Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Farmacodinamica negli adulti più anziani

Di

J. Mark Ruscin

, PharmD, FCCP, BCPS, Southern Illinois University Edwardsville School of Pharmacy;


Sunny A. Linnebur

, PharmD, BCPS, BCGP, University of Colorado Anschutz Medical Campus

Ultima modifica dei contenuti dic 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La farmacodinamica consiste negli effetti del farmaco sull'organismo o nella risposta del corpo al farmaco; essa è influenzata dal legame recettoriale, dall'effetto postrecettoriale e dalle interazioni chimiche (vedi Interazioni farmaco-recettore). Negli anziani, gli effetti di uguali concentrazioni di farmaco a livello del sito d'azione (sensibilità) possono essere maggiori o minori rispetto a quelli nei pazienti giovani (vedi tabella Effetto dell'invecchiamento sulla risposta farmacologica). Le differenze possono essere dovute a modificazioni nell'interazione farmaco-recettore, negli eventi postrecettoriali o nelle risposte omeostatiche adattive e, nei pazienti più fragili e vulnerabili, sono spesso dovute anche alla contemporanea presenza del danno d'organo.

Gli anziani sono particolarmente sensibili agli effetti dei farmaci anticolinergici. Molti farmaci (p. es., antidepressivi triciclici, antistaminici con effetto sedativo, antimuscarinici urinari, alcuni antipsicotici, antiparkinsoniani con attività atropino-simile, la maggior parte degli ipnotici da banco e preparati per il raffreddore) hanno effetti anticolinergici. Gli anziani, specialmente quelli affetti da deterioramento cognitivo, sono particolarmente predisposti a sviluppare gli effetti avversi di tali farmaci sul sistema nervoso centrale e possono apparire confusi e sonnolenti. I farmaci anticolinergici possono inoltre causare stipsi, ritenzione urinaria (specialmente negli anziani con ipertrofia prostatica benigna), visione offuscata, ipotensione ortostatica e xerostomia. Anche a basse dosi, questi farmaci possono aumentare il rischio di colpo di calore da inibizione della diaforesi. In generale, gli anziani devono evitare farmaci con effetti anticolinergici, qualora ci sia un'alternativa terapeutica.

Tabella
icon

Effetto dell'invecchiamento sulla risposta farmacologica

Classe

Farmaco

Azione

Effetto dell'invecchiamento

Analgesici

Morfina

Effetto analgesico acuto

Pentazocina

Effetto analgesico

Anticoagulanti

Eparina

Tempo di tromboplastina parziale

Warfarin

Tempo di protrombina/rapporto internazionale normalizzato (INR)

Broncodilatatori

Albuterolo

Broncodilatazione

Ipratropio

Broncodilatazione

Farmaci cardiovascolari

Angiotensina II

bloccanti del recettore

Diminuzione della pressione arteriosa

Diltiazem

Effetto antipertensivo acuto

Enalapril

Effetto antipertensivo acuto

Felodipina

Effetto antipertensivo

Isoproterenolo

Aumento della frequenza cardiaca

Aumento della frazione di eiezione

Venodilatazione

Nitroglicerina

Venodilatazione

Noradrenalina

Vasocostrizione acuta

Fenilefrina

Venocostrizione acuta

Effetto ipertensivo acuto

Prazosina

Effetto antipertensivo acuto

Propranololo (e altri beta-bloccanti)

Riduzione della frequenza cardiaca

Verapamil

Effetto antipertensivo acuto, effetto sulla conduzione cardiaca

Diuretici

Bumetanide

Aumento del flusso urinario e dell'escrezione di sodio

Furosemide

Latenza ed entità del picco della risposta diuretica

Ipoglicemizzanti orali

Gliburide*

Effetto ipoglicemizzante cronico

Farmaci psicoattivi

Diazepam

Sedazione

Difenidramina

Disfunzione psicomotoria

Aloperidolo

Sedazione acuta

Midazolam

Attività elettroencefalografica

Sedazione

Temazepam

Oscillazione posturale

Effetto psicomotorio

Sedazione

Tiopentale

Anestesia

Triazolam

Sedazione

Altri

Atropina

Ridotto svuotamento gastrico

Levodopa

Effetti avversi

Metoclopramide

Sedazione

= invariato; = aumentato; = diminuito.

*Gli anziani sono particolarmente suscettibili all'effetto ipoglicemizzante dei farmaci ipoglicemizzanti. L'ipoglicemia può essere difficile da riconoscere negli anziani.

Adattato e aggiornato da Cusack BJ, Vestal RE: Clinical pharmacology: Special considerations in the elderly. In Practice of Geriatric Medicine, edited by E Calkins, PJ Davis, and AB Ford. Philadelphia, WB Saunders Company, 1986, pp. 115-136; utilizzato con permesso.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE