Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Cisti del dotto di Skene

(Cisti del dotto di Skene)

Di

Charlie C. Kilpatrick

, MD, MEd, Baylor College of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mag 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Le cisti del dotto di Skene si sviluppano in prossimità della porzione distale dell'uretra, talvolta causando secrezione perineale, dispareunia, o formazione di ascessi.

Le ghiandole di Skene (ghiandole periuretrali o parauretrali) sono localizzate in prossimità dell'uretra distale.

Le cisti del dotto di Skene si formano se il dotto è ostruito, generalmente a causa di infezioni a carico delle ghiandole. Le infezioni generalmente si verificano nei soggetti adulti.

Le cisti possono infettarsi, portando a infezioni ricorrenti del tratto urinario e ad ascessi. Raramente, le cisti del dotto di Skene (se abbastanza grandi) ostruiscono l'uretra.

La maggior parte delle cisti del dotto di Skene è < 1 cm ed è asintomatica. Le cisti più voluminose causano dispareunia. I primi sintomi possono essere simili a quelli delle infezioni delle vie urinarie (p. es., disuria). Gli ascessi sono dolorosi, rigonfi, sensibili ed eritematosi ma tipicamente non causano febbre.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

La diagnosi di cisti del dotto di Skene è generalmente clinica. La maggior parte delle cisti sintomatiche e degli ascessi è palpabile accanto alla porzione distale dell'uretra; tuttavia, un diverticolo della parte distale dell'uretra può essere clinicamente indistinguibile da una cisti, rendendo necessaria un'ecografia o una cistoscopia per la diagnosi differenziale.

Trattamento

  • Escissione chirurgica o marsupializzazione nel caso in cui la cisti sia sintomatica

Le cisti sintomatiche richiedono l'exeresi chirurgica o la marsupializzazione. Gli ascessi vengono inizialmente trattati con antibiotici orali ad ampio spettro (p. es., cefalexina 500 mg ogni 6 h per 7-10 giorni); successivamente vengono asportati o marsupializzati.

Punti chiave

  • Le cisti del dotto di Skene si formano se il dotto è ostruito, generalmente a causa di infezioni a carico delle ghiandole.

  • Le cisti possono formare ascessi e/o provocare recidive di infezioni delle vie urinarie.

  • La maggior parte è piccola e asintomatica; le grandi cisti possono causare dispareunia.

  • Diagnosticare le cisti dei dotti di Skene mediante esame obiettivo e, se necessario, mediante ecografia o cistoscopia.

  • Eseguire l'escissione o la marsupializzazione delle cisti sintomatiche e trattare gli ascessi con antibiotici ad ampio spettro ed escissione o marsupializzazione.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire un parto vaginale spontaneo
Video
Come eseguire un parto vaginale spontaneo
Modelli 3D
Vedi Tutto
Parto vaginale
Modello 3D
Parto vaginale

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE