Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Preparazione per una protesi dell'arto

Di

Jan J. Stokosa

, CP,

  • Clinical Director
  • Stokosa Prosthetic Clinic
  • Chairman
  • American Prosthetics Institute, Ltd

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Quando l'amputazione è elettiva, alcune misure preparatorie possono aiutare a ottimizzare il recupero. È importante educare il paziente e i familiari il prima possibile per quanto riguarda la necessità di amputazione e rivedere l'intero processo, dalla preparazione preoperatoria all'adattamento protesico e al vivere con una protesi. Tale educazione aiuta ad aumentare l'impegno del paziente nel processo, che è essenziale per un risultato di successo, e massimizza anche il sostegno familiare. Incontrare un consulente alla pari che ha subito un'amputazione può essere utile per il paziente.

Valutazione preoperatoria

La gestione preoperatoria comprende

  • Valutazione funzionale

  • Pianificazione

  • Programma di esercizio

Una valutazione funzionale stima le attuali capacità dei pazienti insieme ai loro obiettivi. Utilizzando la valutazione funzionale, il chirurgo, il protesista e il fisioterapista formulano un piano preoperatorio e postoperatorio.

Indipendentemente dall'età e dallo stato fisico attuale, i pazienti devono iniziare un programma di esercizio generale e specifico il più presto possibile prima dell'intervento, e continuare con gli esercizi dopo l'intervento. Gli esercizi per mantenere o aumentare la forza muscolare, la flessibilità e il range di movimento sono insegnati da un fisioterapista. Più i pazienti sono forti e flessibili, più possono fare senza o con le proprie protesi. Si può applicare un programma di terapia occupazionale quando si prevedono difficoltà nello svolgere le attività quotidiane.

Considerazioni postoperatorie e preprotesiche

Gli obiettivi della gestione postoperatoria sono

  • Proteggere l'arto residuo da traumi accidentali (p. es., urti, cadute)

  • Controllare l'edema

  • Favorire la guarigione

  • Mantenere la forza, la resistenza cardiovascolare e la mobilità articolare

Ci sono molte opzioni di medicazione per proteggere l'arto residuo e controllare l'edema. Una gestione efficace dell'edema aumenta la circolazione, promuove la guarigione e riduce la gravità del dolore postoperatorio e del dolore fantasma.

Un fisioterapista lavorerà con il paziente prima e dopo la dimissione ospedaliera, se necessario, in base alle capacità del paziente e all'amputazione specifica. L'allenamento può comprendere equilibrio in piedi, camminare tra barre parallele, uso di deambulatore, stampelle e/o sedia a rotelle, e abilità di cura di se stessi, compresi gli spostamenti e l'igiene personale.

Il protesista vedrà settimanalmente il paziente per monitorare i progressi e la prontezza dell'arto residuo per l'innesto di una protesi preparatoria, che viene eseguito quando il volume del liquido dell'arto residuo è ragionevolmente stabile.

Protesi preparatoria

Quando l'arto residuo è guarito e il volume del liquido ha raggiunto un livello iniziale di stabilità, di solito da 6 a 10 settimane dopo l'intervento, ma più a lungo in caso di complicanze, può essere innestata una protesi preparatoria. Una protesi preparatoria è una protesi temporanea che permette il carico progressivo di pesi e il cambiamento dei componenti, per adattarsi alle mutevoli esigenze di funzionalità dei pazienti mentre si abituano a camminare e a eseguire altre attività. L'invaso della protesi preparatoria può dover essere riparato più volte durante questo periodo.

Oltre a migliorare la mobilità e l'indipendenza, i vantaggi di un adattamento precoce della protesi comprendono il raggiungimento di una migliore accettazione dell'amputazione, il ripristino dell'immagine corporea, la riduzione del dolore fantasma, l'aumento della propriocezione e della sensazione fantasma, e l'accelerazione della maturazione dell'arto residuo.

L'arto residuo degli adulti continua a subire notevoli cambiamenti di volume e di forma, per 12-18 mesi dopo l'amputazione. In questo momento la protesi preparatoria può essere scambiata con una protesi permanente o definitiva, che spesso utilizza le stesse componenti dell'articolazione e dell'appendice che sono state identificate come ottimali durante la fase preparatoria. Tuttavia, anche dopo che un arto residuo è considerato maturo (> 18 mesi dopo l'amputazione), il volume del liquido dell'arto residuo continuerà a variare quotidianamente e a lungo termine. L'entità del cambiamento varia da individuo a individuo e può essere problematica.

Preparazione per l'uso di una protesi dell'arto

Inizialmente, il paziente impara come muoversi con una protesi durante il processo di adattamento. Il processo prevede diversi appuntamenti per raggiungere livelli accettabili di comfort e stabilità.

Per i pazienti con una protesi dell'arto superiore, una volta che il comfort e la stabilità sono raggiunti, il protesista lavora per fornire la massima capacità funzionale con il posizionamento spaziale appropriato delle articolazioni e delle appendici. Un terapista occupazionale, quindi, lavora con il paziente per ottimizzare la funzionalità delle specifiche attività quotidiane del paziente.  

Per i pazienti con protesi degli arti inferiori, una volta raggiunti il comfort e la stabilità dell'arto residuo, si introduce una protesi di anca, ginocchio, caviglia e/o piede per raggiungere l'equilibrio e la postura. Il paziente inizialmente comincia la deambulazione all'interno di barre parallele. Il protesista si assicura che sia raggiunta una sufficiente efficacia biomeccanica prima che il paziente venga visitato dal fisioterapista per l'allenamento dell'andatura. Quando il paziente impara a deambulare efficacemente, il protesista modifica l'invaso per compensare le alterazioni morfologiche dei tessuti e dell'allineamento biomeccanico delle articolazioni e delle appendici. Inoltre, man mano che il paziente si acclimata e riesce a deambulare in modo più aggressivo, la protesi dell'anca, del ginocchio, della caviglia e/o del piede può richiedere delle modifiche per fornire una deambulazione e una funzionalità ottimali ed efficaci.

La consulenza o la psicoterapia possono aiutare qualora i pazienti avessero difficoltà prolungata ad adattarsi alla perdita del loro arto o ad accettare la protesi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE