Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Effetti delle fasi di transizione della vita sugli anziani

Di

Daniel B. Kaplan

, PhD, LICSW, Adelphi University School of Social Work;


Barbara J. Berkman

, DSW, PhD, Columbia University School of Social Work

Ultima revisione/verifica completa mar 2021| Ultima modifica dei contenuti mar 2021
per accedere alla Versione per i professionisti

La terza età è comunemente un periodo di transizioni (ad esempio, il pensionamento o il trasferimento) e di adattamento alle perdite.

Pensionamento

Il pensionamento è spesso la prima fase di transizione importante affrontata dagli anziani. I suoi effetti sulla salute fisica e mentale differiscono da persona a persona, a seconda dell’atteggiamento adottato e del motivo del pensionamento. Circa un terzo dei pensionati ha difficoltà ad adattarsi ad alcuni aspetti del pensionamento, come la riduzione del reddito e l’alterazione del ruolo sociale e dei titoli acquisiti. Alcuni scelgono di andare in pensione dopo aver atteso con impazienza di smettere di lavorare. Altri sono invece costretti ad andare in pensione (ad esempio, a causa di problemi di salute o della perdita del lavoro). Un’adeguata preparazione al pensionamento e una consulenza per i pensionati e i familiari che si trovano ad avere difficoltà possono costituire un aiuto. Molti datori di lavoro e molte agenzie di servizi offrono servizi di pianificazione del pensionamento.

Sapevate che...

  • Molti datori di lavoro e molte agenzie di servizi offrono servizi di pianificazione del pensionamento.

Trasferimento

Il trasferimento può verificarsi più volte durante la terza età. Ad esempio, le persone possono traslocare in un alloggio all’interno di residenze per pensionati che offrono i comfort desiderati o in abitazioni più piccole per ridurre l’onere della manutenzione della proprietà, in una comunità diversa per beneficiare di condizioni climatiche migliori o per avvicinarsi ai familiari, a casa di un parente o in una struttura di assistenza residenziale. I pazienti che rispondono in modo inadeguato al trasferimento hanno più probabilità di vivere da soli ed essere socialmente isolati, poveri e depressi. Gli uomini spesso rispondono meno bene rispetto alle donne.

A causa di complicazioni finanziarie, sociali e di altro genere, alcuni anziani sentono di dover rimanere in case o quartieri problematici, nonostante il desiderio di trasferirsi. Spesso, gli anziani possono rendersi conto che gli assistenti sociali sono in grado di aiutarli a valutare le opzioni di trasferimento o di modifica della propria casa.

Gran parte dello stress sembra sorgere quando le persone sentono di non avere il controllo sul trasferimento e non sanno cosa aspettarsi dal nuovo ambiente. Per gli anziani che soffrono di perdite di memoria, l’allontanamento da un ambiente familiare può intensificare il disorientamento e la dipendenza dagli altri e comportare frustrazione. Molti trasferimenti avvengono all’improvviso, tuttavia, anche una minima preparazione può aiutare a diminuire lo stress e a riambientarsi. Coloro che si trasferiscono devono essere a conoscenza della nuova sistemazione con largo anticipo, se possibile. Visitare i dintorni della futura dimora e incontrare i potenziali vicini di casa può essere molto utile.

Lutto, depressione e rischio di suicidio

Il lutto colpisce molti aspetti della vita di un anziano. Ad esempio, l’interazione sociale e la diminuzione della compagnia, nonché lo status sociale e la situazione finanziaria possono cambiare. Gli anziani possono subire un declino della propria salute dopo il decesso di un parente stretto o di un amico. La perdita del coniuge colpisce uomini e donne in modo diverso. Nei 2 anni successivi al decesso delle mogli, il tasso di mortalità degli uomini tende ad aumentare, soprattutto se la perdita è sopraggiunta in modo inaspettato. Per le donne che hanno perso il marito, i dati sono meno chiari; tuttavia, in genere, non indicano un tasso di mortalità maggiore.

Alcune manifestazioni di disturbi del sonno e ansia sono normali in coloro che vivono un lutto. Questi effetti solitamente si risolvono nel giro di alcuni mesi senza necessità di un trattamento farmacologico. Se il dolore è prolungato o devastante, se le persone diventano incapaci di o non vogliono svolgere le attività quotidiane, anche essenziali, o se parlano di suicidio Comportamento suicidario Il comportamento suicidario comprende il suicidio compiuto e il tentato suicidio. L’ideazione suicida è l’insieme dei pensieri e delle pianificazioni per il suicidio. Il suicidio è generalmente... maggiori informazioni , è necessario ricorrere alla consulenza e al trattamento da parte di un medico. Se il medico giunge a una diagnosi di depressione Depressione La depressione è una sensazione di tristezza così intensa da compromettere le normali attività di una persona e/o il suo interesse o piacere per le attività. Può essere dovuta a una perdita... maggiori informazioni , i pazienti possono essere indirizzati a uno specialista in salute mentale. A volte possono essere utili gli antidepressivi.

Lo screening per la depressione è una parte importante della visita medica. Gli assistenti e gli operatori sanitari devono ricercare sintomi di depressione ed essere consapevoli che i soggetti in lutto sono ad alto rischio di suicidio e di malattie. Gli anziani costituiscono il 13% della popolazione, ma rappresentano il 20% di tutti i suicidi, e la frequenza di suicidio negli uomini anziani è 5,25 volte maggiore rispetto alle donne anziane. Gli anziani spesso non manifestano alcuna avvisaglia di suicidio e raramente richiedono un trattamento di salute mentale. I medici sono meno inclini a offrire un trattamento per la depressione ai pazienti anziani rispetto ai pazienti più giovani. Sebbene gli anziani tentino il suicidio meno spesso rispetto ai soggetti appartenenti ad altre fasce d’età, hanno un tasso di successo molto superiore dovuto al fatto che è molto più probabile che usino armi da fuoco nel tentativo (utilizzate nel 71,3% di suicidi riusciti negli anziani) nonché a più problemi di salute e fragilità, di evitare gli interventi, e alla minore probabilità che vivano con altri che potrebbero accorgersi e reagire ai tentativi di suicidio. Pertanto, il rischio di riuscita del suicidio negli anziani con ideazione di suicidio è molto alto.

è essenziale uno screening precoce per la depressione e l’ideazione di suicidio. Gli anziani possono aver bisogno di consulenza psicologica e servizi di supporto (ad esempio, gruppi di supporto per soggetti vedovi), nonché farmaci per ansia o depressione, per aiutare le transizioni difficili.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Disturbi di invecchiamento accelerato
Le sindromi progeroidi sono malattie rare che causano un invecchiamento precoce e riducono l’aspettativa di vita. La sindrome di Werner è una di queste sindromi. Quale delle seguenti ne è la causa?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE