Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Farmacisti e anziani

Di

Debra Bakerjian

, PhD, APRN, Betty Irene Moore School of Nursing, UC Davis

Ultima modifica dei contenuti feb 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Per i pazienti anziani, sviluppare un rapporto con il farmacista e servirsi in una sola farmacia, può contribuire a garantire la coerenza nella cura. Un farmacista può aiutare a prevenire i problemi legati ai farmaci, che sono un rischio specifico per gli anziani.

Per i pazienti anziani, il farmacista talvolta rappresenta l'operatore sanitario più accessibile. Oltre a distribuire i farmaci, i farmacisti forniscono informazioni su di essi ai pazienti e ai medici, ne monitorano l'uso (e l'abuso), fanno da ponte tra medici o altri operatori sanitari e pazienti per assicurare un'assistenza farmaceutica ottimale. I farmacisti forniscono anche informazioni sulle interazioni tra farmaci e altre sostanze, compresi farmaci da banco, integratori alimentari (p. es., erbe medicinali), e gli alimenti. In molti stati, i farmacisti possono anche fornire alcuni tipi di assistenza clinica (p. es., vaccinazioni, test del diabete, consulenza).

Aderenza del paziente

I farmacisti possono contribuire al miglioramento dell'aderenza del paziente eseguendo le operazioni seguenti:

  • Valutare la capacità del paziente di aderire a un regime farmacologico registrando alcune difficoltà (p. es., agilità ridotta, mancanza di forza nella mano, compromissione cognitiva, perdita della vista)

  • Insegnare ai pazienti come assumere alcuni farmaci (p. es., inalatori, cerotti transdermici, farmaci iniettabili, gocce per occhi o orecchie) o come dosare i farmaci in forma liquida

  • Fornire i farmaci in modalità accessibili ai pazienti (p. es., apertura facilitata dei flaconi, pillole senza incarto)

  • Fare in modo che le etichette dei farmaci e il materiale da consultare a casa siano stampati in caratteri grandi e nella lingua madre del paziente

  • Istruire i pazienti su come utilizzare i promemoria del farmaco su calendario, le scatole di farmaci disponibili in commercio, i dispositivi elettronici di somministrazione dei farmaci e gli strumenti per spezzare o frantumare le pillole

  • Eliminare complicazioni superflue e doppioni dal regime farmacologico complessivo

  • Mettere a punto una ricognizione medica durante i passaggi di presa in carico quando i pazienti passano da un centro di assistenza all'altro

Contesto

Molti farmacisti lavorano in una farmacia locale. Ma possono anche lavorare in qualsivoglia ambiente sanitario, compresi ospedali, strutture di assistenza a lungo termine, a domicilio (con un'agenzia di assistenza sanitaria domiciliare), con vendita online o per corrispondenza, in sistemi di assistenza sanitaria organizzati, in centri di cure palliative ( Doveri dei farmacisti).

Tabella
icon

Doveri dei farmacisti

Contesto

Doveri

Ospedale

Collaborano per stilare una dettagliata anamnesi farmacologica dal paziente o dal caregiver

Accompagnano i medici o altri professionisti durante il giro di visita dei pazienti

Forniscono raccomandazioni d'uso sul farmaco

Forniscono informazioni sul farmaco, quando necessario

Prima della dimissione, forniscono al paziente e a chi se ne occupa informazioni verbali e scritte riguardo alle terapie farmacologiche

Strutture di assistenza a lungo termine*

Possono accompagnare i medici o altri professionisti durante il giro di visita

Collaborano con la commissione per il miglioramento della qualità della struttura

Valutano e conducono colloqui con i pazienti

Valutano l'efficacia del farmaco e monitorano i pazienti alla ricerca di eventuali interazioni con altri farmaci, effetti collaterali e inefficacia delle terapie

Se i farmacisti identificano un problema o un rischio elevato di problematiche legate all'uso dei farmaci, contattano l'infermiera del paziente o il medico direttamente

Come richiesto dalle leggi federali, redigono una revisione mensile del regime terapeutico per ciascun paziente

Farmacie facenti vendita online o per corrispondenza

Forniscono consulenza telefonica ai pazienti e agli operatori sanitari

Rivedono e confermano le prescrizioni mediche

Partecipano al controllo dell'utilizzo dei farmaci e alla gestione di un formulario

Contribuiscono a garantire il controllo di qualità

Sviluppano materiali didattici per i pazienti e gli operatori sanitari

Sistemi sanitari organizzati

Possono sviluppare, implementare e gestire formulari, sistemi computerizzati di registrazione delle reazioni avverse e indicatori di misurazione delle prestazioni (per migliorarne la qualità)

Possono aiutare a stabilire le linee guida e la gestione di programmi terapeutici e di utilizzo dei farmaci

Hospice

Forniscono raccomandazioni d'uso sui farmaci appropriati per il controllo dei sintomi

Si assicurano che la consegna dei farmaci sia tempestiva

Riducono al minimo i farmaci duplicati e interagenti

Aiutano a migliorare il rapporto costo-efficacia nell'uso dei farmaci

Istruiscono i pazienti riguardo al modo migliore per utilizzare i farmaci prescritti

Monitorano le risposte terapeutiche e riconoscono le problematiche legate all'uso dei farmaci

Consigliano i membri del team di hospice riguardo ai farmaci appropriati e alle potenziali interazioni farmacologiche con altre sostanze (p. es., piante officinali)

Mettono a punto farmaci o modalità di dosaggio in maniera estemporanea, secondo necessità

*I farmacisti che lavorano in strutture di assistenza a lungo termine sono chiamati farmacisti a consulenza.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE