Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile

(FXTAS)

Di

Hector A. Gonzalez-Usigli

, MD, HE UMAE Centro Médico Nacional de Occidente

Ultima revisione/verifica completa set 2020| Ultima modifica dei contenuti set 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

La sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile è una malattia genetica che colpisce prevalentemente gli uomini e causa tremore, perdita di coordinazione e deterioramento della funzione mentale.

  • La sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile è causata da una mutazione genetica.

  • Generalmente, si sviluppano prima dei tremori alle mani, seguiti da perdita di coordinazione, rallentamento dei movimenti, diminuzione dell’espressione facciale e, infine, demenza.

  • I test genetici possono confermare la diagnosi.

  • Primidone, propranololo o farmaci utilizzati per trattare la malattia di Parkinson possono spesso alleviare i tremori.

La sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile può colpire fino a 1 uomo su 3.000 oltre i 50 anni.

La sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile risulta da un’anomalia meno estesa (chiamata premutazione) in un gene sul cromosoma X (uno dei cromosomi sessuali). I maschi hanno un cromosoma X e un cromosoma Y, mentre le femmine hanno 2 cromosomi X. I maschi ereditano un cromosoma X dalla madre e un cromosoma Y dal padre. Se il cromosoma X ereditato dalla madre contiene il gene anomalo che causa la sindrome da tremore/atassia associata alla X fragile, manifesteranno il disturbo, che è classificato come una malattia legata al cromosoma X. Nelle malattie legate al cromosoma X, i sintomi sono solitamente più grave nei ragazzi e negli uomini. La presenza di un altro cromosoma X nelle ragazze e nelle donne potrebbe aiutare a proteggerle. Una mutazione più estesa (completa) in questo gene provoca la sindrome dell’X fragile (che causa disabilità intellettuali) nei bambini.

Le persone con premutazione sono considerate portatrici (persone con un gene anomalo per un disturbo, che non ne hanno i sintomi). Tuttavia, circa il 30% degli uomini e meno del 5% delle donne con premutazione sviluppano una sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile. Il rischio di sviluppare la malattia aumenta con l’invecchiamento.

Gli uomini con premutazione lo trasmettono alle figlie (ma non ai figli). La maggior parte delle donne con premutazione non sono colpite e quindi possono passare inconsapevolmente il gene ai figli maschi (nipoti degli uomini con premutazione). I figli di queste donne hanno il 50% di probabilità di ereditare la premutazione. Quando la premutazione passa dalla madre al figlio, a volte si trasforma in una mutazione completa, causando la sindrome associata all’X fragile nel bambino.

Sintomi

I sintomi della sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile si sviluppano di solito durante l’età adulta avanzata.

Il primo sintomo è spesso

  • Tremore alle mani, in genere quando le persone cercano di compiere un’azione

Altri sintomi includono tremore a riposo, perdita di coordinazione, lentezza nei movimenti, rigidità e diminuzione dell’espressione facciale (sintomi parkinsoniani).

Le persone possono avere difficoltà a ricordare eventi recenti e a risolvere problemi. Possono pensare più lentamente. La funzione mentale può deteriorarsi progressivamente. Possono presentarsi anche disturbi della personalità, come depressione, ansia, impazienza, ostilità e malumore.

Si può perdere la sensibilità ai piedi. Gli organi interni possono funzionare male. Le persone colpite possono sentirsi stordite quando si alzano perché la pressione arteriosa non aumenta come dovrebbe (ipotensione ortostatica). Infine, possono perdere il controllo della vescica e dell’intestino.

Dopo la comparsa dei sintomi, possono vivere ancora dai 5 ai 25 anni.

Nelle donne con premutazione, i sintomi sono solitamente meno gravi, probabilmente perché hanno un altro cromosoma X, che sembra proteggere dagli effetti del cromosoma X con la premutazione. Le donne con la premutazione hanno più probabilità di avere una menopausa precoce e problemi di infertilità rispetto a quelle che ne sono prive.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Test genetici

  • Talvolta, risonanza magnetica per immagini

La sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile spesso non viene identificata o è confusa con disturbi che causano sintomi simili, come la malattia di ParkinsonMalattia di Parkinson (Parkinson Disease, PD) e la malattia di Alzheimer. I tremori possono essere scambiati per tremore essenziale (un disturbo del tremore che causa raramente altri sintomi).

Se il medico sospetta la sindrome da tremore/atassia associata alla X fragile, chiede informazioni sui sintomi fra i familiari, in particolare se i nipoti hanno difficoltà intellettuali o se le figlie hanno avuto menopausa precoce o problemi di infertilità.

Quando il medico esamina i bambini con sindrome da X fragile, deve scoprire se i nonni hanno avuto sintomi che possono suggerire una sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile.

Può essere effettuata una risonanza magnetica per immagini (RMI) per verificare la presenza di anomalie caratteristiche nel cervello.

I test genetici possono confermare la diagnosi.

Le figlie e i nipoti maschi degli uomini con sindrome da tremore/atassia associata all’X fragile devono sottoporsi a consultazione genetica. Nelle figlie si può controllare la premutazione, in modo tale che possano decidere se avere bambini e se sottoporsi ad esami prenatali in caso di gravidanza.

Trattamento

  • Farmaci per controllare il tremore

I tremori sono spesso alleviati dal primidone (un farmaco anticonvulsivante), il propranololo (un betabloccante) oppure molti dei farmaci utilizzati per controllare il tremore dovuto alla malattia di Parkinson.

Ulteriori informazioni

Di seguito si riporta una risorsa in lingua inglese che può essere utile. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di questa risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE