Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Eritema nodoso

Di

Julia Benedetti

, MD, Harvard Medical School

Ultima modifica dei contenuti lug 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'eritema nodoso è una forma specifica di pannicolite Pannicolite La pannicolite indica un'infiammazione del grasso sottocutaneo che può essere dovuta a diverse cause. La diagnosi si basa sulla valutazione clinica e sulla biopsia. Il trattamento dipende dalla... maggiori informazioni Pannicolite caratterizzata da noduli sottocutanei palpabili e dolenti, di colore rosso o violaceo, che compaiono in sede pretibiale e occasionalmente in altre sedi. Spesso si associa a una sottostante malattia sistemica, soprattutto infezioni streptococciche, sarcoidosi, e malattie infiammatorie intestinali. La diagnosi si basa sulla valutazione clinica e talvolta sulla biopsia. Il trattamento dipende dalla causa.

L'eritema nodoso colpisce prevalentemente i soggetti tra i 20 e i 30 anni ma può comparire a qualsiasi età; le donne sono colpite con maggiore frequenza.

Eziologia dell'eritema nodoso

L'eziologia dell'eritema nodoso è sconosciuta ma si sospetta una reazione immunologica poiché l'eritema nodoso si associa frequentemente ad altre patologie. Le patologie di accompagnamento più frequenti sono

Altri possibili fattori scatenanti includono

Fino a 1/3 dei casi di eritema nodoso è idiopatico.

L'eritema indurato di Bazin, un disturbo simile all'eritema nodoso, si manifesta con lesioni sui polpacci e colpisce prevalentemente i pazienti con tubercolosi.

Sintomatologia dell'eritema nodoso

L'eritema nodoso è un tipo di pannicolite Pannicolite La pannicolite indica un'infiammazione del grasso sottocutaneo che può essere dovuta a diverse cause. La diagnosi si basa sulla valutazione clinica e sulla biopsia. Il trattamento dipende dalla... maggiori informazioni Pannicolite che si manifesta con noduli o placche eritematosi e dolenti soprattutto nella regione pretibiale, spesso preceduti o accompagnati da febbre, malessere generale e artralgie. Le lesioni possono essere individuate più facilmente con la palpazione che con l'ispezione e possono evolvere nel corso di settimane in aree con l'aspetto di contusioni.

Diagnosi dell'eritema nodoso

  • Valutazione clinica

  • Biopsia escissionale

La diagnosi dell'eritema nodoso è solitamente formulata sulla base dell'esame obiettivo e, quando necessario, può essere confermata dalla biopsia di un nodulo. Una diagnosi di eritema nodoso necessita di indagare possibili malattie concomitanti. La valutazione potrebbe comprendere biopsia, test cutaneo della tubercolina (derivato proteico purificato o test per l'anergia), anticorpi antinucleo, emocromo con formula, RX torace e titolo antistreptolisinico seriale O o un tampone faringeo. La velocità di sedimentazione eritrocitaria è spesso alta.

Trattamento dell'eritema nodoso

  • Terapia di supporto

  • Farmaci antinfiammatori (raramente corticosteroidi)

L'eritema nodoso quasi sempre si risolve spontaneamente. Il trattamento prevede il riposo a letto con gli arti inferiori sollevati, impacchi freddi e FANS. Per ridurre l'infiammazione si possono somministrare 300-500 mg per via orale 3 volte/die di ioduro di K. I corticosteroidi sistemici sono efficaci ma devono essere adoperati solo come ultima risorsa in quanto possono peggiorare un'infezione occulta.

Se viene identificata una patologia di base, quest'ultima va trattata.

Punti chiave sull'eritema nodoso

  • Le cause più frequenti di eritema nodoso sono infezioni da streptococco (specialmente nei bambini), sarcoidosi, e la malattia infiammatoria intestinale.

  • La diagnosi di eritema nodoso è essenzialmente clinica; quando necessario, si può procedere alla biopsia di un nodulo.

  • La terapia dell'eritema nodoso è di supporto con FANS o ioduro di potassio, fino a quando la malattia si risolve spontaneamente.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Patologie e distrofie delle unghie
Una donna di 42 anni, altrimenti sana, si presenta in ambulatorio perché negli ultimi 3 mesi si sono progressivamente formati dei solchi su tre unghie della sua mano sinistra. Riferisce che le unghie sono fragili e che in questo arco di tempo sono state facilmente soggette a fissurazione e rottura. L’esame obiettivo evidenzia striature longitudinali su tutte e tre le unghie, con fissurazione di una di esse. Non vengono rilevate altre anomalie. Quale delle seguenti patologie dermatologiche è molto probabilmente associata alla presentazione di questa paziente?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE