Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Colecistite

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Cos’è la colecistite?

La colecistite è un’infiammazione (gonfiore) della cistifellea. La cistifellea è una piccola sacca sotto il fegato in cui viene immagazzinata la bile, un liquido digestivo che aiuta a scomporre i grassi del cibo.

  • La colecistite può provocare dolori addominali che durano oltre 6 ore, febbre e disturbi di stomaco

  • In genere il medico esegue un’ecografia della cistifellea per stabilire se sia in atto una colecistite

  • Il medico tratta la colecistite asportando chirurgicamente la cistifellea

  • La colecistite si dice acuta se inizia all’improvviso e dura poco

  • La colecistite diventa cronica dopo vari attacchi di colecistite acuta

  • Nella colecistite cronica, il tessuto cicatriziale che si sviluppa ostacola il funzionamento della cistifellea e causa comunque dolore

Quali sono le cause della colecistite?

La causa più comune della colecistite è rappresentata dai calcoli biliari. I calcoli biliari sono ammassi di materiale solido che possono formarsi nella cistifellea. Quando un calcolo biliare blocca il dotto cistico, si può avere un attacco di colecistite. Il dotto cistico è il tubicino che porta la bile dalla cistifellea all’intestino. Quando il dotto è bloccato, il liquido non è in grado di lasciare la cistifellea. Il liquido irrita la cistifellea e crea gonfiore e dolore.

A volte il calcolo biliare si sblocca e fuoriesce nell’intestino oppure ritorna nella cistifellea che riesce a drenare il liquido, con conseguente scomparsa del dolore. Tuttavia, potrebbe formarsi un altro calcolo che può bloccare la cistifellea e causare un altro attacco.

La colecistite può anche essere causata da un’infezione o da tumori della cistifellea, ma solo in casi rari.

Colecistite alitiasica

La colecistite senza calcoli biliari è detta colecistite alitiasica. Anziché i calcoli biliari, nella cistifellea possono essere presenti pezzettini di materiale che formano una sorta di melma. Gli attacchi di colecistite alitiasica possono essere causati da:

  • Intervento chirurgico maggiore

  • Lesioni gravi, ustioni gravi o infezione del sangue (sepsi)

  • Alimentazione in vena per molto tempo

  • Non mangiare per molto tempo

  • Problemi al sistema immunitario

Quali sono i sintomi della colecistite?

La colecistite può avere un esordio improvviso (acuta) o può ripetersi nel tempo (cronica).

Sintomi della colecistite acuta:

  • Dolore costante nell’area superiore destra dell’addome per oltre 6 ore, peggiorato dalla compressione dell’area o dalla respirazione profonda, e che potrebbe estendersi fino alla scapola destra e alla schiena

  • Vomito o mal di stomaco

  • Febbre e brividi

Generalmente le coliche durano dai 30 minuti ai 2 o 3 giorni, ma possono essere gravi e durare più a lungo.

Le persone più anziane (di età superiore a 55 anni) possono manifestare sintomi diversi per la colecistite acuta. Fra cui:

  • Mancanza di appetito

  • Stanchezza o debolezza

  • Vomito

La febbre è meno frequente negli anziani.

Se i sintomi durano più di qualche ora o se si manifesta uno o più dei seguenti sintomi, rivolgersi a un medico:

  • Dolore sempre più grave

  • Febbre alta

  • Occhi o cute gialli

  • Urine di colore scuro o feci di colore chiaro

Sintomi della colecistite cronica:

  • Coliche ripetute di colecistite acuta

  • Dolore che può essere meno grave e può durare meno della colecistite acuta

In che modo il medico stabilisce se ho la colecistite?

I medici controllano se i sintomi sono causati dalla colecistite con i seguenti esami:

  • Ecografia della cistifellea: un esame che utilizza onde sonore per creare un’immagine in movimento

  • Colecistoscintigrafia: un esame in cui viene iniettata in vena una sostanza che consente al medico di vedere se c’è qualcosa che blocca la cistifellea

  • Esami del sangue

  • TC: uno speciale esame con raggi X che crea un’immagine dettagliata degli organi

Quali sono i trattamenti per la colecistite?

In genere i medici eseguono un intervento chirurgico per asportare la cistifellea.

Il paziente viene ricoverato in ospedale e non può bere né mangiare. Inoltre i medici somministrano:

  • Liquidi per via endovenosa

  • Antibiotici

  • Farmaci analgesici

Generalmente, si interviene rapidamente asportando la cistifellea (entro 24-48 ore dall’insorgenza dei sintomi) se il paziente:

  • è affetto da colecistite acuta e il rischio di un intervento chirurgico è basso

  • È anziano

  • ha il diabete

  • può essere soggetto a complicanze

  • presenta una colecistite alitiasica

A volte il medico somministra liquidi in vena, antibiotici e antidolorifici, e attende qualche settimana o più prima di procedere all’intervento chirurgico. Nella maggior parte dei casi, però, è preferibile eseguire prima l’intervento chirurgico,

generalmente in laparoscopia. I medici eseguono un forellino nell’addome e inseriscono un catetere rigido dotato di telecamera (laparoscopio) per vedere l’interno del corpo. Quindi eseguono ancora uno o due fori per inserire gli strumenti necessari per asportare la cistifellea, che viene estratta dal foro più piccolo.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE