Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Esami medici comuni

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa mar 2010| Ultima modifica dei contenuti set 2013
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Numerosi esami sono ampiamente disponibili. Molti esami sono peculiari a un certo tipo di disturbo o a un gruppo di disturbi correlati (in questo libro, sono generalmente descritti con le patologie associate). Altri esami sono comunemente usati per una vasta gamma di disturbi.

Gli esami vengono eseguiti per varie ragioni, fra cui

  • Screening

  • Diagnosticare un disturbo

  • Valutare la gravità di una malattia, in modo da poter pianificare il trattamento

  • Monitorare la risposta al trattamento

Talvolta, un esame può essere usato per più di uno scopo. Un esame del sangue può rivelare che una persona ha pochi globuli rossi (anemia), successivamente lo stesso esame può essere ripetuto dopo il trattamento per controllare se il numero di globuli rossi è tornato normale. In alcuni casi, una malattia può essere trattata nello stesso momento in cui viene eseguito un esame di screening o diagnostico. Per esempio, se una colonscopia (esame in cui un tubo flessibile con una telecamera viene utilizzato per studiare l’interno del colon), evidenzia delle escrescenze (polipi), queste possono essere asportate prima di portare a termine l’esame.

Tipi di esami

Esistono svariati tipi di esami medici, ma spesso la distinzione non è molto netta. Per esempio un’endoscopia dello stomaco permette all’operatore sia di vedere l’interno dello stomaco sia di prelevare campioni di tessuto per gli esami di laboratorio. In linea di massima, gli esami si dividono nei sei tipi seguenti.

Analisi dei liquidi corporei

I liquidi corporei che si analizzano più spesso sono

  • Malattie del sangue

  • Urina

  • Il liquido che circonda il midollo spinale e il cervello (liquido cerebrospinale)

  • Il liquido all’interno di un’articolazione (liquido sinoviale)

Meno spesso vengono analizzati liquidi come il sudore, la saliva e i liquidi del tratto digerente (per esempio, i succhi gastrici). Talvolta, i liquidi analizzati sono presenti solo se è presente un disturbo, come quando si raccoglie il liquido addominale, che provoca l’ascite, o il liquido dello spazio tra la membrana a doppio strato che riveste i polmoni e le pareti del torace (pleura), provocando il versamento pleurico.

Diagnostica per immagini

Questi esami permettono di ottenere un’immagine dell’interno del corpo, sia nella sua interezza sia solo di alcune parti ( Panoramica sugli esami di diagnostica per immagini). Gli esami più comuni di diagnostica per immagini sono le radiografie, ma si utilizzano anche l’ecografia, la scintigrafia, la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica per immagini (RMI), la tomografia a emissione di positroni (PET) e l’angiografia.

Endoscopia

Prevede l’utilizzo di una sonda (endoscopio) con sistemi di visualizzazione per osservare direttamente l’interno di alcuni organi o spazi (cavità). Il più delle volte si ricorre a un endoscopio flessibile, ma in alcuni casi risulta più adeguato uno rigido. L’estremità dell’endoscopio è spesso munita di luce e telecamera, in modo che le immagini possano essere osservate su un monitor anziché guardando direttamente nell’endoscopio. Attraverso un piccolo canale praticato nell’endoscopio, è possibile introdurre degli strumenti, uno dei quali viene utilizzato per tagliare e prelevare i campioni di tessuto.

L’endoscopia, in genere, consiste nel passaggio della sonda attraverso un’apertura corporea esistente:

  • Naso: per esaminare laringe e corde vocali (laringoscopia) o i polmoni (broncoscopia)

  • Bocca: per esaminare esofago (esofagoscopia), stomaco (gastroscopia) e duodeno (endoscopia gastrointestinale)

  • Ano: per studiare intestino crasso, retto e ano (colonscopia)

  • Uretra: per esaminare la vescica (cistoscopia)

  • Vagina: per esaminare l’utero (isteroscopia)

Tuttavia, a volte è necessario praticare un’apertura, eseguendo un piccolo taglio (incisione) sulla pelle e sugli strati di tessuto sottocutaneo, in modo tale che l’endoscopio possa essere inserito in una cavità corporea. Tali incisioni vengono utilizzate per visualizzare l’interno dei seguenti organi:

  • Articolazioni (artroscopia)

  • Cavità addominale (laparoscopia)

  • Area toracica compresa tra i polmoni (mediastinoscopia)

  • Polmoni e pleura (toracoscopia)

Misurazione delle funzioni corporee

Spesso le funzioni corporee vengono misurate registrando e analizzando l’attività di vari organi. Per esempio, l’attività elettrica del cuore viene misurata con l’elettrocardiografia (ECG) e l’attività elettrica della funzione cerebrale viene misurata con l’elettroencefalografia (EEG). Gli esami di funzionalità polmonare misurano la capacità dei polmoni di trattenere aria, di inspirare ed espirare e di scambiare ossigeno e anidride carbonica.

Biopsia

Consiste nel prelievo di campioni di tessuto per esaminarli, di solito al microscopio. L’esame spesso si concentra sul reperimento di cellule anomale che possono indicare presenza di infiammazione o di malattia, come il cancro. I tessuti che vengono comunemente esaminati sono la pelle, la mammella, il polmone, il fegato, i reni e le ossa.

Analisi del materiale genetico (test genetici)

Di solito vengono analizzate cellule prelevate da cute, sangue o midollo osseo, allo scopo di individuare eventuali anomalie cromosomiche, genetiche (compreso il DNA) o di entrambi i tipi. I test genetici vengono effettuati nei seguenti casi:

  • Feti: per determinare l’eventuale esistenza di una malattia genetica

  • Bambini e giovani adulti: per determinare la presenza effettiva o potenziale di una malattia genetica

  • Adulti: per contribuire a determinare la probabilità che i loro discendenti, come figli o nipoti, possano sviluppare alcune malattie

Rischi e risultati

Ogni esame presenta dei rischi. Il rischio può consistere nella possibilità di subire una lesione nel corso dell’esame o nella necessità di effettuare ulteriori indagini in caso di risultati fuori dalla norma. Spesso le indagini più approfondite sono più costose e/o pericolose. I medici valutano il rischio di un esame in base al possibile beneficio delle informazioni che esso fornisce.

I risultati di una prova normale sono espressi da un intervallo, che si basa sulla media dei valori della popolazione sana, vale a dire che il 95% degli individui sani possiede valori che cadono all’interno di tale intervallo. Tuttavia, i valori medi sono leggermente diversi per le donne e gli uomini e possono anche variare con l’età. Per alcuni esami, questi valori possono anche differire leggermente tra i vari laboratori. Pertanto, quando un medico richiede il risultato di un esame, riceve dal laboratorio anche l’intervallo dei valori normali relativo a quell’esame. Nella tabella che segue sono elencati alcuni risultati normali tipici. Tuttavia, poiché i valori variano da un laboratorio all’altro, è opportuno consultare il medico circa il significato dei risultati dei propri esami anziché fare riferimento alla tabella.

Tabella
icon

Analisi del sangue*

Esame

Intervallo di riferimento o soglia (unità convenzionali)

Acidità (pH)

7,35-7,45

Alcol (etanolo)

0 mg/dl (più di 0,1 mg/dl di solito è indice di intossicazione)

Ammoniaca

15-50 unità/l

Amilasi

53-123 unità/l

Anticorpi anti-nucleo (ANA)

0 (risultato negativo)

Acido ascorbico

0,4-1,5 mg/dl

Bicarbonato (contenuto di anidride carbonica)

18-23 mEq/l

Bilirubina

Diretta: fino a 0,4 mg/dl

Totale: fino a 1,0 mg/dl

Volume del sangue

8,5-9,1% del peso corporeo

Calcio

8,5-10,5 mg/dl (lievemente più alto nei bambini)

Pressione di anidride carbonica (espressa come confronto con quanto il livello di mercurio [Hg] sale in un tubo a causa della pressione dell’aria a livello del mare)

35-45 mm Hg

Carbossiemoglobina (contenuto di monossido di carbonio nell’emoglobina)

Meno del 5% dell’emoglobina totale

Conta delle cellule CD4

500-1500 cellule/μl

Ceruloplasmina

15-60 mg/dl

Cloruro

98-106 mEq/l

Emocromo completo (EC)

Vedere i singoli esami: emoglobina, ematocrito, emoglobina corpuscolare media, concentrazione di emoglobina corpuscolare media, volume corpuscolare medio, conta piastrinica e conta leucocitaria

Rame

70-150 μg/dl

Creatinchinasi (creatine kinase, CK), detta anche creatinfosfochinasi (creatine phosphokinase, CPK)

Maschio: 38–174 unità/l

Femmina: 96–140 unità/l

Creatinchinasi (CK) nelle sue diverse forme (isoenzimi)

5% o meno di CK-MB (la forma più comune nel muscolo cardiaco)

Creatinina

0,6-1,2 mg/dl

Elettroliti

Vedere i singoli esami: Calcio, cloro, magnesio, potassio e sodio (solitamente esaminati nelle analisi di routine)

Velocità di eritrosedimentazione (VES)

Maschio: 1–13 mm/ora

Femmina: 1–20 mm/ora

Glucosio

A digiuno: 70–110 mg/dl

Ematocrito

Maschio: 45-52%

Femmina: 37-48%

Emoglobina

Maschio: 13–18 g/dl

Femmina: 12–16 g/dl

Ferro

60-160 μg/dl (più alto nei maschi)

Capacità ferro-legante

250-460 μg/dl

Lattato (acido lattico)

Venoso: 4,5–19,8 mg/dl

Arterioso: 4,5–14,4 mg/dl

Lattato deidrogenasi

50-150 unità/l

Derivazione

20 μg/dl o minore (molto più basso nei bambini)

Lipasi

10-150 unità/l

Lipidi:

Colesterolo totale

inferiore a 225 mg/dl (per età pari a 40-49 anni; aumenta con l’età)

Lipoproteine ad alta densità (high-density lipoprotein, HDL)

30-70 mg/dl

Lipoproteine a bassa densità (low-density lipoprotein, LDL)

60 mg/dl

Trigliceridi

40-200 mg/dl (più alti nei maschi)

Test di funzionalità epatica

Comprende: bilirubina (totale), fosfatasi (alcalina), proteine (totali e albumina), transaminasi (alanina e aspartato), protrombina

Magnesio

1,5-2,0 mg/dl

Emoglobina corpuscolare media (mean corpuscular hemoglobin, MCH)

27-32 pg/cellula

Concentrazione di emoglobina corpuscolare media (MCHC)

32-36% emoglobina/cellula

Volume corpuscolare medio (mean corpuscular volume, MCV)

76-100 μm cubici

Osmolalità

280-296 mOsm/kg di plasma

Pressione di ossigeno (espressa come confronto con quanto il livello di mercurio [Hg] sale in un tubo a causa della pressione dell’aria a livello del mare)

83-100 mm Hg

Saturazione d’ossigeno (arteriosa)

96-100%

Tempo parziale di tromboplastina (partial thromboplastin time, PTT)

30-45 secondi

Fosfatasi (alcalina)

50-160 unità/l (più alta in neonati e adolescenti, più bassa nelle femmine)

Fosforo

3,0-4,5 mg/dl

Conta piastrinica

150.000-350.000/ml

Potassio

3,5-5,0 mEq/l

Antigene prostatico specifico (prostate-specific antigen, PSA)

0-4 ng/ml (aumenta con l’età)

Proteine:

Totale

6,0-8,4 g/dl

Albumina

3,5-5,0 g/dl

Globulina

2,3-3,5 g/dl

Tempo di protrombina (prothrombin time, PT)

10-13 secondi

Conta eritrocitaria

4,2-5,9 milioni/ml

Sodio

135-145 mEq/l

Ormone tireostimolante (TSH)

0,5-5,0 m unità/l

Transaminasi (enzimi del fegato):

Alanina (ALT)

1-21 unità/l

Aspartato (AST)

7-27 unità/l

Troponina nelle diverse forme:

I

inferiore a 1,6 ng/ml

T

inferiore a 0,1 ng/ml

Azoto ureico (blood urea nitrogen, BUN)

7-18 mg/dl

Acido urico

3,0-7,0 mg/dl

Vitamina A§

30-65 μg/dl

Conta leucocitaria (white blood cell, WBC)

4.300-10.800/ml

*Il sangue può essere analizzato anche per molte altre sostanze.

Le unità sono illustrate nell’appendice I. Le unità convenzionali possono essere convertite in unità internazionali usando un fattore di conversione. A volte i laboratori utilizzano le unità internazionali (UI), un sistema diverso.

Possono essere identificati anche altri anticorpi.

§Possono essere misurate anche altre vitamine.

Tabella
icon

Procedure diagnostiche

Procedura

Sede corporea o campione esaminato

Descrizione

Amniocentesi

Liquido del sacco che circonda il feto (liquido amniotico)

Analisi del liquido, prelevato mediante un ago inserito nella parete addominale, per identificare anomalie fetali

Arteriografia (angiografia)

Qualsiasi arteria del corpo, generalmente a livello di cervello, cuore, reni, aorta o arti inferiori

Esame radiologico nel quale un colorante radiopaco (mezzo di contrasto) viene iniettato attraverso un tubicino (catetere) infilato nell’arteria che si intende esaminare, per individuare e mostrare o mettere in risalto un’ostruzione o un difetto in un’arteria

Audiometria

Orecchie

Valutazione della capacità di udire e distinguere suoni a specifiche frequenze e volumi mediante auricolari

Auscultazione

Cuore

Auscultazione con lo stetoscopio per accertare rumori cardiaci anomali

Studio radiologico con bario

Esofago, stomaco, intestino o retto

Studio radiologico per l’identificazione di ulcere, tumori o altre anomalie

Biopsia

In tutti i tessuti del corpo

Asportazione ed esame di un campione di tessuto al microscopio per la ricerca di neoplasie o di altre anomalie

Misurazione della pressione sanguigna

Solitamente un braccio

Esami per la valutazione della pressione sanguigna alta o bassa, solitamente si utilizza un involucro gonfiabile avvolto intorno al braccio

Esami del sangue

In genere un prelievo di sangue dal braccio

Misurazione di sostanze presenti nel sangue per valutare la funzione di un organo e contribuire alla diagnosi e al monitoraggio di vari disturbi

Aspirato di midollo osseo

Anca o sterno

Asportazione di un campione di tessuto di midollo osseo per l’individuazione al microscopio di eventuali anomalie delle cellule ematiche

Broncoscopia

Vie respiratorie dei polmoni

Esame diretto mediante una sonda dotata di telecamera per l’individuazione di un tumore o di altre anomalie

Cateterismo cardiaco

Cuore

Studio della funzione e struttura cardiaca mediante un catetere inserito in un vaso sanguigno e spinto fino al cuore

Prelievo dei villi coriali

Placenta

Asportazione di un campione di tessuto da esaminare al microscopio per la ricerca di anomalie del feto

Analisi cromosomica

Malattie del sangue

Esame al microscopio per identificare una malattia genetica o per determinare il sesso del feto

Colonscopia

Intestino crasso

Esame diretto mediante una sonda dotata di telecamera per l’individuazione di un tumore o di altre anomalie

Colposcopia

Cervice

Esame diretto della cervice uterina mediante una lente di ingrandimento

Tomografia computerizzata (TC)

Qualsiasi distretto corporeo

Studio radiologico computerizzato per l’identificazione di anomalie strutturali

Biopsia a cono

Cervice

Asportazione ed esame di un pezzo di tessuto a forma di cono, solitamente mediante un filo metallico riscaldato o un laser

Coltura

Prelievo da qualsiasi sede corporea (in genere un liquido come sangue o urina)

Crescita ed esame di microrganismi prelevati da un campione per identificare un’infezione da batteri o funghi

Dilatazione e raschiamento (D e R)

Cervice e utero

Esame al microscopio di un campione per la ricerca di alterazioni della mucosa uterina mediante un piccolo strumento affilato (curette).

Densitometria ossea (dual energy x-ray absorptiometry, DEXA)

Scheletro, con particolare attenzione a zone specifiche, solitamente le anche, la colonna vertebrale e il polso.

Studio a bassa dose di raggi X per determinare la densità ossea

Ecocardiografia

Cuore

Studio della struttura e della funzione cardiaca per mezzo di onde sonore (ultrasuoni)

Elettrocardiogramma (ECG)

Cuore

Studio dell’attività elettrica del cuore mediante elettrodi attaccati alle braccia, alle gambe e al torace

Elettroencefalografia (EEG)

Cervello

Studio dell’attività elettrica cerebrale mediante elettrodi attaccati al cranio

Elettromiografia

Muscoli

Registrazione dell’attività elettrica di un muscolo utilizzando piccoli aghi inseriti in esso

Esame elettrofisiologico

Cuore

Esame che consente di valutare anomalie del ritmo o della conduzione elettrica mediante un catetere inserito in un vaso sanguigno e spinto fino al cuore

Colangiopancreatografia endoscopica retrograda (endoscopic retrograde cholangiopancreatography, ERCP)

Tratto biliare

Studio radiologico del tratto biliare previa iniezione di un colorante radiopaco (mezzo di contrasto) attraverso una sonda flessibile dotata di telecamera

Endoscopia

Tratto digerente

Esame diretto di strutture interne utilizzando una sonda flessibile dotata di telecamera

Saggio immunoassorbente legato agli enzimi (enzyme-linked immunosorbent assay, ELISA)

Solitamente sangue

Esame che consiste nel miscelare il campione di sangue con sostanze che possono scatenare allergie (allergeni) o con microorganismi per la presenza di anticorpi specifici

Fluoroscopia

Apparato digerente, cuore o polmoni

Studio radiologico continuo che consente una valutazione degli organi interni e della loro funzione

Isteroscopia

Utero

Esame diretto dell’interno dell’utero con una sonda flessibile dotata di telecamera

Urografia endovenosa

Reni e vie urinarie

Studio radiologico dei reni e del tratto urinario previa iniezione in una vena (endovenosa) di un colorante radiopaco (mezzo di contrasto)

Artrocentesi

Articolazioni, in particolare di spalle, gomiti, dita, anche, ginocchia, caviglie, dita dei piedi

Aspirazione ed esame del liquido proveniente dallo spazio intrarticolare (liquido sinoviale) per la presenza di sangue, cristalli minerali e microrganismi

Laparoscopia

Addome

Esame diretto che utilizza una sonda dotata di telecamera inserita attraverso un’incisione praticata nell’addome per la diagnosi e il trattamento di anomalie addominali

Risonanza magnetica per immagini (RMI)

Qualsiasi distretto corporeo

Esame diagnostico che utilizza un potente campo magnetico e onde radio per individuare anomalie strutturali

Mammografia

Mammelle

Studio radiologico per la rilevazione del cancro al seno

Mediastinoscopia

torace

Esame diretto dell’area del torace tra i polmoni che utilizza una sonda dotata di telecamera inserita attraverso una piccola incisione praticata appena sopra lo sterno

Mielografia

Colonna vertebrale

Studio radiologico semplice o computerizzato della colonna vertebrale previa iniezione di un colorante radiopaco (mezzo di contrasto)

Studio della conduzione nervosa

Nervi

Esame che consente di determinare la velocità di un impulso nervoso mediante elettrodi o aghi inseriti lungo il percorso del nervo

Test del sangue occulto

Intestino crasso

Esame che consente di individuare la presenza di sangue nelle feci

Oftalmoscopia

Occhi

Esame diretto che si serve di un dispositivo manuale che emette una forte luce per visualizzare eventuali anomalie all’interno dell’occhio

Test di Papanicolaou (Pap test)

Cervice

Esame al microscopio di cellule grattate dalla cervice per evidenziare eventuali cellule cancerose

Paracentesi

Addome

Inserimento di un ago nella cavità addominale per aspirare il liquido a scopo diagnostico

Colangiografia percutanea transepatica

Fegato e tratto biliare

Studio radiologico del fegato e del tratto biliare previa iniezione di colorante radiopaco (mezzo di contrasto)

Tomografia a emissione di positroni (PET)

Cervello e cuore

Esame di diagnostica per immagini che utilizza particelle che emettono radiazioni (positroni) al fine di rilevare anomalie funzionali

Test di funzionalità polmonare

Polmoni

Esami intesi a misurare la capacità polmonare di trattenere aria, di inspirare ed espirare e di scambiare ossigeno e anidride carbonica mentre si soffia in un dispositivo di misurazione

Diagnostica per immagini con radionuclidi

Molti organi

Esame di diagnostica per immagini che utilizza particelle che emettono radiazioni (radionuclidi) al fine di rilevare anomalie nel flusso, nella struttura e nella funzione del sangue

Esame dei riflessi

Tendini

Esami che utilizzano uno stimolo fisico (per esempio un leggero colpo) per individuare eventuali anomalie nella funzione dei nervi

Urografia retrograda

Vescica e uretere

Studio radiologico della vescica e degli ureteri previa infusione di colorante radiopaco (mezzo di contrasto) nell’uretere

Sigmoidoscopia

Retto e ultima parte dell’intestino crasso

Esame diretto mediante una sonda dotata di telecamera per l’individuazione di tumori o di altre anomalie

Esami per allergie cutanee

Solitamente un braccio o la schiena

Esami per la rilevazione di allergie eseguiti ponendo sulla cute una soluzione contenente un eventuale allergene e quindi pungendo la cute con un ago

Puntura lombare (rachicentesi)

Canale vertebrale

Aspirazione di liquido spinale mediante un ago inserito nell’anca al fine di individuare eventuali anomalie nel liquido spinale

Spirometria

Polmoni

Esame della funzione polmonare che prevede di soffiare in un dispositivo di misurazione

Test da sforzo

Cuore

Esame della funzione cardiaca durante l’esercizio fisico su un tapis roulant o altro apparecchio ed elettrocardiografia (se la persona non è in grado di fare esercizio fisico, viene iniettato un farmaco che simula gli effetti dell’esercizio)

Toracentesi

Spazio fra la pleura, una membrana a doppio strato che riveste i polmoni, e la parete toracica (spazio pleurico)

Rimozione del liquido da tale spazio con un ago per valutare la presenza di alterazioni

Toracoscopia

Polmoni

Esame delle superfici dei polmoni, della pleura e dello spazio pleurico con una sonda dotata di telecamera

Timpanometria

Orecchie

Misurazione della resistenza alla pressione (impedenza) nell’orecchio medio mediante un dispositivo inserito nell’orecchio e onde sonore che consentono di determinare la causa della perdita dell’udito

Ecografia

Qualsiasi distretto corporeo

Esame di diagnostica per immagini che utilizza onde sonore al fine di rilevare anomalie strutturali o funzionali

Analisi delle urine

Reni e vie urinarie

Analisi chimica di un campione di urine per ricercare proteine, zuccheri, chetoni e cellule del sangue

Venografia

Vene

Studio radiologico (simile all’arteriografia) con colorante radiopaco (mezzo di contrasto) per rilevare il blocco o l’ostruzione di una vena

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE