Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Angina variante

(Angina di Prinzmetal)

Di

Ranya N. Sweis

, MD, MS,

  • Assistant Professor of Medicine-Cardiology
  • Northwestern University Feinberg School of Medicine
;


Arif Jivan

, MD, PhD,

  • Division of Cardiology
  • Northwestern University Feinberg School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti dic 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

L'angina variante è una forma di angina pectoris secondaria allo spasmo delle coronarie epicardiche. I sintomi comprendono angina a riposo e raramente sotto sforzo. La diagnosi viene effettuata tramite ECG e test di provocazione con ergonovina o di acetilcolina. Il trattamento è con calcio-antagonisti e nitroglicerina sublinguale.

Molti pazienti affetti da angina variante hanno anche una stenosi fissa significativa di almeno un'arteria coronaria principale. I pazienti con ostruzioni fisse lievi o inesistenti hanno migliori risultati a lungo termine rispetto ai pazienti con associate ostruzioni fisse gravi.

Sintomatologia

I sintomi sono costituiti da dolore anginoso che si manifesta soprattutto a riposo, spesso di notte, e solo raramente e in modo incostante durante lo sforzo (salvo i casi in cui vi sia anche una significativa stenosi coronarica). Gli attacchi tendono a verificarsi regolarmente in determinati momenti della giornata.

Diagnosi

  • Test provocatorio con ergonovina o acetilcolina durante l'angiografia

Si sospetta un'angina variante se si verifica un sopraslivellamento del segmento ST durante l'attacco. Tra le crisi anginose l'ECG può essere normale o presentare un quadro stabile di alterazione.

La conferma si ha con il test provocativo con ergonovina o acetilcolina, che possono scatenare uno spasmo coronarico. Lo spasmo coronarico è identificato individuando un significativo innalzamento del tratto ST sull'ECG o dall'osservazione di uno spasmo reversibile durante una cateterizzazione cardiaca. L'indagine si effettua di solito in un laboratorio di emodinamica.

Trattamento

  • Calcio-antagonisti

  • Nitroglicerina sublinguale

La sopravvivenza media a 5 anni varia dall'89 al 97%, ma il rischio di mortalità è maggiore per i pazienti con angina variante e stenosi coronarica aterosclerotica. Il rischio aumenta con l'aumentare del grado di ostruzione.

Di solito, la nitroglicerina sublinguale allevia prontamente l'angina variante. I calcio-antagonisti possono prevenire efficacemente i sintomi. Teoricamente, i beta-bloccanti possono esacerbare lo spasmo permettendo una vasocostrizione alfa-adrenergica incontrastata, ma tale effetto non è stato dimostrato clinicamente.

I farmaci orali più comunemente usati sono i calcio-antagonisti:

  • Diltiazem a rilascio prolungato da 120 a 540 mg 1 volta/die

  • Verapamil a rilascio prolungato 120-480 mg 1 volta/die (la dose deve essere ridotta nei pazienti con disfunzione renale o epatica)

  • Amlodipina da 5 a 10 mg 1 volta/die (la dose deve essere ridotta nei pazienti anziani e in pazienti con disfunzione epatica)

Nei casi refrattari può essere utile l'amiodarone.

Tutti questi farmaci, sebbene riducano i sintomi, non sembrano incidere sulla prognosi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE