Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Mantenimento del battito: pacemaker artificiali
Mantenimento del battito: Pacemaker artificiale
Mantenimento del battito: pacemaker artificiali

I pacemaker artificiali sono dispositivi elettronici che svolgono la funzione dello stesso pacemaker cardiaco naturale (nodo del seno o senoatriale). Essi generano impulsi elettrici che avviano il battito. I pacemaker sono costituiti da un generatore di impulsi (che integra la batteria) e da fili metallici (elettrodi) che connettono il pacemaker al cuore.

Il pacemaker artificiale viene impiantato chirurgicamente. Dopo aver usato un anestetico locale per anestetizzare il punto di introduzione, vengono generalmente inseriti i fili metallici, che si connettono al pacemaker, in una vena vicino alla clavicola e sono quindi sospinti fino al cuore. Attraverso una piccola incisione, il generatore di impulsi, che è delle dimensioni approssimative di un disco di 3 o 4 cm, viene inserito subito sotto la pelle vicino alla clavicola e connesso ai fili metallici. L’incisione viene chiusa con dei punti. Di solito, la procedura richiede circa 30-60 minuti. Il paziente può essere dimesso poco dopo oppure rimanere in ospedale per qualche giorno. La batteria di un pacemaker di solito ha una durata di 10-15 anni. Ciononostante, deve essere controllata regolarmente. La procedura di sostituzione interessa il generatore di impulsi ed è rapida.

Esistono differenti tipi di pacemaker. La maggior parte ha la capacità di percepire l’attività elettrica del cuore. Permette al cuore di battere normalmente, a meno che questo non salti un battito o inizi a battere a una frequenza anormale. Il pacemaker viene programmato prima di essere impiantato. La programmazione determina gli eventi di attivazione del dispositivo e la frequenza cardiaca. I valori impostati possono essere modificati anche una volta effettuato l’impianto con un dispositivo appoggiato alla cute. Alcuni pacemaker possono adattare la loro frequenza alle attività svolte, aumentando la frequenza cardiaca sotto sforzo e riducendola durante il riposo.