Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sui farmaci

Di

Shalini S. Lynch

, PharmD, University of California San Francisco School of Pharmacy

Ultima revisione/verifica completa lug 2019| Ultima modifica dei contenuti lug 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

La legislazione statunitense e le varie legislazioni europee indicano con il termine “farmaco” qualunque sostanza (che non sia un dispositivo meccanico o un alimento) studiata per un impiego diagnostico, terapeutico, palliativo, risolutivo o preventivo e volta a influenzare la struttura o la funzione dell’organismo (i contraccettivi orali sono un esempio di farmaci che influiscono sulla funzione dell’organismo piuttosto che su una malattia). Questa definizione esaustiva di farmaco, sebbene importante per fini legali, è piuttosto complessa nella vita di tutti i giorni. Una definizione più semplice, ma comprensibile, considera farmaco qualunque sostanza chimica o biologica in grado di influenzare l’organismo e i suoi processi.

Alcuni circoscrivono erroneamente il termine farmaco a una sostanza in grado di generare una sensazione piacevole. L’uso eccessivo e continuo di sostanze che alterano la mente senza una necessità clinica accompagna da sempre l’impiego corretto dei farmaci. Alcune delle sostanze che rientrano in questa categoria hanno scopi medici legittimi, altre no (vedere Panoramica dei disturbi correlati a sostanze).

Farmaci con o senza obbligo di prescrizione

I farmaci sono divisi per legge in due categorie: a prescrizione obbligatoria e senza obbligo di prescrizione.

I farmaci con obbligo di prescrizione, il cui uso è considerato sicuro solo sotto controllo medico, possono essere dispensati solo dietro prescrizione di un professionista abilitato in base alle norme governative (per esempio, medico, dentista, podologo, infermiere professionale, assistente medico o veterinario).

I farmaci senza obbligo di prescrizione, il cui uso è considerato sicuro anche senza controllo medico (come l’ aspirina), sono venduti liberamente. Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) è l’ente governativo che decide quali farmaci richiedono una prescrizione e quali possono essere venduti liberamente.

Gli integratori alimentari (per esempio, erbe medicinali e nutraceutici) sono prodotti intesi ad integrare la dieta, che possono contenere vitamine, amminoacidi, minerali e piante o altre sostanze di origine vegetale (botaniche). Poiché gli integratori alimentari non sono classificati come farmaci, non richiedono l’approvazione dell’FDA prima dell’immissione in commercio e non devono soddisfare gli stessi standard imposti ai farmaci in materia di sicurezza ed efficacia. Anche se questi prodotti non sono classificati come farmaci, possono avere nell’organismo un’azione simile a quella di un farmaco e causare problemi di salute se usati scorrettamente o assunti in quantità eccessive. Poiché questi prodotti non sono conformi agli standard dell’FDA sulla sicurezza e l’efficacia, non possono avere un’indicazione per il trattamento di patologie o disturbi specifici.

Denominazione dei farmaci

Una certa conoscenza dei nomi dei farmaci può essere d’aiuto nella comprensione delle relative schede tecniche. Tutti i farmaci hanno almeno tre nomi: uno chimico, uno generico (non brevettato o ufficiale) e uno di marca (brevetto o marchio di fabbrica) (vedere barra laterale Che cosa è racchiuso in un nome?).

Il nome chimico descrive la struttura atomica o molecolare del farmaco. Questo nome, in genere, è troppo complesso e difficile per l’uso abituale. Di conseguenza, spesso, una commissione ufficiale assegna al farmaco un nome generico.

Di solito, i nomi generici per farmaci di uno stesso gruppo (classe) hanno lo stesso suffisso (terminano con le stesse lettere). Per esempio, i nomi di tutti i beta-bloccanti, utilizzati per il trattamento di alcuni disturbi, come l’ipertensione arteriosa, terminano con il suffisso “lolo” (come metoprololo e propranololo).

Il nome commerciale viene scelto dalla casa farmaceutica che produce o distribuisce il farmaco in questione. I farmaci brevettati vengono spesso venduti con un nome commerciale. La versione generica dei farmaci di marca, prodotta dopo la scadenza del brevetto della casa farmaceutica, può essere venduta con un nome generico (per esempio, ibuprofene) o sotto lo stesso nome commerciale del produttore (per esempio, Advil).

Gruppi di farmaci

È inoltre utile conoscere il gruppo di appartenenza del farmaco. In generale, i farmaci vengono classificati in base all’uso terapeutico, ovvero in base al disturbo o al sintomo per cui sono impiegati. Per esempio, i farmaci utilizzati per trattare l’ipertensione arteriosa vengono denominati antipertensivi (ipertensione nel gergo tecnico indica un aumento della pressione sanguigna) e quelli contro la nausea vengono denominati antiemetici (emesi è il termine tecnico per indicare il vomito). Nell’ambito di ciascun gruppo terapeutico, i farmaci vengono suddivisi in classi. Alcune si basano sul meccanismo d’azione dei farmaci sull’organismo. Per esempio, i diuretici, i calcio-antagonisti, i betabloccanti e gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (angiotensin-converting enzyme, ACE) sono tutte classi di antipertensivi che si differenziano per un diverso meccanismo d’azione.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Inalatori
Video
Inalatori
Alcune persone hanno difficoltà di respirazione dovute a malattie che interessano le vie aeree...
Panoramica su assorbimento, metabolismo ed escrezione...
Video
Panoramica su assorbimento, metabolismo ed escrezione...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE