Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Calendario vaccinale infantile

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
Risorse sull’argomento

Qual è il calendario di vaccinazione infantile raccomandato?

  • Si tratta di un calendario messo a punto dall’Accademia americana di pediatria (American Academy of Pediatrics) e dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Centers for Disease Control and Prevention, CDC) statunitensi

  • Indica quali vaccini sono necessari, l’età a cui si possono effettuare e il numero di iniezioni necessarie

  • È progettato per somministrare i vaccini ai bambini in base all’età in cui è probabile che acquisiscano alcune infezioni

È possibile vaccinare i bambini malati?

È possibile vaccinare bambini se hanno un po' di febbre a causa di una lieve infezione, come un raffreddore comune. Il pediatra del bambino aiuterà a prendere la decisione.

È possibile rimandare o evitare alcuni vaccini infantili?

È più probabile contrarre alcune infezioni se non si segue il calendario raccomandato. Tuttavia, un leggero ritardo di solito non è pericoloso per il bambino né significa che deve ricominciare le iniezioni. In caso di timori sul calendario raccomandato, consultare il pediatra.

Vaccinazioni di routine per neonati e bambini

Seguire il calendario vaccinale raccomandato è importante, poiché aiuta a proteggere i lattanti e i bambini da infezioni che possono essere prevenute. Il calendario riportato di seguito si basa su quello raccomandato dall’American Academy of Pediatrics e dai Centers for Disease Control and Prevention (vedere Calendari di vaccinazione per neonati e bambini). Il calendario indica i vaccini necessari, l’età a cui somministrarli e il numero di dosi (indicati dai numeri nei simboli).

Per la somministrazione di molti vaccini esiste un intervallo d’età accettabile. Ogni pediatra può fornire chiarimenti e raccomandazioni in base alle circostanze e alle condizioni di salute del bambino. Spesso, i vaccini sono associati in modo da ridurre il numero delle iniezioni. Se il calendario vaccinale non viene rispettato, sono raccomandate le vaccinazioni di recupero e i genitori sono tenuti a rivolgersi a un medico o a un consultorio familiare per conoscere i modi in cui rimediare. I genitori sono tenuti a segnalare eventuali effetti collaterali dopo le vaccinazioni al medico del bambino.

Per ulteriori informazioni relative a tale calendario, i genitori devono rivolgersi al medico o visitare i Centers for Disease Control and Prevention sul sito web del National Immunization Program (dati USA).

Vaccinazioni di routine per neonati e bambini

aVaccino contro l’epatite B: Questo vaccino è somministrato alla maggior parte dei neonati prima delle dimissioni dall’ospedale (dati USA). La seconda dose è somministrata tra il primo e il secondo mese, seguito dalla terza dose tra i 6 e i 18 mesi (dati USA).

bVaccino contro il rotavirus: In base al vaccino utilizzato sono somministrate due o tre dosi: a 2 mesi, 4 mesi e 6 mesi o a 2 e 4 mesi (dati USA).

cVaccino contro l’Haemophilus influenzae di tipo b (Hib): A seconda del vaccino Hib utilizzato, sono previste tre o quattro dosi: a 2 mesi, 4 mesi e tra i 12 e i 15 mesi oppure a 2 mesi, 4 mesi, 6 mesi e tra i 12 e i 15 mesi (dati USA).

dVaccino anti-poliovirus: Sono previste quattro dosi di vaccino: a 2 mesi, 4 mesi, tra i 6 e i 18 mesi e tra i 4 e i 6 anni (dati USA).

eVaccino anti-difterite, tetano e pertosse acellulare: Prima dei 7 anni, ai bambini viene somministrato un preparato contro difterite, tetano e pertosse acellulare (DTaP) (dati USA). Sono previste 5 dosi di DTaP: a 2 mesi, 4 mesi, 6 mesi, tra i 15 e i 18 mesi e tra i 4 e i 6 anni (dati USA).

È raccomandata una dose di un preparato contro tetano, difterite e pertosse (Tdap) destinato agli adolescenti tra gli 11 e i 12 anni (dati USA).

fVaccino anti-pneumococco: Sono previste quattro dosi di vaccino: a 2 mesi, 4 mesi, 6 mesi e tra i 12 e i 15 mesi (dati USA).

gVaccino anti-meningococco: Sono previste due dosi: all’età di 11-12 anni e a 16 anni (non illustrate nel calendario precedente; dati USA).

hVaccino antinfluenzale: Il vaccino antinfluenzale andrebbe somministrato ogni anno a tutti, a partire dai 6 mesi. Nella maggior parte dei casi è necessaria solo una dose. Ai bambini tra 6 mesi e 8 anni vanno somministrate due dosi ad almeno 4 settimane di distanza, nel caso di prima vaccinazione antinfluenzale (dati USA).

iVaccino anti-morbillo-parotite-rosolia (MPR): Sono previste due dosi: tra i 12 e i 15 mesi e tra i 4 e i 6 anni (dati USA).

jVaccino anti-varicella: Sono previste due dosi: tra i 12 e i 15 mesi e tra i 4 e i 6 anni (dati USA).

kVaccino anti-epatite A: Per una protezione duratura sono necessarie due dosi del vaccino anti-epatite A. La prima dose è somministrata tra i 12 e i 23 mesi, mentre la seconda a distanza di 6-18 mesi (dati USA). Se i bambini di oltre 23 mesi di età non sono stati vaccinati, è possibile somministrare loro il vaccino contro l’epatite A per proteggerli contro la malattia.

lVaccino anti-papilloma virus umano (HPV): il vaccino contro il papilloma virus umano è somministrato agli adolescenti (maschi e femmine) in 2 o 3 dosi. Il numero di dosi dipende dall’età dell’adolescente al momento della somministrazione della prima dose. Ai ragazzi che ricevono la prima dose all’età di 9-14 anni sono somministrate due dosi, a distanza di almeno 5 mesi (dati USA). Ai ragazzi che ricevono la prima dose all'età di 15 anni o più vengono somministrate 3 dosi (dati USA). La seconda dose è somministrata almeno 1 mese dopo la prima, mentre la terza dose è somministrata almeno 5 mesi dopo la prima (dati USA). La vaccinazione di routine è raccomandata all’età di 11-12 anni.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE