Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Vaiolo delle scimmie

Di

Brenda L. Tesini

, MD, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima revisione/verifica completa dic 2020| Ultima modifica dei contenuti dic 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il vaiolo delle scimmie è causato dal virus del vaiolo delle scimmie, che è affine al virus del vaiolo umano e provoca una malattia simile, ma generalmente più lieve.

L’origine del vaiolo delle scimmie non è nota, ma si ritiene che venga trasmesso da piccoli roditori e scoiattoli che vivono nelle foreste pluviali africane, soprattutto nell’Africa occidentale e centrale. La maggior parte dei casi è stata registrata nella Repubblica democratica del Congo. Nonostante il nome, il virus del vaiolo delle scimmie non vive nelle scimmie.

Il vaiolo delle scimmie è una malattia rara, tuttavia ultimamente il numero dei casi in Africa è in crescita. I motivi di tale aumento possono essere:

Negli Stati Uniti, si è verificata un’epidemia di vaiolo delle scimmie nel 2003, quando roditori infetti sono stati importati dall’Africa come animali domestici. I roditori hanno trasmesso il virus ai cani della prateria domestici, che in seguito hanno infettato persone nel Midwest degli Stati Uniti.

Il vaiolo delle scimmie probabilmente si trasmette attraverso il contatto con i liquidi corporei degli animali infetti, ad esempio, se un animale infetto morde una persona o con l’inspirazione di goccioline disperse nell’aria contenenti il virus. La trasmissione diretta da persona a persona è meno comune.

Il vaiolo delle scimmie in genere si manifesta nei bambini.

I sintomi del vaiolo delle scimmie sono simili a quelli del vaiolo Vaiolo Il vaiolo è una malattia altamente contagiosa, e mortale, causata da virus della specie Variola. La malattia è ormai considerata eradicata. Non si registrano casi di vaiolo dal 1977. È possibile... maggiori informazioni Vaiolo umano. La malattia esordisce con febbre, brividi, cefalea, dolori muscolari, mal di schiena, affaticamento estremo e, a differenza del vaiolo umano, un rilevante edema linfonodale. Tra 1 e 3 giorni dopo la comparsa della febbre, si sviluppa un’eruzione cutanea che frequentemente inizia sul viso e in seguito si diffonde ad altre parti del corpo, palmi delle mani e piante dei piedi compresi.

Come nel vaiolo umano, l’eruzione cutanea del vaiolo delle scimmie insorge sotto forma di macchie piane di colore rosso. In seguito, le macchie si trasformano in vescicole purulente (formando pustole), che dopo diversi giorni evolvono in croste.

Il vaiolo delle scimmie può aumentare la probabilità di sviluppare altre infezioni, in alcuni casi si sviluppano infezioni batteriche della pelle e dei polmoni.

La malattia è solitamente più lieve del vaiolo umano, ma può essere mortale. Durante l’epidemia del 2003 negli Stati Uniti non si è verificato alcun decesso.

Il decorso del vaiolo delle scimmie è generalmente di 2-4 settimane.

La diagnosi del vaiolo delle scimmie può comportare:

  • Invio di campioni di tessuto infetto in laboratorio, per sottoporre il virus a coltura e analisi

  • Analisi del sangue per verificare la presenza di anticorpi contro il virus del vaiolo delle scimmie

  • Identificazione del materiale genetico (DNA) del virus nel tessuto infetto

  • Esame microscopico di un campione di tessuto infetto

Il vaccino JYNNEOS viene utilizzato per la prevenzione sia del vaiolo Vaiolo Il vaiolo è una malattia altamente contagiosa, e mortale, causata da virus della specie Variola. La malattia è ormai considerata eradicata. Non si registrano casi di vaiolo dal 1977. È possibile... maggiori informazioni Vaiolo umano che del vaiolo delle scimmie. Inoltre, dati storici provenienti dall’Africa sembrano indicare che il vaccino contro il vaiolo Vaccino contro il vaiolo Negli Stati Uniti la vaccinazione antivaiolosa di routine è stata interrotta nel 1972 perché il vaiolo è stato debellato. L’ultimo caso noto nel mondo si è manifestato nel 1977 e la vaccinazione... maggiori informazioni abbia un’efficacia pari almeno all’85% nella prevenzione del vaiolo delle scimmie, in quanto il virus del vaiolo delle scimmie è strettamente correlato a quello del vaiolo umano. 

Il trattamento del vaiolo delle scimmie è volto soprattutto ad alleviare i sintomi. Non esiste alcun trattamento comprovato e sicuro per l’infezione da virus del vaiolo delle scimmie. I farmaci antivirali tecovirimat, cidofovir o brincidofovir possono essere utili, tuttavia non sono stati studiati come trattamenti specifici per il vaiolo delle scimmie.

Ulteriori informazioni sul vaiolo delle scimmie

Di seguito si riportano alcune risorse in lingua inglese che possono essere utili. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di tali risorse.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Verruche genitali - infezione da HPV
Negli Stati Uniti, quale percentuale di donne è stata infettata dal papillomavirus umano (HPV) almeno una volta all’età di 50 anni?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE