Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Disturbo fittizio imposto a un’altra persona

Di

Joel E. Dimsdale

, MD, University of California, San Diego

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il disturbo fittizio imposto a un’altra persona è la falsificazione o la produzione dei sintomi di un disturbo psicologico o fisico in un’altra persona. Di solito, viene attuato dagli assistenti, le persone che prestano assistenza a malati (solitamente i genitori).

Questo disturbo veniva chiamato disturbo fittizio per procura o sindrome di Munchausen per procura.

Il disturbo fittizio imposto a un’altra persona è simile al disturbo fittizio autoimposto, tranne che il soggetto (solitamente l’assistente, generalmente un genitore) falsifica intenzionalmente o produce sintomi fisici o psicologici nella persona assistita (di solito un bambino che non è in grado di contraddire le falsità dell’assistente o di indicare in che modo l’assistente ha arrecato danni).

L’assistente falsifica l’anamnesi, ad esempio affermando che il bambino ha avuto febbre o vomito a casa quando in realtà stava bene. Alcuni assistenti possono perfino arrecare danni al bambino con farmaci o altri agenti oppure aggiungere sangue o contaminanti batterici ai campioni di urina del bambino, nel tentativo di simulare una patologia. L’assistente ricorre alle cure mediche per il bambino e sembra essere molto preoccupato e protettivo. Il bambino generalmente presenta un’anamnesi di ricoveri frequenti, di solito per una serie di sintomi aspecifici, ma senza che abbia mai ricevuto una diagnosi certa. Questi bambini possono essere gravemente malati e talvolta decedono a causa dei tentativi dell’assistente di simulare una patologia.

Come per il disturbo fittizio autoimposto, l’assistente non ha evidenti motivazioni esterne per il comportamento. Ad esempio, l’assistente non sta tentando di coprire segni di abuso di minore.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE