Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Cardo mariano

(Silimarina)

Di

Laura Shane-McWhorter

, PharmD, University of Utah College of Pharmacy

Ultima modifica dei contenuti ott 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Il cardo mariano (Silybum marianum) è una pianta dai fiori color porpora. La sua linfa e i suoi semi contengono il principio attivo silimarina, un potente antiossidante, un termine spesso utilizzato in modo intercambiabile con il cardo mariano (Sylibum marianum). La silimarina può essere ulteriormente suddivisa in 3 flavonoidi principali: silibinina, silidianina, e silicristina. Gli estratti di cardo mariano devono essere standardizzati al 80% di silimarina.

Presunti effetti

Si ritiene che il cardo mariano tratti la cirrosi e protegga il fegato dall'epatite virale, dagli effetti dannosi dell'alcol e dai farmaci epatotossici (1). Il cardo mariano può anche migliorare il controllo glicemico nel diabete di tipo 2 (2) e i casi individuali riportano riduzione della mortalità in caso di avvelenamento da funghi (3).

Evidenze

Una revisione Cochrane del 2007 di 13 studi clinici randomizzati ha valutato il cardo mariano in 915 pazienti con anamnesi positiva di alcolismo, e/o epatite B o C o malattie virali epatiche (4). I dati di questa analisi hanno stabilito che l'intervento non ha avuto alcun effetto significativo sulle cause di mortalità, sulle complicazioni della patologia epatica, o sull'istologia epatica. Quando tutti gli studi sono stati inclusi nell'analisi, la mortalità correlata al fegato appariva significativamente ridotta; tuttavia, in un'analisi limitata solo agli studi di alta qualità, tale riduzione non era significativa. Il cardo mariano non era associato a un significativo aumento degli effetti avversi. La progettazione di questi studi clinici non è stata messa in discussione, e gli autori hanno sollevato dubbi sui benefici del cardo mariano e hanno suggerito la necessità di studi controllati con placebo meglio progettati.

Uno studio randomizzato controllato del 2012 non ha mostrato alcun beneficio in 154 pazienti con virus dell'epatite C che non avevano risposto al trattamento con interferone (5). In vitro, la silimarina aumenta i livelli del glutatione intraepatico, un antiossidante importante per la detossificazione (6).

Una revisione sistematica del 2016 e una meta-analisi di 5 studi (270 soggetti) hanno rilevato che il cardo mariano riduceva significativamente il glucosio a digiuno di 27 mg/dL e l'emoglobina A1c dell'1,1% (2).

Recentemente, 2 casi di avvelenamento da ingestione di funghi Amanita (3) hanno mostrato risultati favorevoli dopo il trattamento con silibinina.

Effetti avversi

Non sono stati descritti gravi effetti avversi. Le donne che hanno patologie ormono-sensibili (p. es., cancro della mammella, dell'utero e delle ovaie; endometriosi; fibromi uterini) devono evitare le parti di cardo mariano che fuoriescono dal terreno.

Interazioni farmacologiche

Il cardo mariano può potenziare gli effetti dei farmaci antiperglicemici (7) e può interferire con la terapia con indinavir (8). La silibinina inibisce gli enzimi di fase 1 e 2 e inattiva i citocromi P450 3A4 e 2C9.

Riferimenti bibliografici riguardanti il cardo mariano

  • Loguercio C and Festi D: Silybin and the liver: From basic research to clinical practice. World J Gastroenterol 17(18):2288–2301, 2011. doi: 10.3748/wjg.v17.i18.2288.

  • Voroneanu L, Nistor I, Dumea R, et al: Silymarin in type 2 diabetes mellitus: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. J Diabetes Res 2016:5147468, 2016. doi: 10.1155/2016/5147468. 

  • Ward J, Kapadia K, Brush E, et al: Amatoxin poisoning: case reports and review of current therapies. J Emerg Med 44(1):116-121, 2013.  doi: 10.1016/j.jemermed.2012.02.020.

  • Rambaldi A, Jacobs BP, Gluud C: Milk thistle for alcoholic and/or hepatitis B or C virus liver diseases. Cochrane Database Syst Rev (4)CD003620, 2007. doi: 10.1002/14651858.CD003620.pub3.

  • Fried MW, Navarro VJ, Afdhal N, et al: Effect of silymarin (milk thistle) on liver disease in patients with chronic hepatitis C unsuccessfully treated with interferon therapy: a randomized controlled trial. JAMA 308(3):274-282, 2012. doi: 10.1001/jama.2012.8265.

  • Valenzuela A, Aspillaga M, Vial S, et al: Selectivity of silymarin on the increase of the glutathione content in different tissues of the rat. Planta Med 55(5):420-422, 1989. doi: 10.1055/s-2006-962056.

  • Wu JW, Lin LC, Tsai TH: Drug-drug interactions of silymarin on the perspective of pharmacokinetics. J Ethnopharmacol 121(2):185-193, 2009. doi: 10.1016/j.jep.2008.10.036.

  • Jalloh MA, Gregory PJ, Hein D, et al: Dietary supplement interactions with antiretrovirals: a systematic review. Int J STD AIDS 28(1):4-15, 2017. doi: 10.1177/0956462416671087. 

Per ulteriori informazioni

  • NIH National Center for Complementary and Integrative Health: Milk thistle

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come adattare e utilizzare le stampelle
Video
Come adattare e utilizzare le stampelle

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE