Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Struttura e funzione degli occhi

Di

James Garrity

, MD, Mayo Clinic College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa mar 2019| Ultima modifica dei contenuti mar 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Le strutture e le funzioni degli occhi sono complesse. Ciascun occhio regola costantemente la quantità di luce che vi penetra all’interno, focalizza gli oggetti vicini e lontani e crea immagini continue che vengono istantaneamente trasmesse al cervello.

L’orbita è una cavità ossea che contiene il bulbo oculare, i muscoli, i nervi e i vasi sanguigni, nonché le strutture che secernono e drenano le lacrime. Ciascun’orbita, di forma piramidale, è composta da diverse ossa.

Struttura interna dell’occhio

Struttura interna dell’occhio

Il rivestimento esterno del bulbo oculare è costituito da una membrana biancastra, piuttosto resistente, detta sclera (o bianco dell’occhio).

In prossimità della porzione anteriore dell’occhio, nell’area protetta dalle palpebre, la sclera è ricoperta da una sottile membrana trasparente (congiuntiva) che raggiunge il bordo della cornea. e riveste anche la superficie interna umida delle palpebre e dei bulbi oculari.

La luce entra nell’occhio attraverso la cornea, la membrana trasparente convessa davanti all’iride e alla pupilla. La cornea ha una funzione protettiva per la parte anteriore dell’occhio e contribuisce alla messa a fuoco dei raggi luminosi che colpiscono la retina, posta nel fondo oculare.

Dopo aver attraversato la cornea, i raggi luminosi attraversano la pupilla (il punto nero al centro dell’occhio).

L’iride, l’area colorata circolare dell’occhio che circonda la pupilla, controlla la quantità di luce che entra nell’occhio. Quando l’ambiente è buio, l’iride lascia penetrare più luce nell’occhio (allargando o dilatando la pupilla) e al contrario, quando l’ambiente è luminoso, ne lascia penetrare meno (contraendo o costringendo la pupilla). La pupilla si dilata e si costringe come l’apertura dell’obiettivo di una fotocamera in base al cambiamento della quantità di luce nell’ambiente circostante. Le dimensioni della pupilla sono regolate dall’azione del muscolo sfintere della pupilla e del muscolo dilatatore.

Dietro l’iride si trova il cristallino. Cambiando la sua forma, il cristallino focalizza i raggi luminosi sulla retina. Attraverso l’azione di piccoli muscoli (detti muscoli ciliari), il cristallino si fa più spesso per mettere a fuoco gli oggetti vicini e più sottile per gli oggetti lontani.

La retina contiene le cellule sensibili alla luce (fotorecettori) e i vasi sanguigni che le nutrono. La parte più sensibile della retina è una piccola area detta macula, ricca di milioni di fotorecettori fittamente concentrati (il tipo detto coni). L’elevata densità dei coni nella macula rende le immagini dettagliate, proprio come succede con le fotocamere digitali: più megapixel hanno, più è alta la risoluzione.

Ciascun fotorecettore è collegato a una fibra nervosa. Le fibre nervose dei fotorecettori si riuniscono in fasci che costituiscono il nervo ottico. Il disco ottico, la porzione anteriore del nervo ottico, è localizzato nel fondo dell’occhio.

I fotorecettori retinici traducono l’immagine in impulsi elettrici che vengono trasmessi al cervello attraverso il nervo ottico. Esistono principalmente due tipi principali di fotorecettori: coni e bastoncelli.

I coni sono responsabili della percezione visiva centrale accurata e dei colori e sono concentrati soprattutto nella macula.

I bastoncelli sono responsabili della visione periferica (laterale) e notturna. I bastoncelli sono più numerosi dei coni e molto più sensibili alla luce, ma non registrano i colori né contribuiscono alla visione centrale dettagliata come fanno i coni. I bastoncelli sono raggruppati principalmente nelle aree periferiche della retina.

Il bulbo oculare è suddiviso in due parti, ciascuna piena di liquido. La pressione generata da questi liquidi riempie il bulbo oculare e aiuta a mantenerne la forma.

La parte anteriore (segmento anteriore) si estende dall’interno della cornea alla superficie anteriore del cristallino e contiene un liquido definito umor acqueo che nutre le strutture al suo interno. Il segmento anteriore è suddiviso in due camere. La camera anteriore si estende dalla cornea all’iride. La camera posteriore si estende dall’iride al cristallino. Normalmente, l’umor acqueo è prodotto nella camera posteriore, fluisce lentamente attraverso la pupilla nella camera anteriore e poi viene drenato fuori dal bulbo oculare attraverso le vie di deflusso poste dove l’iride incontra la cornea.

La parte posteriore (segmento posteriore) si estende dalla superficie posteriore del cristallino fino alla retina e contiene una sostanza gelatinosa definita umor vitreo.

Decorso delle vie ottiche

I segnali nervosi partono da ciascun occhio lungo il corrispondente nervo ottico e altre fibre nervose (dette tratto ottico) verso la porzione occipitale del cervello, dove si forma la sensazione visiva con conseguente interpretazione. I due nervi ottici si incontrano nel chiasma ottico, che è un’area posta dietro agli occhi immediatamente davanti all’ipofisi e appena sotto la porzione anteriore del cervello. Il nervo ottico proveniente da ciascun occhio si divide nel chiasma ottico. Metà delle fibre nervose da ciascun lato passa all’altro lato e continua verso la porzione occipitale del cervello. Quindi, il lato destro del cervello riceve le informazioni da entrambi i nervi ottici per il campo visivo sinistro e il lato sinistro riceve le informazioni per il campo visivo destro. La metà di questi campi visivi si sovrappone ed è percepita da entrambi gli occhi (detta visione binoculare).

Un oggetto viene osservato da angoli leggermente diversi da ogni occhio, quindi le informazioni che il cervello riceve da ogni occhio sono diverse, anche se si sovrappongono. Il cervello integra le informazioni per produrre un’immagine completa. Questo processo è la base della visione stereoscopica o percezione della profondità.

Decorso delle vie ottiche
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sugli occhi
Video
Panoramica sugli occhi
Modelli 3D
Vedi Tutto
Glaucoma
Modello 3D
Glaucoma

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE