Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Infezioni post-partum dell’utero

(Infections of the Uterus After Delivery)

Di

Julie S. Moldenhauer

, MD, Children's Hospital of Philadelphia

Ultima revisione/verifica completa mag 2020| Ultima modifica dei contenuti mag 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

Le infezioni che si sviluppano dopo il parto (infezioni post-partum) di solito iniziano nell’utero.

  • Subito dopo il parto, l’utero e le zone circostanti possono essere infettati da batteri.

  • Queste infezioni di solito provocano dolore nel basso addome, febbre e secrezioni maleodoranti.

  • La diagnosi si basa solitamente sui sintomi e sui risultati di un esame obiettivo.

  • Normalmente, per curare l’infezione si ricorre agli antibiotici.

Dopo il parto, l’utero può infettarsi se le membrane che contengono il feto (sacco amniotico) si infettano (la cosiddetta corioamnionite).

Le infezioni dell’utero comprendono

  • Infezione del rivestimento dell’utero (endometrite)

  • Infezione del muscolo uterino (miometrite)

  • Infezione delle aree circostanti all’utero (parametrite)

Cause

I batteri che normalmente popolano la vagina sana possono causare infezione dopo il parto. Di seguito sono elencate le condizioni suscettibili di causare infezione nella donna:

Le possibilità di sviluppare un’infezione dell’utero dipendono essenzialmente dal tipo di parto:

  • Parti vaginali normali: 1-3%

  • Parti cesarei programmati ed eseguiti prima dell’inizio del travaglio: 5-15%

  • Parti cesarei non programmati ed eseguiti dopo l’inizio del travaglio: 15-20%

Sintomi

In genere i sintomi delle infezioni dell’utero comportano dolore al basso ventre o nella pelvi, febbre (di solito 1-3 giorni dopo il parto), pallore, brividi, uno stato di malessere o fastidio generale e spesso cefalea e perdita dell’appetito. Spesso la frequenza cardiaca risulta accelerata. L’utero è gonfio, dolente e morbido. In genere, è presente una secrezione vaginale maleodorante, in quantità variabile. La secrezione può contenere sangue o meno. Tuttavia, a volte l’unico sintomo è una leggera febbre.

Quando l’infezione interessa i tessuti che circondano l’utero, si verifica un gonfiore fastidioso, accompagnato da forte dolore e febbre alta.

Le complicanze gravi non sono molto frequenti. Tra questi:

  • Infiammazione delle membrane che rivestono l’addome (peritonite)

  • Coaguli di sangue nelle vene pelviche (tromboflebite pelvica)

  • Un coagulo di sangue può arrivare al polmone e bloccare un’arteria (embolia polmonare)

  • Livelli ematici elevati di sostanze velenose (tossine) prodotte da batteri infettanti che provocano sepsi (infezione di tutto l’organismo) o shock settico

  • Sacca di pus (ascesso) nella pelvi

La sepsi e lo shock settico provocano una drastica riduzione della pressione del sangue e l’accelerazione della frequenza cardiaca, da cui può derivare un danno renale grave e perfino la morte. Si tratta di complicanze rare, specie se la febbre post-partum viene diagnosticata e trattata tempestivamente.

Diagnosi

  • Valutazione medica

La diagnosi di infezione dell’utero viene posta sulla base dei risultati dell’esame obiettivo. Talvolta viene diagnosticata un’infezione se la donna presenta febbre per 24 ore dopo il parto e non se ne identifica un’altra causa.

Di solito il medico raccoglie un campione di urina per un’analisi e un’urinocoltura per individuare eventuali batteri. L’analisi delle urine può aiutare a identificare infezioni delle vie urinarie.

Altri esami sono raramente necessari, ma possono includere la coltura di un campione di tessuto prelevato dalla mucosa dell’utero ed esami di diagnostica per immagini, di solito tomografia computerizzata, dell’addome.

Trattamento

  • Antibiotici somministrati per via endovenosa

Se l’utero risulta infetto, si prescrivono antibiotici (generalmente clindamicina più gentamicina) per via endovenosa fino alla scomparsa della febbre per almeno 48 ore. Successivamente, nella maggior parte dei casi, non è necessario proseguire con la terapia orale.

Prima di un parto cesareo, i medici possono somministrare antibiotici per prevenire le infezioni dell’utero e delle zone circostanti.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE