Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Liquido nell’orecchio (otite media secretiva) nei bambini

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa ago 2018| Ultima modifica dei contenuti ago 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’orecchio medio è uno spazio cavo dietro il timpano. Contiene 3 minuscole ossa che trasmettono le vibrazioni del timpano ai nervi presenti nell’orecchio interno.

La tromba di Eustachio collega la parte posteriore della gola all’orecchio medio.

Il condotto uditivo è il tubo che collega la parte esterna dell’orecchio al timpano.

Interno dell’orecchio

Interno dell’orecchio

Cos’è l’otite media secretiva?

Solitamente, dopo un’infezione dell’orecchio medio (otite media), può accumularsi liquido al suo interno. A questo si riferisce il medico quando dice che è presente liquido nell’orecchio. Non si tratta di acqua entrata nel condotto uditivo a causa di una doccia o nuotando. “Media” significa centrale e “otite” significa orecchio infiammato, pertanto quando nell’orecchio medio viene secreto del liquido, i medici definiscono questa situazione otite media secretiva.

  • Sebbene possa essere la conseguenza di un’infezione dell’orecchio, il liquido presente nell’otite media secretiva non è infetto

  • L’otite media secretiva può insorgere a qualsiasi età, ma è più comune nei bambini

  • Si può avvertire una sensazione di pressione nell’orecchio e subire una perdita parziale dell’udito

  • I medici esaminano l’orecchio e usano un test con onde sonore per stabilire la presenza di liquido

  • Per far defluire il liquido, può essere necessario eseguire un’incisione nel timpano

Quali sono le cause dell’otite media secretiva?

Normalmente, la pressione nell’orecchio medio viene alleviata deglutendo. La deglutizione provoca l’apertura delle trombe di Eustachio, che può avvenire 3 o 4 volte al minuto. Se una tromba di Eustachio è ostruita, si accumula liquido nell’orecchio medio e il timpano non riesce a muoversi come dovrebbe.

Il blocco delle trombe di Eustachio si può verificare quando, a causa di un raffreddore o di allergie, la mucosa delle trombe di Eustachio e delle adenoidi si gonfiano. Le adenoidi, che si trovano a destra dell’apertura delle trombe di Eustachio, sono agglomerati di tessuto che contribuiscono a combattere le infezioni.

Quali sono i sintomi dell’otite media secretiva?

  • Sensazione di pressione nell’orecchio

  • Scoppiettio o crepitio quando si deglutisce

  • Perdita parziale dell’udito

  • A volte, perdita dell’equilibrio

I bambini piccoli con otite media secretiva e perdita dell’udito per un tempo prolungato possono avere problemi a imparare a parlare. L’otite media secretiva aumenta anche il rischio di contrarre più infezioni dell'orecchio (infezioni dell’orecchio acute).

Come viene diagnosticata l’otite media secretiva?

Il medico interviene nel modo seguente:

  • Esaminano l’orecchio del bambino con una luce manuale

  • Eseguono un esame con onde sonore (noto come timpanometria) per verificare la presenza di liquido

  • Eseguono un esame dell’udito

Come si tratta l’otite media secretiva?

La maggior parte dei soggetti migliora senza trattamento. Gli antibiotici non sono utili nell’otite media secretiva.

Per alleviare brevemente la pressione nell’orecchio, si può espirare con la bocca tenendo chiuse le narici con le dita.

Se i sintomi durano più di 3 mesi, può essere necessario:

  • Effettuare un’incisione nel timpano per drenare il liquido

  • Posizionare un piccolo tubo nel timpano per lasciare entrare l’aria da dietro e impedire che si accumuli altro liquido

  • Sottoporsi a un intervento chirurgico per asportare le adenoidi

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE