Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Urine, sangue nelle

Di

Anuja P. Shah

, MD, David Geffen School of Medicine at UCLA

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La presenza di sangue nelle urine (ematuria) può conferire all’urina un colore rosa, rosso o bruno, in base alla quantità di sangue, alla durata del suo ristagno e al livello di acidità dell’urina. Se la quantità di sangue è troppo esigua per essere visibile a occhio nudo (ematuria microscopica), verranno eseguiti esami chimici o microscopici. L’ematuria microscopica potrebbe essere rilevata eseguendo un esame delle urine per un altro motivo.

I soggetti affetti da ematuria potrebbero presentare altri sintomi di disturbi delle vie urinarie, come dolore alla schiena o al fianco, dolore nella parte inferiore dell’addome, urgenza di urinare o difficoltà di minzione, in base alla causa della presenza del sangue nelle urine. Se il sangue è presente nelle urine in quantità sufficiente può formare un coagulo. Il coagulo può ostruire completamente il flusso dell’urina, causando un dolore acuto improvviso e l’impossibilità di urinare. Un sanguinamento abbastanza abbondante da causare un tale coagulo è normalmente secondario a trauma delle vie urinarie.

L’urina rossa non è sempre causata dalla presenza di globuli rossi. Una colorazione rossa o bruno-rossastra può derivare anche da quanto segue:

  • Emoglobina (che trasporta l’ossigeno nei globuli rossi) nelle urine dovuta alla distruzione dei globuli rossi

  • Proteina muscolare (mioglobina) nelle urine dovuta alla distruzione delle cellule muscolari

  • Porfiria (disturbo causato da un deficit di enzimi coinvolti nella produzione di eme, un composto chimico contenente ferro che conferisce al sangue il suo tipico colore rosso)

  • Cibo (ad esempio barbabietole, rabarbaro e a volte il colorante alimentare)

  • Farmaci (principalmente fenazopiridina, ma talvolta cascara, difenilidantoina, metildopa, rifampicina, fenacetin, fenotiazine e senna)

Cause

Il sangue nelle urine può essere causato da problemi localizzati ovunque nel tratto urinario, dai reni agli ureteri, alla vescica o all’uretra. Alcune donne scambiano inizialmente il sanguinamento vaginale per sangue nelle urine.

Cause comuni

Le cause più comuni possono differenziarsi in base all’età della persona, ma in generale sono

Cause meno comuni

Le cause meno comuni includono

Il cancro e l’iperplasia prostatica benigna possono causare la presenza di sangue nelle urine. Questi disturbi destano preoccupazione principalmente nei soggetti oltre i 50 anni di età, sebbene anche i giovani con fattori di rischio (fumo, anamnesi familiare o esposizione a sostanze chimiche) possano sviluppare il cancro.

I disturbi dei vasi sanguigni microscopici dei reni (glomeruli) possono costituire una causa a qualsiasi età. I disturbi di filtrazione del rene (disturbi glomerulari) possono rappresentare una parte dei disturbi renali o potrebbero comparire in seguito a un disturbo presente in un’altra parte del corpo. Tali disturbi comprendono infezioni (come l’infezione di una valvola cardiaca), disturbi del tessuto connettivo (come lupus eritematoso sistemico), vasculite, disturbi del sangue (come malattia da siero) o alcuni disturbi cronici (come il diabete). Inoltre, anche qualsiasi tipo di danno renale può causare la presenza di piccole quantità di sangue nelle urine.

Traumi gravi, come una caduta o un incidente automobilistico, possono lesionare i reni o la vescica e causare sanguinamento.

Il Schistosoma haematobium, un platelminta parassita portatore di frequenti infezioni in Africa e in misura minore in India e in alcune zone del Medio Oriente, può penetrare nelle vie urinarie provocando la comparsa di sangue nelle urine. Il medico prenderà in considerazione la schistosomiasi unicamente se il soggetto ha trascorso del tempo in zone in cui è diffuso il parassita. La tubercolosi può far comparire sangue nelle urine.

Valutazione

Il medico proverà innanzitutto a determinare se è la presenza di sangue a conferire un colore rosso alle urine. Poi indagherà la causa del sanguinamento, inclusa la ricerca dell’origine del sanguinamento nelle vie urinarie (o eventualmente altrove). Le seguenti informazioni possono aiutare a decidere se sia il caso di consultare un medico e cosa aspettarsi nel corso della valutazione.

Segnali d’allarme

Nei soggetti che presentino sangue nelle urine, determinati sintomi e caratteristiche possono essere fonte di preoccupazione. Tra questi troviamo:

  • Grandi quantità di sangue nelle urine

  • Età superiore a 50 anni

  • Gonfiore di piedi e gambe, oltre a ipertensione arteriosa

Quando rivolgersi a un medico

Qualora si notasse la presenza di sangue nelle urine è necessario consultare il proprio medico entro massimo due giorni. Se, invece, la quantità di sangue è marcata, il soggetto non riesce a urinare o avverte un dolore intenso è necessario consultare subito il medico.

Come si comporta il medico

Innanzitutto, il medico porrà domande relative ai sintomi e all’anamnesi medica del soggetto, quindi condurrà un esame obiettivo. I risultati dell’anamnesi e dell’esame obiettivo spesso suggeriscono una causa del sangue nell’urina e gli esami da effettuare (vedere la tabella Alcune cause e caratteristiche del sangue nell’urina).

Il medico chiederà da quanto tempo è presente il sangue e se vi siano stati episodi precedenti di sanguinamento. Chiederà se siano presenti febbre, calo ponderale o sintomi di blocco urinario, come difficoltà ad avviare la minzione o incapacità di svuotare completamente la vescica. Il dolore o il fastidio è un segnale importante. Il bruciore durante la minzione o un dolore sordo nella parte inferiore dell’addome proprio sopra l’osso pubico indica un’infezione della vescica. Negli uomini, un dolore da lieve a moderato nella parte inferiore della schiena o nella pelvi indica spesso un’infezione della prostata. Un dolore particolarmente intenso è generalmente dovuto alla presenza di un calcolo o di un coagulo di sangue che ostruisce il flusso urinario.

Esegue, quindi, un esame obiettivo. Di norma nelle donne si richiede un esame della pelvi. Se è presente del sangue all’interno della vagina, potrebbe essere necessario inserire un catetere nella vescica per controllare se l’origine del sangue sia nella vescica o nella vagina. Negli uomini, il medico generalmente esegue un’esplorazione digito-rettale per controllare la prostata.

Tabella
icon

Alcune cause e caratteristiche della presenza di sangue nelle urine

Causa

Caratteristiche comuni*

Test†

Iperplasia prostatica benigna (ingrossamento benigno della prostata)

Principalmente uomini di età superiore a 50 anni

Spesso difficoltà ad avviare la minzione, flusso debole, sensazione di minzione incompleta o gocciolamento al termine della minzione

Ingrossamento della prostata rilevato all’esplorazione digito-rettale

Esami del sangue per misurare il livello del PSA

Spesso ecografia della vescica per misurare la quantità di urina che ristagna nella vescica dopo lo svuotamento (volume urinario residuo post minzione)

Principalmente nei soggetti di età superiore a 50 anni o con fattori di rischio per tali tumori (fumo, familiari che abbiano avuto il cancro o esposizione a sostanze chimiche potenzialmente cancerogene)

Talvolta bruciore o dolore alla minzione o bisogno urgente di urinare

Spesso sintomi che influiscono su tutto il corpo (come febbre, brividi, perdita di peso o sudorazione)

Esame della parte interna della vescica mediante una sonda flessibile a fibre ottiche inserita attraverso l’uretra (cistoscopia)

Talvolta TC o RMI

In caso di sospetto tumore della prostata, biopsia prostatica

Cistite (infezione della vescica)

Generalmente nelle donne e nelle ragazze

Un bisogno frequente e urgente di urinare

Bruciore o dolore alla minzione

Necessità di urinare durante la notte

Talvolta sangue nelle urine o urina maleodorante

Visita medica

una lesione

Generalmente un trauma evidente

Generalmente TC dell’addome e della pelvi

Disturbi di filtrazione del rene (disturbi glomerulari, come glomerulonefrite)

Talvolta, ipertensione arteriosa e gonfiore di piedi e gambe

Possibili urine rosse o scure (color Coca-Cola)

Si verifica a volte dopo un’infezione

Talvolta nei soggetti con parenti affetti da un disturbo renale o del tessuto connettivo

Analisi delle urine

Analisi del sangue

Dolore di lunga durata al fianco o all’addome

Ipertensione arteriosa

Talvolta ingrossamento dei reni, rilevato dagli esami di diagnostica per immagini effettuati per altro motivo o durante l’esame obiettivo

Ecografia

Spesso TC o RMI dell’addome

Principalmente uomini di età superiore a 50 anni

Talvolta una massa all’interno della prostata rilevata all’esplorazione digito-rettale

Occasionalmente flusso di urina debole, difficoltà ad avviare la minzione e gocciolamento al termine della minzione

Esami del sangue per misurare il livello del PSA

Se il livello del PSA è elevato, biopsia prostatica

Prostatite (infezione della ghiandola prostatica)

Spesso febbre, difficoltà ad avviare la minzione, minzione frequente, necessità di urinare di notte e bruciore o dolore alla minzione

Spesso, presenza di sintomi associati a ostruzione delle vie urinarie di lunga durata (compreso flusso di urina debole, passaggio difficoltoso dell’urina o gocciolamento al termine della minzione)

In caso di infezione acuta, prostata ingrossata e dolorante all’esame digito-rettale; in caso di prostatite cronica, potrebbero non essere presenti sintomi significativi

Visita medica

Analisi delle urine e urinocoltura

Talvolta ecografia transrettale o cistoscopia

Generalmente nei soggetti con diagnosi di anemia falciforme

Principalmente nei soggetti di origine africana o mediterranea

Spesso nei bambini e nei giovani adulti

Esami del sangue per la ricerca di emoglobina anomala nei globuli rossi

Dolore intenso nella parte bassa del fianco che insorge improvvisamente o dolore all’addome o all’inguine intermittente

Talvolta urgenza di urinare ma impossibilità di riuscirvi

Talvolta vomito

TC o ecografia dei reni, degli ureteri e della vescica

* Le caratteristiche includono i sintomi e i risultati della visita medica. Le caratteristiche citate sono tipiche, ma non sempre presenti.

† Gli esami includono l’analisi delle urine in tutti i soggetti, esami del sangue per valutare la funzionalità renale nella maggior parte dei soggetti ed esami di diagnostica per immagini dei reni e della pelvi nella maggior parte dei soggetti anziani.

TC = tomografia computerizzata; RMI = risonanza magnetica per immagini; PSA = antigene prostatico specifico.

Esami

Il medico talvolta pone la diagnosi sulla base dei sintomi e dei risultati dell’esame obiettivo. Più di frequente, poiché possono sovrapporsi sintomi di diversi disturbi, è necessario eseguire esami per stabilire la causa (o a volte la presenza) del sangue nelle urine. Il primo esame eseguito è l’esame delle urine. L’analisi delle urine può rilevare sangue (a conferma del motivo della colorazione rossa dell’urina) e può indicare un disturbo di filtrazione del rene. Se si sospetta un’infezione di norma si effettua l’urinocoltura.

In tutti i soggetti oltre i 50 anni di età e nelle persone con fattori di rischio per il cancro, il medico in genere inserisce una sonda flessibile a fibre ottiche all’interno della vescica (cistoscopia) per determinare la causa del sanguinamento.

I soggetti di qualsiasi età che non presentino un’infezione o un disturbo di filtrazione del rene come causa evidente di sangue nelle urine vengono generalmente sottoposti a esami di diagnostica per immagini, come tomografia computerizzata (TC), ecografia o risonanza magnetica per immagini (RMI) dell’addome e della pelvi. Nei soggetti di età inferiore ai 50 anni con ematuria microscopica e nessun’altra anomalia rilevata durante l’esame obiettivo, gli esami del sangue o l’analisi delle urine, il medico potrebbe semplicemente ripetere l’analisi delle urine dopo 6 o 12 mesi. Se è ancora presente sangue verranno eseguiti ulteriori esami.

Se sospetta un disturbo di filtrazione del rene (in base ai risultati dell’analisi delle urine), il medico effettua generalmente esami del sangue per valutare la funzionalità renale e, talvolta, esegue una biopsia renale. Gli esami del sangue per la ricerca di anemia falciforme potrebbero risultare necessari per le persone di origine africana o mediterranea a cui non sia mai stata diagnosticata la malattia.

Negli uomini a partire dai 50 anni d’età, il medico generalmente esegue la misurazione del livello di antigene prostatico specifico (PSA) nel sangue.

Trattamento

Il trattamento è diretto alla causa del sanguinamento. Indipendentemente dalla causa, se il flusso di urina è ostruito da coaguli di sangue il medico di norma inserisce un tubo flessibile nella vescica (catetere urinario) e cerca di eliminare il coagulo.

Punti principali

  • L’urina rossa non è sempre causata dalla presenza di sangue.

  • Molte delle cause che determinano la presenza di sangue nelle urine non sono gravi.

  • Il rischio di una malattia grave aumenta con l’età e in base alla durata della presenza di sangue nelle urine.

  • Gli esami diagnostici per il tumore sono necessari generalmente solo nelle persone oltre i 50 anni o per persone più giovani con fattori di rischio per il tumore.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Vescica ileale
Video
Vescica ileale
L’apparato urinario è composto da due reni, due ureteri, dalla vescica e dall’uretra. I reni...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Calcoli renali nell’uretere
Modello 3D
Calcoli renali nell’uretere

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE