honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

La morte e il morire nei bambini

Di

Steven D. Blatt

, MD, State University of New York, Upstate Medical University

Ultima revisione/verifica completa nov 2018| Ultima modifica dei contenuti nov 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

Numerose famiglie si trovano a dover affrontare le difficoltà che accompagnano un bambino malato prossimo a morire. Gli adulti hanno spesso difficoltà ad affrontare la morte e i bambini possono averne ancora di più nel cercare di trovare una spiegazione alla morte di un amico o di un familiare (vedere anche Malattia e morte nei neonati e vedere Introduzione alla morte e al paziente terminale in relazione ai bambini).

Morte di un bambino

Prevalentemente la morte di un bambino avviene in ospedale o nel reparto di pronto soccorso. Il decesso può sopraggiungere dopo una lunga malattia o in modo imprevisto, ad esempio a seguito di un infortunio o di sindrome della morte improvvisa del lattante (Sudden Infant Death Syndrome, SIDS). Per le famiglie è difficile comprendere e accettare la morte di un bambino. Per i genitori, la morte di un figlio significa dover abbandonare i sogni e le speranze che nutrivano per lui. Durante il lutto può capitare che i genitori siano incapaci di soddisfare i bisogni degli altri membri della famiglia, inclusi gli altri figli. Può essere utile rivolgersi a uno specialista esperto nell’affiancamento alle famiglie che hanno subito la perdita di un bambino.

A volte la risposta dei genitori alla morte di un figlio è quella di pianificare subito un’altra gravidanza. Il “bambino sostitutivo” viene concepito prima che i genitori abbiano avuto il tempo di consumare il lutto e accettare la perdita del figlio morto. I genitori spostano le proprie emozioni e aspettative legate al figlio morto su quello “sostitutivo”. Possono essere iperprotettivi e pensare che il bambino “sostitutivo” abbia bisogno di cure e protezione particolari rispetto ai pericoli percepiti.

È normale che i genitori in lutto per la perdita di un bambino deceduto lottino contro l’incapacità di affezionarsi al “nuovo bambino”. Per loro e per il “nuovo bambino” è utile la consulenza specialistica.

Morte di un parente o di una persona cara

Ciò che il bambino capisce della morte dipende fortemente dal suo livello di sviluppo. Al bambino serve che la morte del familiare o della persona cara venga lui spiegata a un livello che riesca a capire. I bambini in età prescolare, ad esempio, possono avere una comprensione limitata della morte. I genitori possono cercare di spiegarla facendo riferimento a un evento passato, come la morte di un animale di compagnia che il bambino amava. I bambini più grandi è possibile capiscano la morte con maggior facilità. Anche se a volte potrebbe avere senso paragonare la morte all’azione di “andare a dormire e non svegliarsi più”, è bene non farlo perché il bambino potrebbe sviluppare il terrore di addormentarsi.

Visite a bambini o adulti malati

I genitori possono chiedere al medico che segue il bambino o ad un altro operatore sanitario se è il caso che consentano al proprio bambino di fare visita a bambini o adulti gravemente malati. Alcuni bambini chiedono di andare a trovare parenti o amici che sono in fin di vita. I genitori devono preparare il bambino a questo tipo di visite in modo che sappia che cosa aspettarsi. Possono inoltre preparare il bambino dicendogli che se anche apparisse diversa, quella è sempre la stessa persona, che può aver perso peso o essere ingrassata, oppure può aver perso i capelli a causa della malattia.

Partecipare a un funerale

I genitori spesso si chiedono se portare i bambini a un funerale. La scelta va fatta a livello individuale, possibilmente coinvolgendo il bambino nella decisione. Quando i bambini assistono a un funerale, dovrebbero essere accompagnati da un amico o da un parente che possa dare loro il sostegno necessario durante tutto l’evento, inoltre dovrebbe essere data loro la possibilità di non parteciparvi se lo desiderano.

I genitori devono capire che il bambino può essere curioso e fare molte domande sulla morte, e fargli sapere che è suo diritto chiedere.

Se la tragedia ha colpito altre persone, il bambino può sentirsi più coraggioso e meno sopraffatto, nel partecipare. Ad esempio, il bambino può

  • Raccogliere dei fiori

  • Scrivere o disegnare un biglietto

  • Preparare un regalo

  • raccogliere cibo, soldi, vestiti o giocattoli

Se il bambino appare introverso o triste dopo avere assistito a un lutto, se rifiuta di svolgere le attività abituali o diventa aggressivo, il genitore deve chiedere l’aiuto di uno specialista.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Feature.AlsoOfInterst.SocialMedia

PARTE SUPERIORE