Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Aglio

Di

Laura Shane-McWhorter

, PharmD, University of Utah College of Pharmacy

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

L’aglio è da lungo tempo impiegato sia in cucina sia in medicina. Il taglio o la triturazione del bulbo dell’aglio rilascia un derivato aminoacidico detto allicina, responsabile del caratteristico odore forte e delle proprietà medicinali.

Poiché i principi attivi sono distrutti quando l’aglio viene schiacciato, la quantità di principio attivo in varie forme di aglio varia notevolmente. L’estratto di aglio invecchiato (EGA), ricavato da aglio lasciato invecchiare per almeno 20 mesi, ha più composti attivi stabili rispetto alla maggior parte delle forme. L’assunzione di integratori di aglio in questa forma sembra fornire i maggiori benefici per la salute e con minori effetti avversi.

Presunti effetti medicinali

L’aglio riduce la normale tendenza alla coagulazione delle particelle presenti nel sangue che aiutano ad arrestare il sanguinamento (piastrine). Poiché l’aglio blocca la riproduzione di microrganismi (come i batteri), può essere usato come antisettico e antibatterico. A grandi dosi, l’aglio può ridurre leggermente la pressione arteriosa sistolica e diastolica. L’effetto dell’aglio sull’abbassamento del colesterolo non è costante, tuttavia degli studi hanno dimostrato che abbassa i livelli di colesterolo totale legato alle lipoproteine a bassa densità (LDL), ovvero il colesterolo cattivo. Le affermazioni che l’aglio aiuta a prevenire i tumori sono supportate da scarse evidenze. L’aglio può abbassare i livelli di glicemia a digiuno.

Nella maggior parte degli studi sono stati utilizzati estratti di aglio invecchiato. Le preparazioni formulate per avere un leggero o nessun odore possono essere inattive e necessitano di approfondimenti.

Possibili effetti collaterali

In genere l’aglio non ha effetti nocivi, a parte quello di produrre un odore sgradevole (di aglio, appunto) nell’alito, nel corpo e nel latte materno. Tuttavia, il consumo di grandi quantità può provocare nausea e bruciore alla bocca, all’esofago e allo stomaco.

Possibili interazioni farmacologiche

L’aglio interagisce con i farmaci preposti alla prevenzione delle trombosi (come il warfarin), aumentando il rischio di sanguinamento. Pertanto, non deve essere ingerito o assunto come integratore una settimana prima di un intervento chirurgico o prima di una procedura dentale. L’aglio può interagire con i farmaci usati per trattare le infezioni da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) riducendone l’efficacia, e può interagire con i farmaci che diminuiscono la glicemia Trattamento del diabete mellito con farmaci Molti soggetti con diabete devono assumere farmaci per ridurre i livelli di glucosio nel sangue, alleviare i sintomi e prevenire le complicanze del diabete. Esistono due tipi di diabete mellito... maggiori informazioni Trattamento del diabete mellito con farmaci causando una riduzione eccessiva dei livelli glicemici.

Ulteriori informazioni sull’aglio

Di seguito si riporta una risorsa in lingua inglese che può essere utile. Si tenga presente che IL MANUALE non è responsabile dei contenuti di tale risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Ricovero ospedaliero
Le persone possono essere ricoverate in ospedale attraverso il pronto soccorso o per richiesta del proprio medico. Quale delle seguenti è una delle cose più importanti che si dovrebbe portare con sé in ospedale?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE