Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Ototossicità indotta da farmaci

Di

Lawrence R. Lustig

, MD, Columbia University Medical Center and New York Presbyterian Hospital

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Molti farmaci possono essere considerati ototossici.

I fattori che influenzano l'ototossicità comprendono

  • Dose

  • Durata della terapia

  • Insufficienza renale concomitante

  • Velocità di infusione

  • Dosaggio a vita

  • Co-somministrazione di altri farmaci dal potenziale ototossico

  • Suscettibilità genetica

I farmaci ototossici non devono essere usati per applicazioni topiche all'orecchio quando vi sia una perforazione della membrana timpanica, per evitare che questi penetrino e si diffondano nell'orecchio interno.

Gli aminoglicosidi, inclusi i seguenti, possono influire sull'udito:

  • La streptomicina tende a causare un danno maggiore alla porzione vestibolare che a quella uditiva dell'orecchio interno. Benché vertigine e difficoltà di mantenere l'equilibrio tendano a essere temporanee, può persistere una grave perdita di sensibilità vestibolare, talora permanente. Tale perdita della sensibilità vestibolare causa difficoltà alla deambulazione, soprattutto al buio, e oscillopsia (una sensazione di oscillazione dell'ambiente circostante a ogni passo). Dal 4 al 15% dei pazienti che assumono 1 g/die di farmaco ototossico per > 1 settimana sviluppa una perdita dell'udito misurabile, che insorge abitualmente dopo un breve periodo di latenza (7-10 giorni) e peggiora lentamente se il trattamento viene continuato. Può conseguirne una sordità completa e permanente.

  • La neomicina è l'antibiotico con il maggior effetto cocleotossico. Quando viene somministrata un'abbondante dose di quest'ultima per via orale o mediante irrigazione del colon per sterilizzazione intestinale, essa può essere assorbita sufficientemente da influire sull'udito, in particolare se sono presenti lesioni delle mucose diffuse del colon. La neomicina non deve essere usata per l'irrigazione delle ferite o per l'irrigazione intrapleurica o intraperitoneale, poiché grandi quantità del farmaco possono essere conservate e assorbite, causando sordità.

  • La kanamicina e l'amikacina sono simili alla neomicina in quanto a potenziale cocleotossico e sono entrambe in grado di causare un'ipoacusia profonda e permanente risparmiando il senso dell'equilibrio.

  • La gentamicina e la tobramicinapresentano tossicità vestibolare e cocleare, causando compromissione dell'equilibrio e dell'udito.

  • La vancomicina causa perdita dell'udito, specialmente in presenza di insufficienza renale.

Alcune mutazioni del DNA mitocondriale predispongono all'ototossicità da aminoglicoside.

È stato dimostrato che l'azitromicina, un macrolide, causa in rari casi la perdita dell'udito sia reversibile che irreversibile.

La viomicina, un peptide basico con proprietà antitubercolari, invece presenta una tossicità sia cocleare sia vestibolare.

I farmaci chemioterapici (antineoplastici), soprattutto quelli che contengono platino (cisplatino e carboplatino) possono causare acufeni e ipoacusia. L'ipoacusia può essere profonda e permanente, comparendo immediatamente dopo la prima dose, o può essere ritardata fino a diversi mesi dopo il completamento del trattamento. L'ipoacusia neurosensoriale si manifesta bilateralmente, progredisce ed è permanente.

L'acido etacrinico e la furosemide somministrati per EV hanno causato un'ipoacusia profonda e permanente in pazienti con insufficienza renale a cui venivano somministrati antibiotici aminoglicosidici.

I salicilati ad alte dosi (> 12 compresse da 325 mg di aspirina/die) provocano una temporanea ipoacusia e acufeni.

Anche il chinino e i suoi analoghi di sintesi possono provocare un'ipoacusia temporanea.

(Vedi anche Perdita dell'udito.)

Prevenzione

Gli antibiotici ototossici devono essere evitati in gravidanza, in quanto possono danneggiare il labirinto fetale. Gli anziani e i soggetti con preesistente ipoacusia non devono essere trattati con farmaci ototossici se sono disponibili altri farmaci efficaci. Nel caso di farmaci ototossici occorre utilizzare la minor dose efficace e i livelli devono essere strettamente monitorati, in particolare per gli aminoglicosidi (sia livelli di picco che di valle).

Se possibile, prima del trattamento con un farmaco ototossico, deve essere valutata la capacità uditiva mediante esame audiometrico e poi monitorata durante la terapia; i sintomi non sono segni d'allarme affidabili. Il rischio di ototossicità aumenta con l'uso di più farmaci con potenziale ototossico e l'uso di farmaci ototossici ad escrezione renale in pazienti con compromissione renale; in tali casi, si consiglia un più attento monitoraggio dei livelli del farmaco. In pazienti noti per essere portatori di mutazioni del DNA mitocondriale che predispongono alla tossicità degli aminoglicosidi, gli aminoglicosidi devono essere evitati.

Punti chiave

  • I farmaci possono causare perdita di udito, disequilibrio, e/o acufeni.

  • I farmaci comuni comprendono aminoglicosidi, farmaci chemioterapici a base di platino e salicilati ad alte dosi.

  • I sintomi possono essere transitori o permanenti.

  • L'uso della dose più bassa possibile di aminoglicosidi e la misurazione dei livelli di farmaco durante il trattamento può prevenire la perdita dell'udito causata dall'uso di farmaci ototossici.

  • I farmaci devono essere sospesi se possibile, ma non esiste una terapia specifica.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come rimuovere il cerume
Video
Come rimuovere il cerume
Modelli 3D
Vedi Tutto
Laringe, la membrana tiroioidea
Modello 3D
Laringe, la membrana tiroioidea

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE