Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Commenti: È sicuro viaggiare durante la pandemia da COVID-19 nel 2021? Risposte alle 5 domande chiave

Commenti
24/02/2021 Christopher Sanford, MD, MPH, DTM&H, Associate Professor, Family Medicine, Global Health, University of Washington

Abbiamo tutti voglia di viaggiare di nuovo.

Che si tratti di una visita a familiari fuori città, di un breve weekend fuori porta o di un’escursione di un mese in Europa, la maggior parte delle persone ha sognato a occhi aperti i viaggi post-pandemia e la fine di questo senso di claustrofobia collettivo. E anche se potremmo essere entusiasti della prospettiva di viaggiare di nuovo in modo sicuro, non ci siamo ancora arrivati. Il fatto è che viaggiare è ancora un’impresa rischiosa e ancora gravemente limitata negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

L’approccio delle persone ai viaggi è cambiato radicalmente sulla scia del COVID-19. I viaggi internazionali sono arrivati a una fase di stallo e le persone stanno ritardando tutti i tipi di viaggi più piccoli nell’ambito del nostro impegno combinato per rallentare la diffusione del virus. Ma non è necessariamente realistico per tutti evitare tutti i viaggi per il prossimo futuro. Grazie alle indicazioni di ispettori sanitari ed esperti medici, è possibile decidere se un determinato viaggio vale il rischio e adottare misure per ridurre al minimo le possibilità di contrarre il COVID-19 durante il viaggio. Ecco le risposte a cinque domande comuni che le persone fanno quando si tratta di viaggi e COVID-19.

1. Devo viaggiare durante il COVID-19?

In generale, la risposta è no. La raccomandazione dei centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Centers for Disease Control and Prevention, CDC) è chiara: il modo migliore per proteggere se stessi e gli altri dal COVID-19 è rimandare i viaggi e rimanere a casa. La cosa più sicura da fare è non viaggiare.

Tuttavia, è importante trovare un terreno intermedio ragionevole tra i rischi di esposizione al COVID-19 e le esigenze del proprio lavoro e i rischi di isolamento sociale. Per quanto concerne i viaggi, ricordare che il rischio maggiore per contrarre il COVID-19 è stare intorno ad altre persone. Più si può limitare l’esposizione ad altre persone, meglio è.

2. Quale metodo di viaggio è più sicuro durante il COVID-19?

È più sicuro viaggiare in auto o in aereo? Ci sono molti fattori da considerare, ma ancora una volta il miglior indicatore è il numero di persone a cui si è esposti durante un viaggio. In un lungo tragitto in automobile, sarà necessario fermarsi per fare benzina e mangiare, magari anche fermarsi per una notte in hotel. Quando si tratta di volare, le prime ricerche suggeriscono che i sistemi di filtrazione delle compagnie aeree commerciali potrebbero essere abbastanza efficaci nel minimizzare la diffusione del COVID-19. Ma un volo comporta anche un viaggio in aeroporto, l’attesa del volo e passare altro tempo intorno a gruppi di persone. Tutte queste attività aumentano l’esposizione, ma sono rischi relativamente ridotti. Occorre dare priorità alle opzioni di viaggio in cui l’esposizione ad altre persone è limitata e le persone a cui si è esposti sono a distanza e indossano mascherine.

In termini di alloggiamento, si applica la stessa regola pratica: è necessario cercare modi per ridurre il numero di persone a cui si è esposti. Se è possibile andare direttamente in una camera di un motel o noleggiare una cassetta di sicurezza senza doversi recare in una hall o interagire con un albergatore, questo riduce leggermente l’esposizione.

3. Vi sono ulteriori precauzioni da prendere?

La miglior precauzione è evitare del tutto i viaggi. Ma se si deve viaggiare, rimandare il viaggio se si è malati, anche se sembra solo un “raffreddore”. Assicurarsi di mettere in valigia mascherine e disinfettante per le mani oltre a tutti i farmaci utilizzati nell’ultimo anno. Se si è idonei, sottoporsi al vaccino antinfluenzale e agli altri vaccini necessari, compreso quello per COVID-19. Durante i viaggi, è essenziale indossare una mascherina, lavarsi spesso le mani e rispettare il distanziamento sociale. Se si inizia a sentirsi poco bene, contattare immediatamente un medico.

Inoltre, è opportuno tenere a portata di mano la tessera assicurativa medica e prendere in considerazione una copertura di viaggio supplementare. Per i viaggi internazionali, assicurarsi di disporre di una copertura adeguata per il rimpatrio sanitario. Il rimpatrio sanitario può essere molto costoso e vi sono alcune esclusioni assicurative relative a pandemie e altre condizioni. È essenziale leggere le clausole.  

4. Come bisogna prepararsi per il viaggio?

Se si sceglie di viaggiare durante una pandemia, il primo passo non dovrebbe essere acquistare un biglietto. Piuttosto, dovrebbe trattarsi di una grande ricerca. Le restrizioni di viaggio cambiano regolarmente e molti luoghi richiedono un test COVID-19 negativo entro un determinato periodo di tempo. Assicurarsi di ricercare i livelli dei casi e la capacità ospedaliera presso la propria destinazione e di verificare ulteriori restrizioni di viaggio per la destinazione e il ritorno a casa.

È una buona idea consultare un medico di medicina turistica per discutere le specifiche del proprio itinerario. Spesso, ciò può essere fatto attraverso un appuntamento di telemedicina, a meno che non siano necessari vaccini o altre procedure ambulatoriali. Uno specialista sarà aggiornato sulle regole di viaggio più recenti e sarà in grado di fornire ulteriori informazioni.

Ecco alcune risorse affidabili da aggiungere ai preferiti per conoscere le ultime restrizioni e i requisiti di viaggio:

Centers for Disease Control & Prevention COVID-19 Travel

United States Department of State COVID-19 Traveler Information

Sito dell’ambasciata degli Stati Uniti per il Paese di destinazione

 

5. È sicuro viaggiare una volta vaccinati?

Per le persone desiderose di tornare a viaggiare, il vaccino offre la speranza di tornare alla normalità. Il lancio del vaccino sta lentamente migliorando le cose, ma il COVID-19 è ancora una realtà e un rischio e viaggiare aumenta l’esposizione a tale rischio. Inoltre, i ricercatori stanno ancora lavorando per comprendere l’effetto completo del vaccino. Il vaccino ha dimostrato di ridurre la gravità della malattia se si contrae il COVID-19, ma non è perfetto per prevenire l’infezione. Non è chiaro se una persona vaccinata possa sentirsi bene ma essere comunque abbastanza infettata da trasmettere il virus a qualcun altro. Ciò significa che è essenziale che tutte le persone, anche le persone che sono state vaccinate, continuino a indossare una mascherina, a lavarsi le mani e a rispettare il distanziamento sociale per il prossimo futuro.

Per saperne di più sulle precauzioni di viaggio relative al COVID-19, consultare la pagina Manuali sulla preparazione dei viaggi e la pagina sulle Risorse COVID-19