatamente elevato

Cronico

Diarrea, malassorbimento

Altre complicanze

Le complicanze chirurgiche si manifestano nel 50% dei pazienti e comprendono fistole anastomotiche, fistole e stenosi biliari, trombosi dell'arteria epatica e ascite chilosa.

Le complicanze non chirurgiche includono quanto segue:

  • Ischemia dell'innesto

  • Malattia del trapianto contro l'ospite causata dal trapianto di tessuto linfoide associato all'intestino

  • Successivo sviluppo della malattia linfoproliferativa

  • Aumento del rischio di infezione

Prognosi

A 3 anni, i tassi di sopravvivenza dopo il solo trapianto di intestino tenue sono

  • Pazienti: 65%

  • Innesti: > 50%

Comunemente, le infezioni contribuiscono alla morte.

Le percentuali di sopravvivenza nel trapianto di fegato e intestino tenue sono minori perché la procedura è più estesa e le condizioni del ricevente sono più compromesse. Tuttavia, dopo la fase perioperatoria, i tassi di sopravvivenza dei pazienti e degli organi trapiantati sono più alti di quelli successivi al trapianto del solo intestino tenue, presumibilmente perché il fegato trapiantato ha un effetto protettivo, prevenendo il rigetto mediante assorbimento e neutralizzazione degli anticorpi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sull'immunità mediata da anticorpi
Video
Panoramica sull'immunità mediata da anticorpi
L'immunità mediata da anticorpi comporta l'attivazione di cellule B e la secrezione di anticorpi...
Panoramica sulla funzione delle cellule B e T
Video
Panoramica sulla funzione delle cellule B e T
Esistono due classi principali di linfociti coinvolti nelle difese specifiche: le cellule...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE