honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Disturbi degli anziani

Di

Richard W. Besdine

, MD, Warren Alpert Medical School of Brown University

Ultima revisione/verifica completa lug 2019| Ultima modifica dei contenuti lug 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Alcuni disturbi si verificano quasi esclusivamente negli anziani. (Vedere anche Panoramica sull’invecchiamento). Talvolta, sono detti sindromi geriatriche (la geriatria si riferisce all’assistenza medica per gli anziani).

Altri disturbi colpiscono persone di tutte le età, ma possono causare diversi sintomi o complicanze negli anziani. Di seguito alcuni esempi:

  • Ghiandola tiroide ipoattiva (ipotiroidismo): di solito, i giovani aumentano di peso e si sentono pigri. Negli anziani, il primo o il principale sintomo può essere uno stato confusionale.

  • Ghiandola tiroide iperattiva (ipertiroidismo): di solito, i giovani diventano agitati e perdono peso. Al contrario, gli anziani possono diventare sonnolenti, introversi, depressi e confusi.

  • Depressione: di solito, i giovani sono soggetti a pianto immotivato, diventano introversi e notevolmente infelici. A volte, gli anziani non sembrano infelici. Invece, diventano confusi, smemorati e svogliati, perdono interesse nelle proprie attività consuete o sembrano solitari.

  • Attacco cardiaco: di solito, i giovani avvertono dolore al petto. Gli anziani possono non avere dolore al petto, ma manifestare difficoltà respiratorie o dolore addominale. Possono sudare copiosamente, sentirsi improvvisamente stanchi, perdere i sensi o sentirsi confusi.

  • Perforazione addominale: un organo nell’apparato digerente, come lo stomaco o l’intestino, occasionalmente si lacera (si perfora), causando gravi infezioni diffuse nella cavità addominale. Di solito, i giovani hanno forti dolori addominali e febbre e avvertono una contrazione dell’addome. Al contrario, gli anziani possono non avvertire alcuno di questi sintomi. Invece, possono diventare confusi o sentirsi molto deboli.

Lo stato confusionale causato da questi disturbi negli anziani è frequentemente scambiato per demenza.

Gli anziani hanno spesso più di un disturbo alla volta. Ogni disturbo può influenzare l’altro. Ad esempio, la depressione può peggiorare la demenza e un’infezione può peggiorare il diabete.

Tuttavia, i disturbi non hanno più gli stessi effetti devastanti o invalidanti che avevano un tempo negli anziani. I disturbi che un tempo potevano provocare persino la morte negli anziani, come attacchi cardiaci, fratture dell’anca e polmonite, spesso possono essere trattati e controllati. Con il trattamento, molte persone affette da malattie croniche, come diabete, disturbi renali e coronaropatia, possono rimanere funzionali, attive e indipendenti.

Tabella
icon

Some Disorders That Affect Mainly Older People

Disturbo

Descrizione

La memoria e altre funzioni mentali tendono a peggiorare progressivamente.

La parete dell’aorta è soggetta a rigonfiamenti. Se non trattato, un aneurisma può rompersi e portare alla morte.

Uretrite atrofica e vaginite

I tessuti nell’uretra si assottigliano, talvolta causando bruciore durante la minzione. I tessuti nella vagina si assottigliano, causando talvolta dolore durante il rapporto sessuale.

La prostata si ingrandisce, bloccando il flusso di urina dalla vescica.

Il cristallino dell’occhio si annebbia, compromettendo la vista.

L’organismo non risponde alla sua stessa produzione di insulina. Questo disturbo può iniziare durante la mezza età. Il trattamento con insulina potrebbe non essere necessario.

Il nervo ottico è danneggiato perché la pressione in una parte dell’occhio è elevata. La vista si riduce progressivamente e può sopravvenire la cecità. Il glaucoma inizia solitamente durante la mezza età.

La cartilagine che riveste le articolazioni degenera, causando dolore. L’osteoartrite inizia solitamente durante la mezza età.

Le ossa diventano meno dense e più fragili. Il risultato è una maggiore probabilità di riportare fratture.

Le cellule nervose nel cervello degenerano lentamente e progressivamente, causando tremore, durezza (rigidità) muscolare, difficoltà motorie e difficoltà a mantenere l’equilibrio.

La pelle si lacera perché la pressione prolungata riduce il flusso ematico all’area colpita.

Nella prostata si sviluppano masse tumorali che finiscono per interferire con il flusso di urina.

Il virus della varicella da un’infezione precedente viene riattivato, causando la comparsa di bolle e talvolta di dolore lancinante prolungato.

Un vaso sanguigno nel cervello è bloccato o rotto. Un ictus provoca sintomi come debolezza o perdita di sensibilità su un lato del corpo, problemi di vista a un occhio, difficoltà di locuzione o comprensione, perdita di equilibrio o di coordinazione o improvviso e intenso mal di testa.

Il flusso di urina non può essere controllato, con la conseguente perdita di urina.

icon

Looking for the Fountain of Youth

Tutti vogliono sapere come rimanere giovani e vivere più a lungo. I ricercatori stanno esaminando geni, cellule, ormoni, abitudini alimentari e altri fattori per scoprire indizi su ciò che provoca l’invecchiamento e come prevenirlo o rallentarlo. La ricerca ha individuato tre strategie che possono aiutare a vivere più a lungo:

Coloro che praticano esercizio fisico sono più sani di coloro che non lo fanno. L’esercizio fisico comporta molti benefici comprovati per la salute: migliora e mantiene la capacità di svolgere le attività quotidiane, mantiene il peso forma e aiuta a prevenire o ritardare malattie come la coronaropatia, i tumori, il diabete, il declino cognitivo e il decesso precoce. Tra tutti i tipi di attività fisica, gli esercizi di resistenza (ad es. camminare, andare in bicicletta, ballare, nuotare, esercizi aerobici a basso impatto) possiedono i benefici di salute meglio documentati per gli anziani. I programmi di attività fisica più impegnativi di una camminata possono comprendere una qualsiasi combinazione di 4 tipi di attività fisica: resistenza, potenziamento muscolare, allenamento dell’equilibrio (ad esempio, thai chi) e flessibilità. A seconda delle condizioni di salute e della forma fisica, un soggetto dovrebbe poter scegliere le attività che più gli piacciono, ma va incoraggiato a includere tutti e 4 i tipi di esercizio.

Coloro che seguono un regime alimentare a basso contenuto di grassi, che include una dieta ricca di frutta e verdura, sono più sani rispetto a coloro che assumono più grassi e amidi. Inoltre, coloro che vivono nei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e consumano la cosiddetta “dieta mediterranea” sembrano vivere più a lungo. Questa dieta è generalmente considerata più sana rispetto alle diete degli Stati Uniti e dei Paesi dell’Europa settentrionale poiché costituita da un maggiore apporto di cereali, frutta, verdura, legumi, noci e pesce e da un minore consumo di carni rosse. Inoltre, il grasso principale consumato è l’olio di oliva. L’olio d’oliva contiene molte vitamine e grassi monoinsaturi anziché saturi. I grassi monoinsaturi non aumentano il colesterolo come fanno i grassi saturi. I dati di sperimentazioni randomizzate ora disponibili affermano che la dieta mediterranea riduce gli attacchi cardiaci, l’ictus, la morte per cause cardiovascolari e l’insorgenza del diabete. Di conseguenza, la maggior parte degli esperti raccomanda di aderire a questa dieta.

Seguire una dieta ipocalorica per tutta la vita può consentire di vivere più a lungo, probabilmente grazie all’azione di rallentamento del metabolismo dell’organismo o di riduzione del numero di alcune sostanze nocive per l’organismo o di entrambi i fattori. Queste sostanze nocive, chiamate radicali liberi, sono sottoprodotti della normale attività delle cellule. Il danno arrecato alle cellule dai radicali liberi si ritiene che contribuisca all’invecchiamento e alla comparsa di patologie come la coronopatia e il cancro. Tuttavia, non è stato condotto alcuno studio inteso a verificare se una dieta a basso contenuto calorico possa prolungare la vita delle persone.

Queste tre strategie richiederebbero un grande cambiamento nello stile di vita per la maggior parte delle persone. Di conseguenza, molti cercano altri modi meno impegnativi per prevenire o rallentare l’invecchiamento. Ad esempio, possono cercare altri modi per gestire i radicali liberi. Le sostanze chiamate antiossidanti possono neutralizzare i radicali liberi e, in teoria, aiutare a prevenire i danni alle cellule. Le vitamine C ed E sono antiossidanti. Pertanto, alcune persone assumono grandi quantità di tali vitamine come integratori alimentari, nella speranza di rallentare il processo di invecchiamento. Altri antiossidanti, come il beta-carotene (una forma di vitamina A), sono talvolta assunti come integratori alimentari. In teoria, l’utilizzo di antiossidanti per prevenire l’invecchiamento ha un senso. Tuttavia, i medici oggi concordano che l’organismo tragga beneficio dai radicali liberi in vari modi, ad esempio, come parte del sistema di difesa immunitario. Pertanto, c’è anche motivo di pensare che l’assunzione di grandi quantità di antiossidanti possa essere nociva, ed esistono evidenze sul fatto che dosi elevate di vitamina E possano nuocere alla salute. In ogni caso, non vi sono studi in cui sia stato dimostrato che gli antiossidanti assunti come integratori alimentari prevengano o rallentino l’invecchiamento. Inoltre, vi è prova diretta che gli antiossidanti assunti come integratori alimentari non proteggono contro malattie come l’infarto, l’ictus o i tumori e non prolungano la durata della vita. Tali integratori alimentari non hanno altresì dimostrato di essere innocui.

I livelli di alcuni ormoni si riducono con l’avanzare dell’età. Pertanto, è possibile provare a ritardare o rallentare l’invecchiamento assumendo integratori alimentari di tali ormoni. Alcuni esempi sono il testosterone, gli estrogeni, il DHEA (deidroepiandrosterone), l’ormone della crescita e la melatonina. Tuttavia, non vi sono prove che gli integratori alimentari ormonali abbiano un qualsiasi effetto sull’invecchiamento e, per di più, alcuni di questi presentano rischi noti. Inoltre, alcuni esperti ritengono che le riduzioni di determinati livelli ormonali possano in realtà prolungare la vita rallentando il metabolismo dell’organismo.

Alcune persone credono che le pratiche orientali, come lo yoga, il tai chi e il qigong, possano prolungare la vita. Queste pratiche si basano sul principio che la salute coinvolge l’intera persona (sotto l’aspetto fisico, emotivo, mentale e spirituale) e l’equilibrio interno dell’organismo. Tali pratiche possono includere il rilassamento, le tecniche di respirazione, la dieta, la meditazione e l’esercizio fisico. Si tratta di pratiche sicure per gli anziani ed è probabile che cimentarsi in esse li faccia sentire meglio. Tuttavia, se tali pratiche prolunghino la vita è difficile da provare.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE