Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Neurinoma dell'acustico

(Neurinoma del nervo acustico; Tumore dell'VIII nervo cranico; Schwannoma vestibolare)

Di

Lawrence R. Lustig

, MD, Columbia University Medical Center and New York Presbyterian Hospital

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Un neurinoma dell'acustico, chiamato anche schwannoma vestibolare, è un tumore che deriva dalle cellule di Schwann dell'VIII nervo cranico. I sintomi comprendono l'ipoacusia neurosensoriale monolaterale. La diagnosi di sospetto si basa su un'attenta valutazione audiologica e viene confermata dalla RM. Quando necessario, la terapia consiste in rimozione chirurgica, radioterapia stereotassica o entrambe.

I neurinomi dell'acustico insorgono quasi sempre nel ramo vestibolare dell'VIII nervo cranico e rappresentano circa il 7% di tutti i tumori endocranici. Quando il tumore si espande, si proietta dal canale uditivo interno nell'angolo pontocerebellare, comprimendo il VI e l'VIII nervo cranico. Poiché il tumore continua ad accrescersi, può determinare compressione a livello del cervelletto, del tronco encefalo, e dei nervi cranici contigui (V e IX a XII).

Il neurinoma dell'acustico bilaterale è una caratteristica frequente nella neurofibromatosi di tipo 2.

Sintomatologia

Il sintomo cardine del neuroma acustico è costituito da un'ipoacusia neurosensoriale monolaterale lentamente progressiva. Tuttavia, la sua comparsa può essere improvvisa e il grado di alterazione può fluttuare. Altri sintomi iniziali comprendono acufeni monolaterali, vertigini, disturbi dell'equilibrio, cefalea, sensazione di pressione o pienezza dell'orecchio, otalgia, nevralgia del trigemino e ipoestesia o ipostenia nel viso a causa del coinvolgimento del nervo facciale.

Diagnosi

  • Audiometria

  • In presenza di perdita d'udito asimmetrica, RM con mezzo di contrasto (gadolinio)

Più comunemente, un audiogramma è il primo test effettuato come parte della valutazione per diagnosticare un neurinoma dell'acustico. Solitamente esso rivela un'ipoacusia neurosensoriale asimmetrica e una compromissione della discriminazione del linguaggio maggiore di quanto ci si attenderebbe in base al grado di ipoacusia. Tali rilievi indicano la necessità di proseguire con la diagnostica per immagini, preferibilmente eseguendo una RM con gadolinio. Tuttavia, alcuni tumori vengono riscontrati incidentalmente quanto viene effettuato un imaging cerebrale per un'altra ragione.

Altri test utili sono rappresentati dall'esecuzione della timpanometria e dalla ricerca del riflesso stapediale con il Tone Daecay test. L'esame ABR (Auditory Brain Stem Response) può mostrare una destrutturazione del tracciato con assenza della 5a onda o un'aumentata latenza della stessa. Benché abitualmente non sia necessario nella valutazione di routine di un paziente con ipoacusia neurosensoriale asimmetrica, il test calorico mostra una marcata ipoattività vestibolare (paralisi canalare) del lato affetto.

Trattamento

  • Osservazione

  • Talvolta si esegue la rimozione chirurgica o la radioterapia stereotassica in casi selezionati

Lesioni piccole, asintomatiche (ossia, tumori diagnosticati incidentalmente), e neurinomi acustici non espansivi non necessitano di trattamento; questi possono essere osservati nel tempo mediante scansioni RM seriali (wait and rescan) e trattate in caso di crescita dimensionale o in presenza di sintomi. Le scelte terapeutiche quali l'utilizzo di radiazioni stereotassiche (p. es., gamma Knife o radioterapia CyberKnife) o la microchirurgia convenzionale dipendono da molti fattori, tra cui la presenza di residui uditivi, le dimensioni del tumore, l'età del paziente e le sue condizioni generali. La radioterapia stereotassica tende a essere utilizzata nei pazienti più anziani, con tumori di piccole dimensioni, o in soggetti che non possono sottoporsi a un intervento chirurgico per la presenza di comorbilità. La microchirurgia può utilizzare un approccio con conservazione della capacità uditiva residua (approccio retrosigmoideo o della fossa cranica media) o un approccio translabirintico nei casi di un udito già totalmente compromesso.

Punti chiave

  • Il neurinoma dell'acustico è di solito unilaterale, ma può essere bilaterale nelle neurofibromatosi di tipo 2.

  • La perdita dell'udito unilaterale, talora con acufeni, e le vertigini sono tipiche.

  • Tumori più grandi e/o sintomatici sono trattati con radiochirurgia stereotassica o microchirurgia convenzionale.

  • Tumori di piccole dimensioni o non espansivi possono essere osservati con scansioni RM seriali.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Impianto cocleare
Video
Impianto cocleare
Quando le onde sonore raggiungono l'orecchio, esse vengono raccolte dall'orecchio esterno...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Ghiandole e dotti salivari principali
Modello 3D
Ghiandole e dotti salivari principali

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE