Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Limitazione dell’attività fisica

Di

Andrea D. Thompson

, MD, PhD, Department of Internal Medicine, Division of Cardiovascular Medicine, University of Michigan;


Michael J. Shea

, MD, Michigan Medicine at the University of Michigan

Ultima revisione/verifica completa mag 2018| Ultima modifica dei contenuti giu 2018
per accedere alla Versione per i professionisti

Le cardiopatie possono ridurre la capacità di eseguire attività fisica di un soggetto. Un modo per valutare la gravità della cardiopatia è definire l’entità della limitazione dell’attività fisica attraverso

il sistema di classificazione funzionale della New York Heart Association (NYHA):

  • Classe I: Malattia lieve: l’attività fisica ordinaria può non essere limitata.

  • Classe II: Malattia moderata: l’attività ordinaria dà luogo a sintomi.

  • Classe III: Malattia moderatamente grave: l’attività di grado lievemente più intenso di quella ordinaria dà luogo a sintomi.

  • Classe IV: Malattia grave: i sintomi si presentano a riposo e si aggravano con attività fisica di qualunque entità.

Si tratta tuttavia di un sistema non infallibile, poiché perfino una cardiopatia grave può essere asintomatica se si riduce il livello di attività per compensarla.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE